Il Bianco e il Nero, Sgarbi: "Vietare lo sci è una bestemmia". Covatta: "Mi fido dei medici"

Cenoni, impianti sciistici e spostamenti tra Regioni. Il governo Conte non ha ancora chiarito come potremmo trascorrere le vacanze. Ecco le impressioni del comico Giobbe Covatta e del deputato Vittorio Sgarbi sul primo Natale in tempo di Covid

Cenoni, impianti sciistici e spostamenti tra Regioni. Il governo Conte non ha ancora chiarito come potremmo trascorrere le vacanze. Abbiamo chiesto al comico Giobbe Covatta e al deputato Vittorio Sgarbi le loro impressioni sul primo Natale in tempo di Covid.

Lei è favorevole a concedere maggiori libertà per le vacanze natalizie oppure proseguirebbe sulla linea del rigore e delle restrizioni per evitare una terza ondata di contagi?

Covatta: “Io sono favorevole a seguire quello che dicono i medici. La scienza non è democratica. La velocità della luce non si calcola per alzata di mano e, quindi, gli scienziati stabiliscono i parametri da seguire e io li seguo volentieri. Bisogna fare la distinzione tra oggettività scientifica e ideologia”.

Sgarbi: “Non solo non c’è il rischio di una terza ondata, ma non c’è stata neanche una seconda. Hanno surrettiziamente messo in contatto alcuni contagi estivi in discoteca, prevalentemente simbolici del Billionaire dove i 50 contagiati sono tutti guariti. Ora, non solo sono chiuse le discoteche, ma quella che chiamano seconda ondata è un’ondata normale di influenze e polmoniti tipiche dell’inverno e che durerà finché c’è freddo. Non c’è bisogno di rigore o di restrizioni, ma semplicemente di buon senso”.

Gli impianti sciistici dovrebbero riaprire oppure restare chiusi in quanto pericolosi luoghi di assembramento?

Covatta: “Sì, se la medicina dice questo sì. D’altra parte ho i teatri chiusi dal 20 di febbraio e me ne faccio una ragione. Capisco tutti quelli che dicono ‘noi ci rimettiamo un sacco di soldi’, ma che vuoi fare? Ce ne faremo una ragione…”.

Sgarbi: “I luoghi di montagna e lo sci sono stati indicati a tutte le generazioni come luoghi di aria buona, salubrità e di sport individuali. Tolta la funivia che si può contingentare, la seggiovia e lo skift sono strumenti individuali perciò proibire lo sci è una bestemmia. Il premier, infatti, si trova in difficoltà perché in Austria e Svizzera si può sciare. Lì o sono incoscienti oppure hanno valutato che il rischio non c’è. In montagna l’unico luogo di assembramento è lo chalet che è un ristorante come tanti altri e basterebbe contingentare il numero dei clienti ”.

Il cenone. Si deve e si può fare? Quale deve essere, secondo lei, il limite massimo di invitati?

Covatta: “Non ne ho idea. Se dipendesse da me saremmo anche 4 milioni, ma non lo posso decidere perché non ne ho le competenze. Questo non è un anno normale…”.

Sgarbi: “Il cenone appartiene alla sfera privata e, quindi, salvo nelle zone rosse, uno a casa sua invita chi vuole. Sarebbe incostituzionale stabilire il numero degli invitati. Io ho una casa di 450 mq e, quindi, potrò invitare 2 persone per stanza. Dal momento, però, che è impossibile verificare il numero di invitati negli spazi privati, non c’è un limite massimo ma solo un consiglio, un suggerimento”.

Lei vieterebbe gli spostamenti tra Regioni oppure consentirebbe soltanto i ricongiungimenti tra familiari?

Covatta: “Io tecnicamente non sono in grado di prendere nessun tipo di decisione. Fosse per me andrei avanti e indietro dalla Toscana alla Campania tutti i giorni 6 volte al giorno. La mia volontà non incide minimamente sulle posizioni che vengono prese dagli scienziati. A me piacerebbe riaprire tutto, fare i cenoni, i pranzoni e le merendone, ma non dipende da me”.

