Nuova Zelanda, una coppia mette in vendita paesino di 40 abitanti

Nell'annuncio si parla del piccolo centro di Otira, 80 chilometri a sudest di Greymouth, sulla costa occidentale dell'Isola del Sud. I possibili acquirenti dovranno sborsare un milione di dollari neozelandesi, pari a circa 576mila euro

Vendesi storico paesino compreso di pub, scuola, stazione ferroviaria, 18 case e 40 residenti. Suona più o meno così l'annuncio pubblicato da una coppia neozelandese, Bill e Christine Hennah, che hanno deciso di mettere in vendita il piccolo centro di Otira, 80 chilometri a sudest di Greymouth, sulla costa occidentale dell'Isola del Sud, per un milione di dollari neozelandesi, pari a circa 576mila euro.
La coppia, intervistata dal quotidiano locale The Press, ha spiegato aver acquistato il paese dodici anni fa perchè «gli faceva pena», e di averlo pagato allora appena 80mila dollari locali. Oggi, entrambi ultrasessantenni, i due coniugi non hanno più le energie per gestire l'albergo e le altre attività messe su nel paesino, che si estende per appena 0,2 chilometri quadrati, e sono alla ricerca di «qualcuno che possa ricostruirlo di nuovo».
I nuovi acquirenti, avverte la coppia, dovranno superare diversi ostacoli burocratici, dal momento che le autorità locali non concedono facilmente le licenze per nuovi piani di sviluppo. Il paese, infatti, si trova in una zona ad alto rischio sismico e di inondazioni, ma soprattutto risiede nel mezzo del Parco nazionale di Westland. Tuttavia, assicurano i due, per una giovane coppia piena di energia e idee il villaggio può trasformarsi una grossa opportunità. In caso di ristrettezze economiche, è possibile acquistare soltanto l'albergo per 350mila dollari locali (circa 201mila euro).

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti