Scoperta centrale di ricettazione degli smartphone

L'operazione dei poliziotti alla Duchesca a Napoli. Rinvenuti oltre cento telefonini e apparecchi elettronici in un'abitazione, scattano tre denunce

Fugge alla vista degli agenti che, insospettiti dal suo insolito comportamente, lo bloccano e scoprono, in casa sua, una piccola centrale della ricettazione di smartphone e materiale hi-tech: finiscono nei guai tre cittadini gambiani alla Duchesca a Napoli.

I fatti si sono registrati nella serata di lunedì scorso. Durante uno dei normali servizi di controllo e monitoraggio del territorio, gli agenti in servizio presso il commissariato Vicaria-Mercato, hanno notato le mosse sospette di uno straniero. L’uomo, un extracomunitario che poi è risultato essere originario dello Stato africano del Gambia, aveva adocchiato la presenza della volante dei tutori dell’ordine. E, senza un'apparente ragione, aveva tentato di nascondersi alla loro vista. I poliziotti, a dir poco insospettiti dall’atteggiamento fin troppo guardingo dell’uomo, hanno deciso di volerci veder chiaro e, così, sono riusciti a bloccare in pochi minuti lo straniero. Volevano capire cosa motivasse la circospezione dell’uomo e da una rapida perquisizione sono spuntate fuori le ragioni del tentativo di elusione dell’uomo. Il gambiano, infatti, è stato scoperto in possesso di ben quattro telefoni cellulari di dubbia provenienza.

È scattata, così, la perquisizione in casa dello straniero. E qui i poliziotti si sono imbattuti in altre due persone, connazionali dell’uomo bloccato in strada, che erano intenti a smontare smartphone e materiale tecnologico. Nell’appartamento, in tutto, i poliziotti hanno rinvenuto ben centodieci apparecchi elettronici. Non solo telefonini, tra gli oggetti ritrovati in quell’abitazione c’erano anche tablet e personal computer. In più, gli agenti hanno scoperto e rinvenuto anche tutti gli strumenti tecnici utili a disassemblare e smontare i congegni hi-tech. Per loro, dunque, è scattata la denuncia: risponderanno dell’ipotesi di reato di ricettazione. Per uno dei tre stranieri, però, il quadro è ancora più pesante perché dai controlli effettuati dai poliziotti è risultato titolare di un permesso di soggiorno ormai scaduto. A suo carico, dunque, ci sarà anche l’accusa di ingresso e soggiorno illegale nello Stato.

L’operazione della polizia si iscrive nel novero degli interventi finalizzati al contrasto delle centrali di ricettazione, piccole e grandi, che favoriscono e ingrossano i mercati abusivi e sommersi della merce rubata o contraffatta. A testimonianza dell’impegno delle forze dell’ordine sul delicatissimo fronte che rappresenta una importante fonte di reddito per gruppi che operano al di fuori del perimetro della legge.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.