Sgarbi: “Vietare spostamenti tra Regioni è ridicolo perché a Milano possono esserci 50 persone in una stanza e in 3 Comuni di mille abitanti potrebbero essercene solo 10. In una città grande possono esserci molte persone, in dieci comuni piccoli meno. Impedire i viaggi tra Regioni è un’insensatezza anche perché si dice “Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi”.

È fiducioso o è scettico sull’arrivo dei vaccini? Lei lo farebbe?

Covatta: “Io sono assolutamente fiducioso che il vaccino arriverà anche perché il coronavirus è un virus relativamente semplice da decodificare (non è come l’HIV). Non ho nessun tipo di remora nei confronti del vaccino. Se arriverà nelle farmacie, vorrà dire che avrà superato tutti i passaggi all’interno delle strutture preposte e, quindi, se ci fosse il vaccino, io lo farei anche domani”.

Sgarbi: “Sono fiducioso nell’arrivo del vaccino. Indipendentemente dall’affare economico per l’industria farmaceutica non c’è dubbio che la percentuale che possono garantire sia del 94-95% per cui, in nome della libertà, il minimo rischio di controindicazioni va corso. L’affollarsi di novax è la reazione a una strategia così violenta che ha impaurito la gente non solo per il Covid ma anche per il vaccino contro il virus. La paura è sovrana anche rispetto ai rimedi. Non bisogna farsi prendere dalla paura né pensando che il Covid sia come la peste né pensando che il vaccino sia pericoloso”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ClioBer

Gio, 26/11/2020 - 10:08

Caro Sgarbi, capisco il senso di ribellione all’insopportabile limitazione della libertà personale e non vedo l’ora di “mandare a casa questo “sinistro” governo. Detto questo, ovvio che sciare è bellissimo, sia come sport, ma anche per le sublimi sensazioni di libertà che riesce a dare. Però, da appassionata della montagna, sono convinta, data la situazione, che non si possa fare diversamente. Difatti, se si tratta di giornalieri, normalmente si spostano in bus, quindi con i problemi correlati al trasporto, nonché agli assembramenti in baite e rifugi per rifocillarsi. Mentre se parliamo di vacanzieri, come tutti sanno, lo sport praticato di giorno non è mai disgiunto dalle feste che, con mille motivazioni e/o scuse, ogni sera qualcuno riesce a organizzare. E pensare che si possa, compostamente, mantenere la distanza o tenere la mascherina, mentre si mangia, si canta, si balla, si ride e ci si diverte, è una pia illusione.

Iacobellig

Gio, 26/11/2020 - 10:09

L’economia al pari della salute dei cittadini, in una società democratica, non può essere fermata. La salute dei cittadini non può esistere senza l’economia e viceversa. Pertanto con dispositivi sanitari e misure anche drastiche, la vita deve avanzare.

mzee3

Gio, 26/11/2020 - 10:17

E' assolutamente vero che lo sci è uno sport all'aria aperta e individuale… Le cabinovie sono uno spazio chiuso e affollato, i ristoranti sono un luogo chiuso e possono essere affollati, i rifugi di montagna sono uno spazio chiuso e possono essere affollati. Quindi l'anarchico Sgarbi può gridare fin che vuole.. l'importante e lasciarlo gridare, certo i suoi sproloqui aiutano sono a riempire le pagine di alcuni giornali in crisi.

maurizio-macold

Gio, 26/11/2020 - 10:20

Ma cosa c'entra la democrazia con la scienza? Solo un alieno come Sgarbi poteva fare questo paragone. La scienza medica ci aiuta contro le malattie come fa nel caso della pandemia, e solo uno scellerato puo' parlare di mancanza di democrazia nel caso delle limitazioni imposteci dal governo.

rino biricchino

Gio, 26/11/2020 - 10:28

Santo iddio ma perché lo state ancora ad ascoltare uno come Sgarbi!

