Autostrade, Conte: "Revoca concessioni in dirittura di arrivo"

Il premier Conte mette nel mirino Atlantia: "Non faremo sconti dopo la tragedia del Ponte Morandi"

Il premier Giuseppe Conte mette ancora nel mirino Atlantia. Dopo il braccio di ferro per le responsabilità sul crollo del Ponte Morandi, i 5 Stelle avevano chiesto la revoca della concessioni ad Aspi. E adesso su questo punto è tornato a parlare proprio il premier: "C’è una procedura in atto che non si è mai interrotta, tecnicamente è di caducazione, da quando è stata contestata ad Aspi, in oggettivo inadempimento dovuto al crollo del Ponte Morandi, quella procedura è andata avanti, stiamo acquisendo continuamente elementi presso il Mit, man mano che vengono fuori perizie ed elementi. E adesso possiamo anticipare che siamo pressochè in dirittura di arrivo". Con queste parole dunque si riapre la battaglia con Autostrate e con il gruppo Atlantia. Intanto oggi l'ad di Aspi, Roberto Tomasi, ha incontrato il ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli. Il manager ha illustrato al ministro tutti gli interventi e le misure per accelerare il piano nazionale di interventi per la rete autostradale.

Aspi ha anche assicurato l'impegno per garantire la piena percorribilità per la A26 colpita dal maltempo in Liguria. "Nella notte è stata attivata una deviazione di carreggiata che consente lo scorrimento dei veicoli in entrambe le direzioni di marcia, senza percorrere i viadotti Fado Nord e Pecetti Sud, dove sono in corso verifiche tecniche sulla base di un rigoroso principio di cautela", ha affermato Tomasi. Sempre l'Aspi ha anche garantito alcuni interventi per evitare che i problemi sulla a 26 possano creare disturbi alla viabilità della città di Genova. Infine il ministro De Micheli è intervenuto anche su quanto accaduto sulla A6 dove domenica scorsa è letteralmente crollato un pezzo di un viadotto: "Sull’episodio del crollo del viadotto A6: non era in mano al concessionario Aspi, ma ad Autostrade dei Fiori ed è avvenuto per effetto di una frana. Sono in corso di verifica i movimenti della frana per evitare che possa avere impatto sui piloni dell’altro viadotto. Fino a quando non avremo certezze su questo non apriremo altro viadotto. Fra oggi e domani completeremo le verifiche sulla frana". Insomma la situazione resta ancora critica. Un eventuale peggioramento delle condizioni meteo potrebbe rallentare i lavori di ripristino della viabilità sui diversi tratti sull'intera rete autostradale interessati da danni o cedimenti. E nei prossimi giorni è altamente probabile un ritorno di piogge e temporali.

Commenti

cgf

Mar, 26/11/2019 - 22:17

Sarei curioso di sapere con cosa la pagano la revoca della concessione, Alitalia non vale così tanto

Altoviti

Mar, 26/11/2019 - 22:29

Era ora, almeno una cosa buona, l'unica, di questo governo. È da tempo che il ponte ballava quando si attraversava con pioggia e TIR vicini non si capisce come mai i tecnici non abbiano agito prima della catastrofe!

venco

Mar, 26/11/2019 - 22:34

La revoca concessioni autostrade perderà tanti consensi a Conte e 5s.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 26/11/2019 - 22:36

Speriamo che la revoca arrivi ai noti destinatari prima di Natale,così al posto di una grigliata dovranno accontentarsi di un brodino,più leggero e facile da digerire. Avranno altro già da digerire....

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mar, 26/11/2019 - 23:29

Si radicherà una battaglia legale lunga e costosa, da cui uscirà vincitore Benetton.

Ritratto di SAGITT33

SAGITT33

Mer, 27/11/2019 - 00:03

Sono curioso di sapere chi ha tanti soldi da sostituirli.

amicomuffo

Mer, 27/11/2019 - 05:44

Come diceva Andreotti a pensar male si fà peccato ecc.ecc. quanto scommettete che non ci riescono perchè il governo cade prima? ( o meglio viene fatto cadere prima?) In questa Italia di intrallazzi, tutto è possibile.

pasquino38

Mer, 27/11/2019 - 05:49

Vorrei che qualcuno, in particolare qualche magistrato, mi spiegasse una cosa di cui nessuno parla: premesso che se si accertassero serie inadempienze da parte dei concessionari sarebbe più che giusto (anzi doveroso) procedere al recesso (o risoluzione o revoca) della concessione, ma, di grazia, possibile che nessun organo dello Stato avesse il compito di vigilare sul rispetto degli obblighi contrattuali?

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Mer, 27/11/2019 - 07:56

Giustizialismo brado a 5 stalle

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 27/11/2019 - 09:17

Le autostrade ormai crollano sistematicamente. La gente muore, ma i costruttori non vanno in galera. Il Potere comanda.

cir

Mer, 27/11/2019 - 13:34

il risarcimento eventuale ai Benetton va fatta con lezioni accelerate di educazione dalla durata di 15 minuti per volta . Praticamente dei quarti d'ora ...non tutti belli..