Afghanistan, la Trenta frena: "Mai annunciato ritiro truppe"

Il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, rallenta sul ritiro dell'Esercito italiano dall'Afghanistan: "Decide il Parlamento"

Elisabetta Trenta fa marcia indietro. O almeno arretra un po'. Sull'addio dell'Italia all'Afghanistan, dopo le voci trapelate nei giorni scorsi e lo "scontro" tra dicasteri, il ministro della Difesa precisa il suo pensiero sulla missione militare italiana.

"Non ho mai annunciato il ritiro dall'Afghanistan, ma una fase di pianificazione che prevedesse anche ritiro. Il ritiro non potrei mai deciderlo io, lo decide il Parlamento", dice la Trenta a 'Otto e mezzo' su La7. "Il ministro degli Esteri Moavero non era presente quando ho parlato di questa cosa con il premier Conte, ma è stato raggiunto dalla notizia prima che potessi parlarci telefonicamente - aggiunge - C'è stata costruita sopra una retorica che non era il caso di costruire, il caso è stato montato un pò dai giornalisti".

Insomma, la strada è ancora lunga. Ma il ritiro del contigente italiano sembra più di una semplice discussione accademica. "Nella Nato - spiega la Trenta - è iniziato da tempo, da prima delle elezioni Trump diceva di voler ritirare le truppe americane. Tutti i militari sanno che le missioni possono finire, per questo è giusto essere sempre pronti. Poi le decisioni vanno prese rispetto al momento e in questo momento noi con serietà accompagneremo alle elezioni di luglio la provincia dove si trova il contingente italiano". Inoltre, secondo il ministro, "la pace che si sta costruendo non si può fare a discapito dei diritti delle donne, questa è la direzione nella quale si sta andando nei negoziati con i talebani. Noi come comunità internazionale avremo il compito di vigilare ma sappiamo che non è possibile una vittoria militare e che non è possibile una pace senza i talebani".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Yossi0

Ven, 01/02/2019 - 22:19

speriamo si fermi a trenta ... altrimenti sarnno guai

Altoviti

Ven, 01/02/2019 - 22:34

Mandiamo le truppe in Libia a sgominare o trafficanti di uomini! Che cosa facciamo in Afganistan?

alox

Ven, 01/02/2019 - 23:17

..stile Trump?:)

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 02/02/2019 - 11:10

Infatti la decisione spetta al parlamento: nessun dubbio. In Afghanistan i nostri militari sono andati con una risoluzione parlamentare, il percorso inverso segue lo stesso tracciato. Peccato che c'è chi abbia imbastito un'inutile querelle non conoscendo l'iter parlamentare in questa tematica, giusto "sparare" addosso a chi non piace. Caro Giornale, più tempo passa e meno ti riconosco.