Schweizer

Gio, 26/11/2020 - 10:29

Stato di diritto ancora violato. Sgarbi è l'unico a protestare ma dovrebbe circostanziare anziché urlare. Chiuderanno le frontiere (cosa seria) per tutti per impedire lo sci all'estero (0,05% della popolazione potrebbe/vorrebbe farlo), cambieranno la griglia/colori con il giallo che diventerà rosso salvo i centri commerciali per favorire lobby finanziarie e Farinetti che aprirà il suo Green Pea Torino in piena festività. E' una spirale involutiva. Consiglio lettura "sette piani" di D. Buzzati del 1937. "L'unico modo per combattere la peste è l'onestà" A. Camus 1947.

ANPOWER

Gio, 26/11/2020 - 10:38

Suggerirei a Mr. Sgarbi & bravi seguaci di andare a leggere cosa ha deciso la sig.ra Merkel in Germania per divieti, Natale e le tanto adorate vacanze sulla neve (in analogia alle spiagge piene di quest'estate!) ! Ricordo che i nostri amici Tedeschi sono messi molto meglio di noi sotto tutti i punti di vista, eppure le restrizioni le hanno e non mi sembra che la democrazia e libertà sia da loro messa in discussione come in Italia ad ogni istante!!

no_balls

Gio, 26/11/2020 - 10:39

Aprite le stazioni sciistiche.. Dopodiché metteteli tutti in quarantena per 15 giorni. Per ogni infettato prelevate le relative spese dallo stipendio di sgarbi. Cominciamo a responsabilizzare la parola.

Ritratto di saggezza

saggezza

Gio, 26/11/2020 - 10:46

per le cabinovie e per i ristoranti perché non adoperare e o tollerare le stesse regole come sui mezzi di trasporto e nei ristoranti di città? Non voglio assolutamente difendere il riccone proprietario di ristoranti e di impianti sciistici, ma penso a quei poveri dipendenti che vi lavorano e prendono uno stipendietto per mantenere le proprie famiglie.

opinel44

Gio, 26/11/2020 - 10:48

Schweizer carissimo, innanzitutto perdoni il mio commento così esplicito ma è solo per fare un esempio, ma se uno solo di quel 0,05% al.momento del suo rientro a casa infetta lei e tutta la sua famiglia come la mettiamo?

Ritratto di falso96

falso96

Gio, 26/11/2020 - 10:49

Le pecore/CAPRE si fanno guidare dai pastori (sperando che i pastori sappiano dove vanno) e poi c'è chi pecora/CAPRA non è , ma uno spirito che ha il coraggio di "andare contro corrente" e di stare attento a cosa ci raccontano ci VIETANO, hanno cominciato con le PAROLE VIETATE e oggi con la schiavitù , lavoro e casa , casa e lavoro. MEDITATE PRIMA CHE NON SIA TROPPO TARDI.

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Gio, 26/11/2020 - 10:58

Totalmente d'accordo con Sgarbi!

ANPOWER

Gio, 26/11/2020 - 11:01

Angela Merkel: "Non invertito ancora il trend, chiudere impianti sci fino a 10 gennaio"

mzee3

Gio, 26/11/2020 - 11:04

falso96 @@@ ti sei dimenticato di dire che hanno obbligato le donne a restare a casa a lavorare, badare ai bambini e ai vecchi, far da mangiare, pulire la casa fare i letti e alla notte fare anche l'amante. MEDITA PRIMA CHE NON SIA TROPPO TARDI. Forse hanno ascoltato le indicazioni dei leghisti a Verona dove hanno affermato che le donne devono stare a casa, fare figli e accudire il marito..MEDITA PRIMA CHE NON SIA TROPPO TARDI.

mariolino50

Gio, 26/11/2020 - 11:04

ANPOWER In Germania le scuole sono aperte, e le altre regole sono molto più leggere, le fabbriche non hanno mai smesso di lavorare, qui sono state chiuse per mesi. Inoltre li ci sono state grosse manifestazioni contro la limitazione della libertà, represse a legnate come usa ovunque, qui nemmeno quello abbiamo fatto, tutti zitti come pecore impaurite. L'andazzo porta alla fine della democrazia costituzionale come l'abbiamo conosciuta, pochi decenni a quanto pare.

