Arrestati sette terroristi in Francia tra gli obbiettivi anche Disneyland

Si preparavano a colpire luoghi affollati in vista del Natale

Nel mirino non c'era solo Disneyland Paris, il parco divertimenti più famoso d'Europa. Ma anche gli Champs-Élysées. I due luoghi simbolo della Parigi turistica e natalizia. Tanto che il ministro dell'Interno francese, Bernard Cazeneuve, ammette: «Nonostante tutto quello che stiamo facendo, non possiamo garantire rischio zero». Dall'arresto di sette presunti terroristi lo scorso fine settimana, tra Marsiglia e Strasburgo, emerge però tanto altro. «Sia al commando di Strasburgo, sia all'uomo arrestato a Marsiglia (Hicham E., 46 anni, residente in Portogallo e segnalato per radicalizzazione), erano state date istruzioni per acquistare armi». Sarebbero dovute arrivare ieri, secondo la polizia. «Tali istruzioni provenivano da un comandante della regione iracheno-siriana tramite applicazioni criptate», spiega il procuratore di Parigi François Molin. «Abu Ali», è il nome di battaglia ipotizzato da Le Monde. Se la polizia non li avesse bloccati ci sarebbe stato un attentato a inizio dicembre.

La procura parla di obiettivi possibili per la sede della DGSI, l'agenzia d'intelligence interna francese nel sobborgo di Levallois-Perret, a nord-ovest di Parigi, e la sede della polizia nella centralissima Quai des Orfèvres sull'Ile de la Cité, che ospita la Cattedrale di Notre-Dame. Sotto tiro anche la stazione Charonne della metropolitana, la sede radiofonica di France Info e il Palazzo di Giustizia di Parigi. Oltre ad alcuni bistrot nel XX° Arrondissement e la redazione centrale del quotidiano Le Figaro. Deduzioni, provenienti da uno dei cellulari dei fermati a Strasburgo, che su Google Maps aveva cercato le zone in cui passare all'azione «nel breve periodo» e installato Periscope, l'applicazione per filmare la diretta dell'attentato.

Le indagini sono iniziate a febbraio. Ma solo ieri il procuratore ha reso noto la portata di questa doppia cellula terroristica, circoscritta a cinque individui dopo la liberazione di due uomini. I cinque accusati avevano detto di non conoscersi. Erano invece in contatto sui consueti canali criptati, e sono stati accostati anche agli autori della strage del Bataclan. «Il blitz ci ha permesso d'impedire un attacco sul nostro territorio a lungo pianificato», ha detto Cazeneuve. Il procuratore precisa: «L'allerta rimane altissima». A Strasburgo mercatino di Natale protetto da 15 check-point. A Montpellier esclusa la pista terroristica dopo che un uomo armato si è barricato in un monastero. Le teste di cuoio hanno liberato monaci e impiegati, ma l'uomo è fuggito uccidendo a coltellate la custode.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

tonixx

Sab, 26/11/2016 - 13:04

Sappiamo perfettamente che questi "terroristi" sono manovrati dai servizi segreti occidentali. Ci penseranno da noi i vari santori, i formigli, i berlingueri, le bottere, i paragoni, i fazzi, i crozzi e ricchissimi bugiardi seriali di questa risma a rendere tutto credibile alle povere pecore

ohibò44

Sab, 26/11/2016 - 13:08

Gli “eroici” islamisti sono pronti a combattere la madre di tutte le battaglie contro gli armatissimi bambini che vanno a Disneyland per sottomettere i seguaci di Allah. Non sono neppure bestie, peggio, sono vigliacchi, vigliacchi che ammazzano innocenti indifesi per vendicare coloro che hanno reagito alle loro invasioni del continente europeo E certe volte hanno anche il ‘coraggio’ di usare i bambini come bombe umane.

ohibò44

Sab, 26/11/2016 - 16:36

Egregio professor tonixx la sua profonda conoscenza dell'argomento mi sbalordisce, sia così gentile da fornirci i testi ai quali abbevera la sua sete di verità, ci faccia un dotto elenco. Grazie