Nuovi sgomberi di nomadi. De Corato: "Prevenuti reati"

Due interventi, in via Colico e in viale Forlanini, per un totale di 40 rom circa allontanati e 16 tende e baracche smantellate. La soddisfazione del vicesindaco: salgono a 283 gli interventi di allontanamento
di rom

Milano - Doppio sgombero della Polizia Locale milanese che ha allontanato una quarantina di rom romeni, che sono stati identificati, da due aree occupate abusivamente con 16 tende.

Colico La prima operazione è avvenuta in un’area demaniale di via Colico, nei pressi dal cavalcavia Bacula. «Per via Colico -spiega il vicesindaco e assessore alle sicurezza diel Comune di Milano, Riccardo De Corato - ho chiesto l’intervento della Polizia Locale dopo aver direttamente constatato la presenza di abusivi che in quell’area isolata potevano mettere a repentaglio seriamente la sicurezza dei cittadini. Una violenza sessuale lì sarebbe completamente invisibile».

Forlanini La seconda in un’area privata di viale Forlanini vicino all’ex caserma militare. «Nell’area di viale Forlanini - aggiunge De Corato - abbiamo ricevuto segnalazioni di diversi cittadini e stiamo monitorando la situazione. Particolare attenzione è riservata all’area ex Innocenti in via Rubattino, località dove dal 2008 siamo già siamo intervenuti 11 volte, e per cui abbiamo chiesto al Prefetto la disponibilità della forza pubblica».

La politica adottata «Salgono a 283 gli interventi di allontanamento di rom» ricordando come questi interventi siano spesso «chiesti dai cittadini, da privati che fanno querela perchè se li trovano a occupare loro aree con montagne di rifiuti abbandonati e contribuiscono a una migliore sicurezza della città perchè chi sta in questi luoghi abusivi poi vive di furti e scippi e altre violenze. Violenze che poi possono ricadere su chiunque: cittadini milanesi o gli stessi rom».

Precedenti «Solo qualche giorno fa - ricorda il vicesindaco - un clan di 3 nomadi bosniaci provenienti da via Selvanesco sono stati arrestati dai vigili dopo che hanno cercato di rubare un autotreno. Da accertamenti presso la Questura abbiamo scoperto oggi che il maggiore, un 37enne, ha pure un precedente per sequestro di persona. Sempre lì una giovane bosniaca era stata salvata da uno stupro di gruppo». In un’area abusiva di via Colico «tanto per rimanere in tema dell’intervento odierno - sottolinea De Corato - una rom pochi mesi fa è morta ammazzata di botte dal marito. Alla cascina Guascona i vigili hanno salvato una 18enne picchiata e drogata e pronta a essere venduta perchè non rubava abbastanza. Da via Stephenson poi provenivano le 7 sinti accusate di aver depredato 35 anziani per 1 milione e mezzo di refurtiva».