Politica

La Open Society di Soros attacca Salvini: "Smetta di ripetere falsità"

La Open Society Foundation contro il ministro dell'Interno, Matteo Salvini: "Soros non finanzia le operazioni di ricerca e soccorso delle Ong"

La Open Society di Soros attacca Salvini: "Smetta di ripetere falsità"

A "In Onda" su La7 Matteo Salvini era tornato ad attaccare George Soros e il suo presunto piano per trasformare l'Italia in un enorme campo profughi. E oggi è arrivata la risposta da parte della Open Society Foundation, l'organizzazione filantropica che fa riferimento al finanziere di origini ungheresi.

Il finanziere non ha un piano segreto per riempire l'Europa di migranti, fa sapere la Fondazione che chiede al ministro dell'Interno Matteo Salvini di "smetterla di ripetere false affermazioni". Insomma: per la Open Society non c'è nessun proggetto per trasformare l'Italia in un enorme campo profughi perché "gli piaccioni gli schiavi". La fondazione nel comunicato cita due dichiarazioni considerate menzognere: "Soros vuole riempire l'Italia e l'Europa di migranti" e "vorrebbe che l'Italia diventasse un enorme campo profughi perché gli piacciono gli schiavi" (frasi pronunciate da Salvini in onda). "George Soros - si legge nella nota - ritiene che l'Europa abbia bisogno di una soluzione ampia e pan europea per affrontare le migrazioni, compresa la riforma del Regolamento di Dublino III e un aumento degli aiuti per promuovere la democrazia e la prosperità nei Paesi che sono fonte della maggior parte dell'immigrazione verso l'Europa".

Negli ultimi tempi la Fondazione del filantropo ha avuto duri scontri con un altro Paese guidato da un leader sovranista, leggi l'Ungheria di Viktor Orban. L'avversione ora potrebbe ripetersi anche in Italia, sebbene la Lega non abbia mai annunciato di voler "mettere al bando" la Open Society. La quale, dal canto suo, nel comunicato inserisce anche una ulteriore precisazione, riguardo la sua tanto discussa e presunta partecipazione al finanziamento delle navi Ong. "La Open Society Foundations - dice la Fondazione - non fornisce sostegno finanziario alle operazioni di ricerca e soccorso condotte nel mediterraneo dalle varie ong, anche se lodiamo questi sforzi umanitari".

Commenti