La spiaggia della Gaiola a Napoli trasformata in una discarica

A denunciare il degrado in uno dei luoghi più amati dai napoletani è il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli: “Un atteggiamento incivile e vergognoso”

In questi ultimi giorni d’estate la spiaggia della Gaiola a Napoli è stata trasformata in una discarica a cielo aperto. A denunciare il degrado in uno dei luoghi più amati dai napoletani è il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli. “Una cittadina – afferma l’esponente politico – ci ha segnalato una foto che mostra come è ridotta al tramonto la spiaggia della Gaiola.

I bagnanti abbandonano di tutto sull’arena: bicchieri, stoviglie monouso usate, bottiglie di vetro e resti di cibo. Un atteggiamento incivile e vergognoso che si somma alle carenze del servizio dell’Asia, che non svuota regolarmente i cestini che, tra l’altro, sono pochi se rapportati alla mole di persone che frequenta la spiaggia durante i mesi estivi.

Purtroppo l’intera area sembra essere terra di nessuno. Non viene rispettata la Ztl della Gaiola, con automobili e motorini che sono spesso parcheggiati in sosta vietata, impedendo il passaggio ai mezzi di soccorso. Basti pensare che, quando c’è stato bisogno, i soccorsi sono stati costretti ad arrivare via mare”.

A Borrelli si aggiunge il consigliere comunale alla I Municipalità, Gianni Caselli. “Abbiamo inviato una nota all’Asia – dice – chiedendo di effettuare lo svuotamento dei cestini con regolarità e di dotare l’area di un maggior numero di bidoncini. La spiaggia della Gaiola è un patrimonio paesaggistico della città e non possiamo accettare che sia ridotta in questo modo”.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maxxena

Sab, 31/08/2019 - 12:10

Questo vale per tutte le regioni da nord a sud: l'ambiente e il mantenimento dei beni pubblici sono lo specchio di buona parte degli abitanti e dei loro rappresentanti nonchè l'indice del senso civico. A farne le spese , sempre e comunque ed in ogni regione italiana, le persone per bene. Forse il sindaco invece di allestire "flotte" potrebbe promuovere iniziative a favore dell'ambiente in cui vivono i cittadini.(se lo avesse già fatto è chiaro che non sono state sufficienti)

27Adriano

Sab, 31/08/2019 - 12:11

E' caso di modificare il detto con: se vedi Napoli, ....muori!! Che peccato.

Ritratto di Adespota

Adespota

Sab, 31/08/2019 - 12:55

Ma non è forse quella spiaggia in cui Depessimismagistris vorrebbe far attraccare tutte le navi con i clandestini africani per farli sentire come a casa loro...??