Piazza XXV Aprile Rischia lo stupro, salvata da un passante

Nella sua breve carriera di balordo da esportazione, il tunisino ha infatti solo 25 anni, ha già collezionato denunce, arresti e condanne per reati contro il patrimonio, la persona e spaccio. Gli mancava solo la violenza sessuale, una lacuna colmata ieri mattina aggredendo una peruviana per strada. Salvata da un passante che ha letteralmente sollevato di peso l’aspirante stupratore, poi arrestato dalla polizia.
Ieri mattina verso le 7 il nordafricano, regolare in Italia, ha infatti esivito la carta d’identità, bighellonava in piazza XXV Aprile quando ha visto una peruviana di 41 anni. La donna, regolare in Italia, era uscita di buon’ora dalla sua abitazione di via Tibaldi e si stava recando al lavoro in un ufficio di corso Como. Il magrebino gli ha tagliato strada, prima gli ha chiesto di accendere la sigaretta, poi un bacio infine l’è saltato addosso.
Il bruto a quel punto l’ha sbattuta contro le recinzioni che delimitato il cantiere per la costruzione dei parcheggio, l’ha afferrata per i capelli per torcergli la testa e cercare di baciarla. Infine l’ha buttata in terra si è aperto i pantaloni e ha cercato di spogliare la vittima. Incurante dell’ora e dei passanti. Uno dei quali, un uomo di 63 anni uscito per comprare il giornale, vista la scena è intervenuto, l’ha alzato di peso e sbattuto lontano. Il tunisino se l’è data coraggiosamente a gambe, mentre un secondo passante ha cercato di rincuorare la donna spiegandole che aveva già chiamato il 113. E difatti dopo pochi secondi si è materializzata una volante del commissariato Centro che ha individuato e bloccato il maniaco a una cinquantina di metri di distanza.