Blocco pensioni, Monti si difende: "Se non l'avessimo fatto sarebbe arrivata la Troika"

L'ex premier si difende: "Il nostro primo dovere allora era evitare il default". Intanto però ora c'è un buco di 5 miliardi

Blocco pensioni, Monti si difende: "Se non l'avessimo fatto sarebbe arrivata la Troika"

"Rispetto la sentenza della Corte, come sempre, ma sono perplesso; se non avessimo preso le misure necessarie, sarebbe intervenuto il default oppure sarebbe arrivata la Troika". Mario Monti, in un’intervista alla Stampa, commenta la sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittimo il blocco dei trattamenti pensionistici al costo della vita per gli assegni superiori a tre volte il minimo Inps e difende l'operato del suo governo e del ministro Elsa Fornero.

"Quello della Corte è un mondo calmo, riflessivo, che deve ragionare ex post e non è esposto alle tempeste che i governi devono affrontare in situazioni di emergenza. Il nostro primo dovere allora era evitare il default. In quel caso, come oggi in Grecia, sarebbero state a rischio le pensioni, non solo il loro aumento per recuperare l’inflazione. Immagino che la questione sia stata dibattuta anche all’interno della Corte: secondo resoconti giornalistici la sentenza sarebbe stata adottata con sei voti a favore e sei contrari e il sì determinante del presidente. Dal punto di vista finanziario la situazione dell’Italia di allora puntava pericolosamente in direzione della Grecia. Siamo in una fase della storia europea in cui bisogna fare i conti con diritti a prestazioni che una volta erano sostenibili, oggi no. Per l’Italia è la prima volta in cui la Corte fa qualcosa che rende più difficile il rispetto dei limiti europei, in Portogallo è già avvenuto più volte. Nell’eurozona c’è stata ampia convergenza fra i poteri legislativi ed esecutivi. Ma lassù, più in alto, c’è il mondo augusto e distaccato - non è una critica - delle corti costituzionali. Da un lato c’è quella portoghese, dall’altra quella tedesca che di tanto in tanto diffida Berlino dal consentire una politica monetaria o di bilancio più flessibile. Più che convergenza la chiamerei divergenza".

Sarà. Intanto ciò che è certo è il buco di cinque miliardi cui dovrà fare i conti il governo di Renzi.

Commenti