manson

Gio, 26/11/2020 - 11:14

NEanche una domanda sulle scuole chiuse evidentemente nel paese dei balocchi è più importante sciare e ingozzarsi

Conanilbarbaro

Gio, 26/11/2020 - 11:18

... ma una riflessione sull'aumento delle probabilità di avere problemi a seguito del vaccino??? Se contraessi il virus oggi, a 50 anni, avrei il 99,99% di probabilità di guarire (a casa) senza problemi. Se facessi il vaccino? Il 5% di probabilità di avere problemi!!! Mi sembra un aumento macroscopico. Dallo 0,01 al 5%. Senza considerare tutti i casini che sono stati messi in piedi contro gli OGM e ora che le modifiche genetiche spettano a noi e ai nostri figli, tutto ok? Un popolo che elegge corrotti, impostori, ladri, traditori, non è vittima, è complice. (George Orwell)

Ritratto di falso96

falso96

Gio, 26/11/2020 - 11:21

mzee3: NO! hanno messo in pratica le parole di SANDRO PERTINI, in un discorso fece notare che la famiglia doveva essere messa al centro della nostra cultura e alle famiglie doveva essere garantito il lavore con retribuzioni alte ai capofamiglia per permettere alle madri di curare i figli e tutta la famiglia .... e Peritni non era LEGHISTA. Vede che qualcuno ha meditato prima di Lei e di me.Comunque il tema del mio commento è IL VIETARE, TANTO DI MODA OGGI DA VOI ....

Pinozzo

Gio, 26/11/2020 - 11:53

"La seconda ondata non c'e'", vallo a dire a medici e infermieri che lavorano negli ospedali saturi tra gente che muore, CAPRA! "La seggiovia e' individuale, la funivia si puo' contingentare", a parte che la funivia si puo' contingentare solo dividendo per 10 gli afflussi (nelle ore di picco i 4 metri quadri ci stanno almeno 10 persone, e sono ottimista, e ce ne potra' stare solo una), hai mai sciato? I problemi di affollamento sono nelle CODE per le seggiovie, funivie, skilift. E in quelle piu' affollate (che sono quelle che creano problemi) si sta schiacciati come sardine, altro che 1 metro di distanza. CAPRA! CAPRA! CAPRA!

Ritratto di pipporm

pipporm

Gio, 26/11/2020 - 11:59

Si preoccupi di arrivarci vivo a Natale invece di pensare allo sci

stefano.f

Gio, 26/11/2020 - 12:28

Il governo conte NON DEVE CHIARIRE NULLA . Se gli impianti quì saranno chiusi ,a 2 passi Svizzera e Austria sono apertissimi e lo sarà anche la Francia . L'Italia sarà chiusa e loro saranno felici e contenti.Come la scorsa estate, quando tutto ,Grecia,Croazia,Spagna,Francia erano aperte e quì tutto chiuso. Sempre ammesso che ci facciano entrare, considerato che,prima di criticare da buoni Italioti la situazione all'estero, sarebbe opportuno concentrarsi sulla nostra situazione,visto e considerato che svettiamo al terzo posto tra i paesi più appestati d'europa!!!

stefano.f

Gio, 26/11/2020 - 12:32

pipporm:pensi a lei e non si interessi degli affari altrui....è sempre la cosa migliore...

Maxy71

Gio, 26/11/2020 - 12:41

D'accordo solo con l'ultima risposta di Sgarbi... per il resto si atteggia da persona totalmente decontestualizzata dalla realtà. Un politico, chiamiamolo così, dovrebbe se non altro rispettare le decine di migliaia di vite spezzate da (o con) questo virus...persone magari anziane, magari con altre patologie...ma non con minor diritto alla vita di chiunque altro. Dovrebbe rispettare chi lavora H24 in ospedali, e magari ci ha rimesso la vita, per curare le persone. Dovrebbe rispettare la gente che perde il lavoro, o imprenditori che vedono sfasciarsi le imprese di una vita, chiuse, dimenticati da tutti (magari per questo dovrebbe scaldarsi il Signor Sgarbi). Al posto di sbatterci in faccia la sua casa da 450mq, che la smetta di fare opinione dicendo cose che inducono solo a comportamenti rischiosi.

schiacciarayban

Gio, 26/11/2020 - 12:48

Il vero problema è che non c'è neve, covid o non covid! Al momento si scia solo sul ghiacciaio, in Italia praticamente soltanto Cervinia. Speriamo che nevichi presto altrimenti siamo qui a parlare del nulla!

