Ma adesso le toghe devono pagare

Lo voglio dire da persona libera, da giornalista libero, da ex senatore e presidente di un'inchiesta morta ammazzata, da liberale fra i liberali: è arrivato il momento di fare il passo successivo.

Lo voglio dire da persona libera, da giornalista libero, da ex senatore e presidente di un'inchiesta morta ammazzata, da liberale fra i liberali: è arrivato il momento di fare il passo successivo. La porcata contro Berlusconi, che è stata una porcata contro chi l'ha votato con una raffica di piccoli e grandi colpi di Stato, non può restare in sospeso e senza conseguenze, affidata al balbettio di un ministro che compita in Parlamento l'abbecedario che gli hanno messo in cartella con la merenda.

C'è un principio solo da ristabilire: che la Magistratura non è un potere ma solo la funzione di un pubblico servizio, quello della Giustizia. Non siamo nella Francia di Montesquieu, col re all'esecutivo, gli Stati Generali alla Pallacorda e i giudici in parrucca che sputano sentenze. Soltanto il Parlamento ha il potere. Tutto. E lo esercita secondo il manuale della Costituzione, il cui arbitro è il Capo dello Stato.

A noi sovrani cittadini è piaciuto concedere a noi stessi il servizio pubblico della Giustizia indipendente e per questo abbiamo imposto l'uniforme della toga ai funzionari che esercitano la loro funzione - come i militari affinché non dimentichino mai di essere servitori dello Stato e che lo Stato siamo noi.

Il delitto è stato provato e adesso è l'ora del castigo. L'ora in cui la democrazia deve dimostrare di essere nei limiti delle regole tutto il potere delegato dal popolo e usarlo. Il potere può venire soltanto dal popolo, non da concorsi pubblici e cordate private.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Duka

Sab, 11/07/2020 - 10:15

Guzzanti ha perfettamente ragione. La regola prima di uno STATO che pretende di chiamarsi tale è: CHI SBAGLIA PAGA DI TASCA PROPRIA. Questa fa parte della Democrazia tutto il resto che i “politicanti” ci propinano da 80 anni è TRUFFA

venturelli.eros...

Sab, 11/07/2020 - 10:16

Davigo e Travaglio che ne pensano?

Iacobellig

Sab, 11/07/2020 - 10:17

Assolutamente si e in fretta anche.

Happy1937

Sab, 11/07/2020 - 10:17

Bravo Guzzanti, una disamina perfetta. L'impunità sostanzialmente goduta dai Magistrati è una solenne porcheria.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 11/07/2020 - 10:21

Tutto giusto! Lo si può dire liberamente, però noi cittadini che paghiamo le tasse possiamo solo parlarne a casa, per ora ci è permesso, ma in concreto nulla cambia e nulla cambierà, dalle toghe a l’immigrazione. Ciò con una Costituzione da riscrivere, ma guardando al Popolo, non al potere.

Giorgio Colomba

Sab, 11/07/2020 - 10:22

Belle parole, concetti chiari. Ma per molti lo erano già dal '94, quando il Cavaliere “scese in campo” - purtroppo per lui, ma per fortuna nostra - dalla parte “sbagliata”. Un peccato originale che dai tempi del “Migliore” guardasigilli implica uno stigma senza possibilità di redenzione. Dopo quasi trent'anni, lo strabordìo fin qui senza intoppi di tante, troppe toghe “democratiche” incappa nel primo vero scoglio. Ed ora il titanic della giustizia, tra i Palamara e gli Esposito, rischia davvero di colare a picco. Hanno immolato Berlusconi per la carriera e su Berlusconi la dissiperanno. Parafrasando Bogey, è la nemesi, bellezza, e potevano farci qualcosa ma hanno voluto strafare.

rossini

Sab, 11/07/2020 - 10:24

L'unico modo per far sì che l'Ultracasta paghi per le congiure e i trappoloni con cui ha inquinato l'andamento della democrazia in Italia, è che il centrodestra vada unito alle prossime elezioni e le vinca alla grande. Subito dopo: elezione per sorteggio al CSM, separazione vera delle carriere, responsabilità civile vera per i magistrati che sbagliano, abolizione dell'azione penale obbligatoria. Solo così gli esponenti dell'Ultracasta finiranno di prevaricare sugli altri Poteri dello Stato.

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 11/07/2020 - 10:32

"adesso le toghe devono pagare". Sarebbe solo doveroso ma chi si azzarderà a presentargli il conto?.

