Scoperto l'essiccatoio della canapa, scattano gli arresti

Blitz della polizia di Stato in un appartamento disabitato a Torre Annunziata, scoperti e arrestati due giovani. Sotto sequestro 56 chili di droga

In un appartamento disabitato c’era un vero e proprio essiccatoio della canapa. Blitz della polizia a Torre Annunziata, in provincia di Napoli. Arrestati due giovani sorpresi a “lavorare” circa cinquantasei chili di droga.

La scoperta è stata fatta dagli agenti in servizio presso il commissariato della polizia di Stato nel centro oplontino. I poliziotti, nell’ambito dei consueti servizi di controllo e monitoraggio a contrasto del fenomeno dello spaccio di droga, hanno fatto irruzione all’interno di un’abitazione deserta in vico Gelso. Così hanno potuto scoprire che lì dentro si svolgeva un’attività di essiccazione della canapa. Si sono imbattuti, infatti, in due giovani rispettivamente di 25 e 21 anni che, proprio negli istanti in cui i tutori dell’ordine sono penetrati in quell’appartamento, erano impegnati a “lavorare” la droga.

La canapa, per una quantità complessiva stimata in circa 56 chilogrammi, è risultata stipata in diversi bustoni di colore nero. All’interno dell’abitazione era stato allestito, utilizzando vecchi mobili e reti per materassi, una sorta di essiccatoio artigianale. Per i due giovani sono scattate le manette. Risponderanno entrambi dell’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?