Scatena una rissa, aggredisce cliente e si scaglia contro i carabinieri

Un uomo è stato arrestato a Trapani per rissa aggravata e violenza a pubblico ufficiale. Altri casi simili si sono verificati nel giro di poche ore contro persone sotto effetto di alcool e droga

Scatena una rissa in un locale, aggredendo un cliente e scagliandosi contro i carabinieri intervenuti per riportare la calma. Accade a Trapani, dove i militari hanno arrestato un uomo di 31 anni, volto noto alle forze dell'ordine. L'uomo sotto l'effetto dell'alcol ha rivolto la sua furia prima contro un giovane all'interno di un locale e, alla vista dei carabinieri intervenuti per sedare la violenta lite, dapprima si è rifiutato di fornire le proprie generalità e poi ha iniziato a insultarli e spintonarli. Per l'uomo sono scattate le manette per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità. Dopo la convalida dell'arresto, è stato disposto l'obbligo di dimora.
Sempre a Trapani durante un controllo alla circolazione stradale i carabinieri hanno denunciato un altro uomo di 38 anni per guida "in stato di alterazione psicofisica per uso di sostanze stupefacenti", spiegano i militari dell'Arma. L'uomo viaggiava a bordo di un'auto priva di assicurazione e revisione, sprovvisto di patente e in evidente stato confusionale sotto effetto di droga come hanno accertato i sanitari dell'ospedale Sant'Antonio Abate di Trapani. Nella stessa giornata a Fulgatore (Trapani) i carabinieri hanno denunciato per combustione illecita di rifiuti un 52enne e un 44enne, sorpresi a bruciare un cumulo di rifiuti di materiale di risulta nella frazione di Ballata.

I militari dell'Arma da mesi stanno setacciando il territorio in materia di stupefacenti. Le recenti indagini hanno portato all'arresto di un'altra persona, già nota alle forze dell'ordine. Nella mattinata di venerdì i militari, in via Mercè, hanno notato l'uomo entrare in uno stabile, dove attualmente si trova agli arresti domiciliari (per droga) un altro soggetto. Avendo il sospetto che l'uomo si recasse lì per attività di spaccio hanno iniziato un servizio di osservazione protrattosi per alcune ore. Nel primo pomeriggio, i militari hanno deciso di perquisire il 46enne "mentre era nelle vie del centro storico, in attesa con atteggiamento guardingo e nervoso. Nella tasca del giubbino indossato è stata rinvenuta una busta in cellophane con all'interno 6 dosi di marijuana impacchettate con carta alluminio", spiegano i militari dell'Arma che hanno ricostruito i movimenti dell'uomo.

Nella stessa tasca sono stati trovati 60 euro in banconote da 10 e 5 euro e altri 15 euro in monete, tutti tagli compatibili col prezzo delle singole dosi di marijuana. La perquisizione è proseguita in casa dell'uomo, trovando sul divano altri 57 grammi di marijuana in inflorescenze, un bilancino di precisione, carta per il confezionamento e 735 euro in banconote di diverso taglio contenute in un portafogli. L'uomo è stato posto ai domiciliari.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.