Maxy71

Gio, 26/11/2020 - 12:57

@STEFANO.F ..la scorsa estate era tutto chiuso "qui" dove? Su quale pianeta?

fj

Gio, 26/11/2020 - 13:05

Tutti gli alberghi, affittacamere e garni accetterebbero di rimanere chiusi. Ma il discorso è fatto a metà. Su tutto l'arco alpino si perderebbero 12 miliardi in 20 giorni di lavoro a Natale. Se il governo dicesse contemporaneamente al divieto-sacrificio-non-lavoro: vi rimborsiamo il 75% dei guadagni, non ci sarebbe problema. Ma non lo dice. Continua a discriminare gli italiani. Ci sono quelli che non ci rimettono niente 65% della popolazione, e quelli che devono sopportare il costo economico della lotta al covid: 35%. E questo non va bene. Siamo tutti italiani e i costi devono essere ripartiti su tutti, compresi i parlamentari.

edode

Gio, 26/11/2020 - 13:07

@stefano.f RACCONTIAMO IN MODO COMPLETO: in francia le piste sono sicuramente chiuse perlomeno fino al 20 gennaio in germania gli impianti sono chiusi perlomeno fino al 10 gennaio e la merkel chiede che questo venga esteso a tutta europa (nota bene: la germania e' quella che e' messa meglio di tutte come ospedali, infetti e mmorti, potrebbe anche permetterselo di far sciare) in svizzera la percentuale di malati e' gia' decisamente superiore che in italia e viene criticata da svizzeri stessi e paesi limitrofi sulla scelta di tenere aperto.

Ritratto di falso96

falso96

Gio, 26/11/2020 - 13:13

schiacciarayban Piu che neve o non neve qui parliamo di lavoro o FAME, chiusure Personale del settore a casa , poveri con la mano tesa sperando che il conte ci dia la monetina di "ristoro" , forse .Schiavi pronti a cosa ?..... per sfamarei nostri cari.

Maxy71

Gio, 26/11/2020 - 13:16

@Conanilbarbaro: con le statisitche opportunamente taroccate si può dimostrare quello che si vuole. Innanzitutto i deceduti fino ai 50 anni sono l'1.1% e non lo 0.1%. Poi parliamo di una percentuale di morte contro una percentuale del 5% di avere probemi. Di questo 5% quante sono le morti? Ci esponga una statistica dove vengono confrontate cose confrontabili... non a caso. Detto questo, prima abbiamo dovuto sopportare i negazionisti.... ora sarà il turno dei novax. Ha paura di farsi il vaccino? Non se lo faccia. Punto. Non è che tutta Italia debba esserne al corrente.

Ritratto di moshe

moshe

Gio, 26/11/2020 - 13:39

LO SCI è VIETATO; PER GLI ASSEMBRAMENTI PER LA MORTE DI MARADONA IL GOVERNO HA FATTO UNA DEROGA ?

Ritratto di ateius

ateius

Gio, 26/11/2020 - 13:41

chi dice di affidarsi agli scienziati mente spudoratamente.- ogni scelta è determinata anzitutto dal proprio Vissuto e poi adattata opportunisticamente a ciò che gli conviene, che sia un'opinione un'ideologia una Fede o una scelta di salute PUBBLICA.- i sinistri hanno in odio i "ricchi".. chi va a sciare e al ristorante. odiano gli imprenditori ed i Lavoratori autonomi.- è dunque FACILE per loro affidarsi agli scienziati.. per COLPIRLI.- dai tempi delle p38.. sono sempre loro.

