Nazionale

Vandali oltraggiano la memoria di Silvio Berlusconi: colpita la sede di Forza Italia

A Prato, ignoti hanno vandalizzato la sede di Forza Italia con frasi oltraggiose nei confronti di Silvio Berlusconi. Il partito: "Contro di noi un clima d'odio, ma offesi e vandalismi non ci intimoriscono"

La sede vandalizzata
La sede vandalizzata

Ascolta ora: "Vandali oltraggiano la memoria di Silvio Berlusconi: colpita la sede di Forza Italia"

Vandali oltraggiano la memoria di Silvio Berlusconi: colpita la sede di Forza Italia

00:00 / 00:00
100 %

Frasi offensive ed oltraggiose nei confronti di Silvio Berlusconi, composte da ignoti sul logo di Forza Italia. Questo l'atto vandalico subìto nelle scorse ore dalla sede forzista di Prato, con gli esponenti locali del partito fondato dal Cav che hanno fatto sapere di aver già provveduto ad allertare le forze dell'ordine. A rendere noto quanto accaduto sono stati stamani la deputata Erica Mazzetti e il coordinatore pratese di Forza Italia Francesco Cappelli, in una nota. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, l'episodio in questione sembrerebbe essersi concretizzato ieri sera, visto che a notare quanto avvenuto sono stati i primi militanti azzurri che hanno raggiunto la sede locale del partito (situata nel centro storico della città toscana) per la riunione del coordinamento fissata per la serata. I vandali non hanno preso di mira solo Forza Italia in quanto partito politico, ma soprattutto la memoria stessa del Cavaliere.

"Morto", "ratto", "fascista", le parole vergate con il pennarello dai vandali. Appare quindi evidente come l'obiettivo del raid fosse quello di oltraggiare e denigrare la figura di Berlusconi. "Questo è quello che succede dalle 20 alle 21 di un normale lunedì, in pieno centro storico, in piazza San Francesco - il duro commento di Mazzetti - non posso che provare compassione per coloro che hanno avuto tale bassezza d'espressione. Ma siamo ancora in una città democratica e libera?". Non si tratta oltretutto di un avvenimento inedito, a livello provinciale: pochi giorni fa erano stati vandalizzati anche alcuni manifesti elettorali di Lorenzo Marchi, candidato sindaco del centrodestra alle prossime elezioni comunali di Montemurlo (una cittadina di 20mila abitanti della provincia pratese, ndr).

Anche nel capoluogo laniero si voterà per rinnovare il consiglio comunale, il prossimo giugno: Forza Italia sostiene la candidatura a sindaco di Gianni Cenni, già assessore comunale durante la legislatura 2009 - 2014 (con l'allora Popolo della Libertà come partito principale della coalizione di centrodestra) che sfiderà fra gli altri il centrosinistra rappresentato dalla consigliera regionale Pd Ilaria Bugetti. Tornando invece ai due episodi di vandalismo, Mazzetti e Cappelli hanno dichiarato che Forza Italia non si farà intimorire. "Offese e vandalismi non ci intimoriscono.

C'è un clima di odio contro di noi, contro i nostri valori e i nostri candidati - hanno concluso - che non ci frena, ma che anzi che ci motiva ancor di più a lavorare per il cambiamento. La nostra sede in Piazza San Francesco rimane sempre aperta per un confronto chiaro, rispettoso, democratico. Questa è la nostra idea di città".

Commenti