Ritratto di massacrato

massacrato

Sab, 11/07/2020 - 10:37

Sono stati cambiati 30 anni di storia ed il destino di una nazione, privata del buon senso e regalata all'ideologia. Se la giustizia non è ingiustizia, qualcuno deve pagare.

rudyger

Sab, 11/07/2020 - 10:47

La nostra costituzione è stata fatta dai comunisti e va cambiata. Essa a mio parere contiene non tanto larvatamente tutti gli estremi di una dittatura ammantata di belle parole democratiche.

Garganella

Sab, 11/07/2020 - 10:54

L'articolo andrebbe scritto con lettere cubitali ed affisso su tutte le bacheche italiane.

rossini

Sab, 11/07/2020 - 11:53

Flex chiede "ma chi si azzarderà a presentargli il conto", alle Toghe che devono pagare. La risposta è semplice. Il conto lo devono presentare gli elettori del centro-destra, che sono maggioranza nel Paese, i quali devono esigere che il centro-destra si presenti unito alle prossime elezioni per vincerle alla grande e per ridimensionare l'Ultracasta degli onnipotenti e degli irresponsabili.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Sab, 11/07/2020 - 12:00

Guzzanti ha perfettamente ragione. In Italia non esiste la vera democrazia, la Costituzione contiene parecchie storture e la principale è il ruolo della Magistratura. Si tratta di servitori dello Stato, ma in pratica si sono arrogati un loro potere autonomo grazie a concorsi "pubblici" truccati e cordate private. Una casta di intoccabili, come l'ha voluta la Costituzione. La prima delle riforme costituzionali è proprio quella del sistema giudiziario in Italia perché l'unico potere che ci deve essere è quello del popolo attraverso il Parlamento. Dove vanno messi personaggi capaci, non gli improvvisati del M5S e soprattutto non nani e ballerine come fece Berlusconi.

Lagoblu

Sab, 11/07/2020 - 12:03

Che si facciano processi rapidi, vogliamo una giustizia che dia prova di serietà vera, una giustizia di cui non dobbiamo vergognarci. Ma in questi trent´anni i presidenti della Repubblica, capi del CSM, DOVE ERANO? Avevano o no una responsabilità? Cosa vuol dire "essere a capo del CSM"? No, non potevano non sapere!

Yossi0

Sab, 11/07/2020 - 12:09

ma sono ragazzi, è vero godono di privelegi anacronistici però da qui ad attaccarli perennemente ne corre ... in fondo in fondo che hanno fatto di così grave ? fate tanto chiasso per niente ... e poi bisogna rispettare la magistratura ma sopratutto le sentenze se c'era qualcosa che non andava, state tranquilli sarebbe intervenuto l'organo supremo il CSM !!! se non se ne sono accorti vuol dire che va tutto bene quindi costituzione, giustizia sono rispettate !!!

barnaby

Sab, 11/07/2020 - 12:14

"Canis caninam carnem non est" scriveva Terenzio Varrone. Cane non mangia cane, pertanto niente si muoverà, nulla sarà fatto.

Ritratto di Smax

Smax

Sab, 11/07/2020 - 12:21

Si, aspetta e spera. Nessuno che va al governo ha il coraggio di toccarli. Ormai al governo ci sono loro.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 11/07/2020 - 12:23

Assolutamente d'accordo con Guzzanti:il sistema delle nomine in magistratura va modificato radicalmente dalla base e chi ha sbagliato paghi in prima persona!

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Sab, 11/07/2020 - 12:24

Amen! Purtroppo sarà solo un'altra "voce che grida nel deserto".

agosvac

Sab, 11/07/2020 - 12:32

E' da molto tempo che la magistratura in generale, sia quelli che fanno il proprio dovere sia quelli che truccano processi ed indagini, dovrebbe pagare per gli errori commessi siano essi veri errori oppure molto peggio. Ciò che farebbe sperare è la sentenza di condanna a 10 anni di un PM che si è venduto. Ma ci si può vendere per denaro oppure per appartenenza politica, in fondo c'è poca differenza.

leopard73

Sab, 11/07/2020 - 12:34

Sarebbe ora che cambiasse qualcosa in questo SGANGHERATO di paese purtroppo ad oggi paga SEMPRE Pantalone!!!