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Gio, 26/11/2020 - 13:58

Il problema è che se sgarbi si prende il covid viene curato bene mentre gli altri vengono curati coi residui. Manco il vaccino per l'influenza...

edode

Gio, 26/11/2020 - 14:16

@ateius, la tua cultura scientifica credo sia pari ad un numero immaginario

maurizio-macold

Gio, 26/11/2020 - 14:23

Il signor STREFANO.F (12:28) scrive falsita' e nel suo stesso post si smentisce. Comunque caro signore lei ha dei disturbi della memoria, perche' in Italia la scorsa estate era TUTTO APERTO e per tale motivo adesso ne paghiamo le conseguenze.

stefano.f

Gio, 26/11/2020 - 14:41

edode:lei racconti pure tutto quello che vuole,in Svizzera e in Austria ora gli impianti sono già aperti per una parte ,quelle più in alto e, a natale saranno aperte ovunque. Questo è a prescindere ci cosa lei dice che pensano o non pensano sli svizzeri al riguardo. Poi ci sono anche i viaggi all'estero che la gente,magari quì non lo scrive ,viste le irripettibili offerte si appresta a fare. Per quanto riguarda la Frncia certamente riaprono prima del 20 gennaio,esattamente come dopo il giorno 15 riapriranno tutto.

stefano.f

Gio, 26/11/2020 - 14:44

maurizio-macold:le falsità probabilmente le scrive lei vuole vedere lei,di fatto la situazione generatasi quì con questi numeri dovuta al fatto che quì non funziona nulla,quì non sono in grado di organizzare nulla. Aspetti gennaio e poi vedrà stante la seconda ondata cosa accadrà...poi onestamente del suo punto di vista me ne importa nulla. I disturbi e non solo della memoria li ha lei e anche tanti.

Ritratto di ateius

ateius

Gio, 26/11/2020 - 14:44

ehh.. @edode. quando vi si smaschera..

maurizio-macold

Gio, 26/11/2020 - 15:49

Signor STEFANO.F, avrebbe fatto meglio a non replicare. Era sufficiente dire che non ricordava bene cosa avvenne la scorsa estate e sarebbe stato onesto sia con se' stesso che con gli altri. Mi stia bene, e mangi tanto pesce.

susyserra

Gio, 26/11/2020 - 15:53

Giusto! Facciamo un altro pò di terrorismo psicologico sui viaggi, non sia mai che qualche operatore del turismo stesse davvero pensando di ricominciare a lavorare dopo il vaccino.

roberto010203

Gio, 26/11/2020 - 16:58

Sgarbi, come sempre, spara cavolate colossali. E' vero che mentre si scia si e' soli. Ma nel rifugio a pranzare non si e' soli, in coda per la funivia non si e' soli, al ristorante la sera non si e' soli.

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 26/11/2020 - 17:25

L'Alto Adige Südtirol in merito al divieto dello sci da parte del Governo deve far da se e adeguarsi semmai all'Austria sua potenza protrettrice. L'autonomia a cosa serve? A farsi mettere i piedi sul collo dai buffoni sinistri?

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 26/11/2020 - 19:48

Conte non ha ancora chiarito perché non sa più cosa inventarsi. Il massimo lo ha raggiunto chiudendo i ristoranti alle ore 18.00. Ora non sa più cosa inventare. Ma qualcosa riuscirà a fare.

cecco61

Gio, 26/11/2020 - 19:50

@ maurizio-macold: anche col pesce lei non migliorerebbe. I contagi hanno ripreso a salire a fine settembre e quindi le vacanze di agosto nulla c'entrano. Se così fosse tutte le teorie sui 5-6 giorni di incubazione o sulla quarantena di soli 14 giorni andrebbero a farsi benedire visto che la gente si è ammalata un mese e mezzo dopo. Meglio dar la colpa alle vacanze anziché ai mezzi pubblici intasati con la riapertura delle scuole, la colpa agli italiani e non al Governo che nulla ha fatto, e proseguire nella dittatura sanitaria coi gonzi che ci credono, incapaci di fare 2 + 2.