Regno Unito, cura Oxford al via: 2 milioni di dosi a settimana

Si avvicina il vaccino AstraZeneca, sviluppato dall'azienda anglosvedese, dall'università di Oxford e con una piccola partecipazione italiana grazie al coinvolgimento dell'Irbm di Pomezia

Si avvicina il vaccino AstraZeneca, sviluppato dall'azienda anglosvedese, dall'università di Oxford e con una piccola partecipazione italiana grazie al coinvolgimento dell'Irbm di Pomezia. Ieri il premier britannico Boris Johnson ha garantito che a partire da oggi dovrebbe esserci una accelerazione della campagna di vaccinazione con la disponibilità delle prime 530mila dosi del farmaco sviluppato in patria. AstraZeneca avrebbe promesso al governo britannico che gli fornirà, a partire da metà gennaio, due milioni di dosi ogni settimana.

Peraltro anche altri grandi Paese si stanno attrezzando. Il Brasile si è portato avanti: Anvisa, l'autorità sanitaria brasiliana, ha approvato l'importazione di due milioni di dosi del vaccino sviluppato da AstraZeneca e dall'Università di Oxford anche se il prodotto non è ancora approvato per l'uso nel Paese. L'autorizzazione all'import in Brasile prima dell'ok all'uso servirà ad essere pronti per partire al più presto con le somministrazioni. E anche l'India ha ieri annunciato di aver dato il via libera alla formula di AstraZeneca, oltre a quella di emergenza garantita al vaccino prodotto dall'azienda locale Bharat Biotech. Il piano di vaccinazione indiano prevede che entro l'agosto di quest'anno saranno vaccinati 300 milioni di persone tra sanitari, forze dell'ordine e persone considerate vulnerabili per altre malattie. Il Paese, che ha circa 1,4 miliardi di abitanti, è tra i Paesi più colpiti, con oltre 10,3 milioni di casi confermati e quasi 150mila morti. AstraZeneca ha annunciato di essere pronta a produrre 3 miliardi dosi nel 2021. «Io credo che i circa 50 milioni di vaccini destinati all'Italia potranno arrivare tutti entro giugno», ha detto in un'intervista alla Stampa Piero Di Lorenzo, presidente e ad della Irbm di Pomezia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.