Nokia in perdita dopo 10 anni a causa dell’iPhone

STATI UNITI I conti di Citigroup e Goldman Sachs lasciano perplessi gli investitori

Sotto i colpi dell’iPhone di Apple e del Blackberry di Rim, il gigante della telefonia cellulare Nokia ha chiuso il terzo trimestre con una perdita netta di 559 milioni, contro l’utile da 1,087 miliardi dello stesso periodo del 2008.
Per il colosso finlandese si tratta del primo rosso da dieci anni. I ricavi sono scesi del 20% a 9,8 miliardi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. A peggiorare la perdita di quote di mercato sul segmento pregiato dei cosiddetti smarthphone, che comprendono per l’appunto l’iPhone, diversi modelli di Blackberry oltre a quelli di altri produttori che si sono affannati per cercare un degno rivale al prodotto Apple, c’è anche la svalutazione dell’avviamento della joint venture sugli apparati di rete avviata con Siemens. Nokia Siemens Network, che anche in Italia ha ridotto drasticamente gli organici, ha infatti messo in conto una svalutazione da 908 milioni che pesa sui conti della casa madre finlandese. Il risultato in Borsa è stato un tracollo del titolo dell’11,8%. In realtà la quota di mercato della società finlandese è sempre elevata: il 38%. Ma questa riguarda i cellulari di basso prezzo. Sul fronte degli smartphone, invece, il suo modello di punta l’N97 touch screen piace meno dell’iPhone che ha accesso a un bouquet molto più esteso di servizi software scaricabili sul cellulare. Nokia ovviamente non è rimasta a guardare e recentemente ha lanciato il suo negozio online, Ovi, ma ovviamente guadagnare quote sull’iPhone non è una impresa semplice. «Abbiamo migliorato la nostra stima sul mercato mondiale dei cellulari nel 2009 - ha detto Olli Pekka Kallasvuo - la flessione dei volumi prevista è stata rivista a meno 7% dal meno 10 previsto. Inoltre il prezzo medio dei nostri prodotti si è mantenuto costante e l’aumento dei volumi si è tradotto in una crescita dei ricavi della divisione devices & services».
Tra le altre trimestrali anche quelle di Goldman Sachs e Citigroup che, per quanto non deludenti, hanno lasciato qualche perplessità sul futuro del settore. Goldman ha visto una diminuzione nell’investment banking del 31%. Inquietudini ancora maggiori le ha provocate Citigroup. Nonostante l’utile di 101 milioni di dollari, l’istituto ha subito continue perdite sui prestiti. Un segnale che i consumatori continuano a faticare per ripagare i propri debiti. A Wall Street il titolo Goldman Sachs ha perso circa il 2,17%, mentre Citigroup è scesa del 5%.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.