Piazza Affari chiude in rialzo, Ftse Mib +0,52% Ok fiat, giù Luxottica

Piazza Affari conclude con il segno positivo una seduta incerta e priva di particolari spunti. Dopo un breve passaggio in negativo, il Ftse Mib guadagna in chiusura lo 0,52% a 21.431 punti e l'All Share lo 0,57% a 21.985; scarsi gli scambi, per un controvalore pari a 2,1 miliardi. Sul listino, spiccano da un lato il rialzo di Fiat e dall'altro lo scivolone di Luxottica all'indomani dei conti. Le borse europee hanno accolto con favore l'apertura positiva del mercato americano, che scommette su una soluzione imminente ai problemi economici della Grecia. Per il resto, è stato il settore auto a trainare oggi i listini, nel giorno dell'apertura del Salone di Ginevra. Fiat chiude poco sotto i massimi (+3,9%) e torna sopra quota 8 euro: dal Salone sono arrivate buone indicazioni sull'alleanza con Peugeot, mentre il presidente Luca Cordero di Montezemolo, che prevede una primavera «difficile» con la fine degli incentivi, ha smentito le voci di dissensi con l'amministratore delegato, Sergio Marchionne. Bene anche la controllante Exor (+2,65%) e, sulla scia del buon andamento del settore, Pirelli (+0,9%). Fuori dal Ftse Mib, balzo di Pininfarina (+7,01%) con le prospettive positive per il 2010. Bene il comparto bancario, con Mediobanca in luce(+2,08%) sulle aperture del consigliere Vincent Bollorè a un ipotetico cambio ai vertici; bene anche Bpm (+1,73%), Unicredit (+0,38%), mentre Intesa Sanpaolo cede lo 0,1%. Nel comparto assicurativo, salgono FonSai (+2,06%) e Generali +0,36%. Bene gli energetici, con Eni +0,65%, Saipem +1,02%, Enel +0,5%, Snam rete gas +0,85%; sale anche Stm (+1,53%). In difficoltà Telecom Italia (-0,56%), mentre Fastweb chiude in leggero rialzo (+0,56%) dopo che il Gip di Roma ha rimandato a giovedì la decisione sul rinvio dell'udienza nell'ambito dell'inchiesta sul riciclaggio. In difficoltà il lusso, con Luxottica che cede il 4,46%, all'indomani della presentazione dei conti 2009, con l'utile netto calato del 17,1%;in rosso anche Geox (-1,48%). Contrastati gli editoriali, con Mondadori -1,23% e Mediaset +1,31%; giù Cir (-1,83%), in luce Lottomatica (+2,7%) alla vigilia dell'approvazione del bilancio. Tra i titoli minori, balzo di Pierrel (+27%) che ha incassato l'ok a un farmaco dagli Usa.
Le Borse estere. Le Borse europee chiudono in rialzo. I mercati guardano con più ottimismo alla crisi greca, in attesa di nuove misure anti-deficit da parte di Atene e in vista di un possibile aiuto europeo. Cresce dell'1,45% l'indice londinese Ftse 100. A Francoforte il Dax avanza dell'1,1% e a Parigi il Cac 40 guadagna l'1,12%. Bene anche Atene che sale del 2,84%.

Commenti

Grazie per il tuo commento