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 11/07/2020 - 12:35

Se è vero che l'art. 3 della costituzione vale per tutti, non si devono fare eccezioni di alcun genere.

quarantena

Sab, 11/07/2020 - 12:56

Come una persona perbene (quindi non komunista) può non concordare!? Aggiungo che si dovrebbe scavare fino agli albori della democrazia quando cioè (come FINALMENTE ricordato anche da Tajani) il nipotino togliatti introdusse sotto il naso degli altri "padri" il sistema appreso diligentemente dal sommo stalin DI IMPOSSESSARSI DELLA MAGISTRATURA PER USARLA A SCOPO POLITICO! Bisogna capire, il metodo con il quale i sovietici vecchi e nuovi, riescono a riempire i tribunali di pasdaran komunisti DALL'INIZIO DELLA REPUBBLICA! È esattamente questo il padre di tutti i mali della nostra "giustizia"! " il sistema" che consente ai komunisti di assumere (praticamente) SOLO CANDIDATI KOMUNISTI ESTREMISTI! Una volta scardinato questo meccanismo eversivo le cose si aggiusteranno da sole dopo aver ovviamente, provveduto a separare gli inquirenti dai giudicanti.

Mr Blonde

Sab, 11/07/2020 - 13:01

lo voglio dire anche i da cittadino libero e da uomo libero: LE TOGHE DEVONO PAGARE, ma non solo quando toccano berlusconi o altri potenti, ma anche quando inguaiano con ritardi errori ed omissioni cittadini ed imprese che non hanno la vs cassa di risonanza. Ma se non inizia a pagare la politica per prima perchè aspettarci che paghino le toghe?

Malacappa

Sab, 11/07/2020 - 13:06

Logico,chi sbaglia paga,poi questo non fu uno sbaglio fu un complotto che e'ancora piu'grave

Ettore41

Sab, 11/07/2020 - 13:24

Renderli responsabili per gli errori che commentono non basta. Bisogna togliere al giudice il potere investigativa che devere ritornare appannaggio esclusivo di una Polizia investigativa specializzata che effettua le indagini e trova le prove.

routier

Sab, 11/07/2020 - 13:28

Guzzanti ha ragioni da vendere tuttavia dimentica le profonde radici levantine del nostro popolo che (salve rare ed encomiabili eccezioni) ci impediscono l'esercizio di una vita totalmente priva di morali "elastiche".

Valvo Vittorio

Sab, 11/07/2020 - 13:41

La perfezione in senso assoluto non esiste perché la società cambia e di conseguenza anche la nostra cultura. In altri termini tutto è perfettibile, ma non la nostra costituzione! Può sembrare un paradosso, ma così è composta l'attuale "nostra" costituzione. Pertanto occorre riscriverla! Sarà concessa modificarla o riscriverla! Con le forze attuali in campo sarebbe uno sforzo titanico!

quarantena

Sab, 11/07/2020 - 13:47

GIUALNORD al sottoscritto, lo ripeto, rispetto al "sistema delle nomine" (di per sr da rivedere) preoccupa molto ma molto di più il "sistema di accesso" alla magistratura! Una volta impossessatisi di quello, il giochetto delle nomine diventa una roba da ragazzi! Tutto ciò è abilmente ed astutamente manovrato dai comunisti sin dai tempi di togliatti! Basterebbe questa ignominia per sbattere fuori legge il PCI PDS FS PD e condannare tutta la genia ancora vivente che lo ha creato, sostenuto, agevolato ed alimentato per decenni ! Da quello che si vede e si sente (tralasciando le vergognose associazioni politiche) l'Italia è l'unico paese "civile e democratico" occidentale, dove la magistratura è palesemente e spudoratamente nelle mani, non solo della sinistra politica, ma proprio da quella più integralista! In proposito provate a leggervi i precedenti politici "giovanili" del capo della procura più importante d'italia!

lavitaebreve

Sab, 11/07/2020 - 14:17

I COMUNISTI INTERPRETANO LE LEGGI E LA COSTITUZIONE SEMPRE COME GLI CONVIENE A LORO. A PROPOSITO DI COSTITUZIONE, QUELLI CHE L'HANNO SCRITTA HANNO PENSATO PIÙ A LORO STESSI ( POLITICI , GIUDICI, PDR ) CHE AL POPOLO ITALIANO. MOLTI PRIVILEGI PER I PRIMI, ZERO PRIVILEGI PER I SECONDI.

justic2015

Sab, 11/07/2020 - 14:21

A si il giorno il mese e l'anno roba da far ridere i anche le galline non solo i polli.

ESILIATO

Sab, 11/07/2020 - 14:21

E' ora che adottiamo il sistema USA dove Pubblici ministeri e magistrati vengono eletti dal popolo direttamente.

Sakarov

Sab, 11/07/2020 - 14:33

bravo.......

maxxena

Sab, 11/07/2020 - 14:50

Chi giudicherà i giudici?un altro giudice applicherà la legge ? In caso di condanna la risposta starà in una nota canzona di De Andrè: ".....prima cambiarono il giudice, poi cambiarono la legge......."

