Palermo, fine cantieri mai: il primo treno sull'anello ferroviario nel 2022

Altri tre anni di cantieri per completare l'anello ferroviario che dovrebbe modificare per sempre la mobilità urbana del comune siciliano

Palermo, fine cantieri mai: il primo treno sull'anello ferroviario nel 2022

Altri, o meglio, ancora tre anni di lavori. Il primo treno a transitare sui binari del nuovo anello ferroviario di Palermo è previsto per il 2022. Ventidue anni dopo da quando si iniziò a discutere di questo progetto faraonico e 16 anni dopo il bando di gara emanato da Italferr. I lavori però, tra ricorsi, aule di tribunale, interventi della Regione siciliana, cominciarono ufficialmente nel settembre 2014 e sconvolsero tantissime zone della città di Palermo con l'apertura di cantieri, strade chiuse, negozi in fallimento.

L'anello ferroviario prevede la realizzazione delle fermate Porto, Politeama e Malaspina. Inoltre sarà aggiunta la fermata Libertà tra le stazioni di Palermo Notarbartolo e Imperatore Federico. Quando sarà completato, dunque, l'anello ferroviario avrà 8 fermate. Secondo i bene informati, la fine dei lavori è prevista per il 2021, con l'apertura al pubblico, tra collaudi e carte burocratiche nel 2022. Insomma fra tre anni la città di Palermo cambierà per sempre a livello di mobilità. Il progetto dell'anello, infatti, si inserice nel circuito di trasporti che prevede tram, bus e treni. E dovrebbe stravolgere per sempre il modo di muoversi dei palermitani.

Il progetto dell'anello viaggia con un ritardo di oltre tre anni. La prima fae ha avuto un costo di 150 milioni di euro per realizzare la nuova tratta Giachery–Politeama, che ha una lunghezza di circa 1,6 chilometri e include tre nuove fermate (Libertà, Porto e Politeama), mentre la seconda fase, tratta Politeama–Notarbartolo ha un’estesione di circa un chilometro, di cui circa 800 metri in galleria (galleria Malaspina) ed include la realizzazione della nuova fermata Malaspina. Con la seconda fase ci sarà l’effettiva chiusura dell’anello ferroviario, con il proseguimento del tracciato dalla stazione Politeama (attraverso un percorso che passa sotto le vie Paolo Paternostro e via Malaspina) alla esistente stazione Notarbartolo. Il primo passo è stata la chiusura tra via Roma e via Wagner e da via La lumia fino a via Ruggero Settimo, ad ottobre. Il prossimo sarà la riapertura del nodo di via Scordia tra qualche giorno, il 30 novembre. Successivamente, il 23 dicembre, si riaprirà l’area tra via Scordia e via Roma poi poi arrivare al 2020, quando entro il 30 aprile si dovrebbe riaprire la parte bassa di piazza Castelnuovo. Passo dopo passo, poi si arriverà a settembre del prossimo anno, quando il centro dovrebbe essere “liberato” dai cantieri con l’apertura tra via Wagner e via La Lumia, la parte alta di piazza Castelnuovo e il nodo via Ruggiero Settimo. Nel 2020 dovrebbero iniziare sia la “canterizzazione” della zona del porto (via Crispi), con i vari step che si protrarranno fino al 2021, sia i lavori delle nuovi stazioni. La fine dei cantieri dell’anello ferroviario dovrebbe avvenire a giugno del 2021, da lì passeranno sei mesi per tutte le certificazioni del caso con tanto di pre-esercizio, e nel 2022 i treni potranno viaggiare sui binari cittadini.

"Abbiamo fortemente voluto che la D'Agostino desse un chiaro segno di discontinuità col passato e di impegno forte per una accelerazione dei lavori - dichiarava l'assessore comunale di Palermo Giusto Catania - e per questo abbiamo voluto che i lavori riprendessero in tutte le aree di cantiere. La città e il suo tessuto imprenditoriale ha già subito troppi ritardi in questa vicenda ed ora è necessario imprimere un cambio di passo".

Il cronoprogramma dei lavori

In corso: lavori su una una parte di piazza Castelnuovo, in particolare l’area compresa fra via Emerico Amari, via Roma, Piazza Ruggiero Settimo e il Politeama. Resterà percorribile per le auto il tratto fra le vie Wagner e Isidoro La Lumia per permettere alle auto provenienti da via Roma di proseguire alle spalle del Politeama
Da fine novembre 2019: riapre una porzione di via Amari all’incrocio con via Scordia. Questa porzione diventerà in futuro totalmente pedonale. Si tratta di un'altra porzione della centro storico che per decisione della Giunta Orlando farà parte delle pedonalizzazione diffuse
Dicembre 2019: un secondo tratto di via Emerico Amari fino all’incrocio con via Roma sarà aperto prima di Natale.
Aprile 2020: sarà riaperta la parte bassa di piazza Castelnuovo. Contemporaneamente verrà riaperto l’incrocio con via Roma ed aperto il cantiere di via Ruggero Settimo
Luglio 2020: sarà liberata tutta la via Emerico Amari tranne la porzione di strada precedentemente non transitabile (Wagner-La Lumia). C'è un progetto sulla carta di una rambla che accompagni il turista dall'ingresso del Porto al Politeama. Una porzione di strada che si vuole rendere totalmente pedonale
Settembre 2020: lavori nel tratto Wagner-La Lumia. Il prossimo autunno è prevista la liberazione dalle transenne di tutte le aree di cantiere (tranne una piccola parte di piazza Castelnuovo)
Ottobre 2020: stop ai lavori per strada, via a quelli in sotterranea per i successivi 18 mesi.
Primavera 2022: lavori conclusi e apertura della circolazione dei treni da dicembre.

Commenti

Grazie per il tuo commento