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 11/07/2020 - 15:06

quarantena Sab, 11/07/2020 - 13:47 Intendevo,modificare il sistema di elezione delle nomine non per consiglio dei magistrati e delle correnti imperanti attualmente in seno al CSM ma per regolari concorsi i cui commissari siano gestiti da persone terze neutre ininfluenti dal sistema Palamara, anche dallo stesso PdR. La mia sarà fantascienza ma la speranza non è vana come alcuni vorrebbero far credere. Basta volere le cose.

lawless

Sab, 11/07/2020 - 15:08

sono decenni che alcuni magistrati condizionano con la connivenza delle arcinote forze politiche buoniste (diciamo così) il paese italia. Con le loro interpretazioni delle leggi, invece di applicarle, hanno distorto il senso della legalità, forti della loro immunità ad ogni sorta di errori si sono avvicinati più al padreterno che all'uomo di legge. Il cittadino onesto è arcistufo di subire angherie, palesi ingiustizie e di vedere premiato chi delinque al solo scopo di zittire quanti ideologicamente si dissociano, e a ragione, dal loro pensiero. Sono venuti alla luce intrallazzi, connivenze con poteri istituzionali, politici da abbattattere o da premiare. Il decadimento del nostro paese, compresa la svendita allo straniero, è solo opera di questi sciagurati, il ristoro del popolo non può essere disatteso e non deve mancare, può avvenire SOLO chiamando a renderne conto coloro che per anni hanno appestato l'ambiente giudiziario con il seme dell'odio e della vendetta.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Sab, 11/07/2020 - 15:13

Il potete giudiziario è sproporzionato sia perché non proviene dal popolo sia perché a causa di "mani pulite" il parlamento ha abdicato diritti fondamentali; in primo luogo deve essere ridotta la carriera dei giudici, che dopo 10/15 anni devono lasciare la magistratura, in tutte le sue forme, e per almeno i 5 anni seguenti non devono poter essere eletti in alcuna carica pubblica. Poi devono essere distinte le carriere.

Ritratto di pumpernickel

pumpernickel

Sab, 11/07/2020 - 15:44

Bravo Guzzanti. Chiaro, limpido, elementare. Purtroppa diversi magistrati che conosco non la pensano così. Si ritengono un'elite oligarchica che indirizza la scelte politiche.

Ritratto di nabu-kudur-usur

nabu-kudur-usur

Sab, 11/07/2020 - 16:04

In quale lingua lo si deve ripetere che la Magistratura NON E' un POTERE, ma un ORDINE? E se si qualifica come potere è un abuso? art.104 della Costituzione Italiana "La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere.

vinvince

Sab, 11/07/2020 - 16:27

L’indipendenza della magistratura va messa in quarantena e il parlamento deciderà se e quando concederla una seconda volta.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Sab, 11/07/2020 - 16:39

vent'anni. vent'anni di contratto per tutti i dipendenti dello stato e per certi, magistrati e militari, divieto assoluto di associazione e restrizione pure sulle frequentazioni. ed per questo che la loro carriera deve essere breve.

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Sab, 11/07/2020 - 16:41

Chiaro e lapalissiano. Solo che loro sanno che noi siamo pavidi ed imbelli e sono 75 anni che se ne approfittano!

Dordolio

Sab, 11/07/2020 - 16:52

Non ho particolare considerazione per Guzzanti, ma qui ha perfettamente ragione. Sono però parole vuote le sue. Arriva tardi. La Casta di cui si parla è divenuta ormai troppo potente, ha complici nel parlamento e sodali interessati ovunque. Si tratta ormai di un corpo estraneo allo Stato democratico con poteri suoi intoccabili. E tempo che non possa venir disarticolata in alcun modo. Men che mai con una ridicola Commissione di inchiesta, come suppongo che piacerebbe al Guzzanti che pure penso dovrebbe conoscerne per esperienza personale l’assoluta inutilità.

Ritratto di moshe

moshe

Sab, 11/07/2020 - 16:56

cambiare la costituzione e togliere gli assurdi poteri alla magistratura !

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 11/07/2020 - 17:36

quando arriverà la riforma della giustizia, sarà una delle vittorie di berlusconi :-) e voi babbei comunisti grulli potrete fare solo una cosa: rodervi il fegato :-)

maurizio50

Sab, 11/07/2020 - 18:05

In un Paese che pretende di essere democratico non possono coincidere controllori e controllati. Malauguratamente è quanto avviene da noi. e la prima riforma da fare è la soppressione del CSM riportando tutto il sistema giudiziario alle dipendenze dell'esecutivo. Certo poi sorge un'altra questione. il potere esecutivo, vale a dire il Ministro, non deve essere un Bonafede. Ma questo è un altro discorso!!!!!