Bonaccini trema: la Borgonzoni è a un punto. E il centrodestra sogna

Secondo l'ultima rilevazione effettuata da Tecnè la leghista è a un passo dal superare il governatore uscente

Bonaccini trema: la Borgonzoni è a un punto. E il centrodestra sogna

Ora il centrodestra può sognare il colpaccio. La tornata elettorale in Emilia Romagna è l'appuntamento clou di inizio 2020 e potrebbe portare con sé un risultato storico. E una conseguenza probabilmente scontata. Il risultato storico sarebbe la vittoria del centrodestra in quella che – insieme alla Toscana – è la regione "rossa" per eccellenza dello Stivale. La conseguenza inesorabile, invece, la caduta del governo giallorosso. Secondo l'ultimo sondaggio realizzato da Tecnè Lucia Borgonzoni sarebbe infatti ormai a un passo dal mettere la freccia superare Stefano Bonaccini.

Già, perché la recente rilevazione effettuata dall’istituto demoscopico parla chiaro. E i numeri, si sa, non mentono mai. Il candidato del centrosinistra – nonché presidente della regione uscente – rimane in vantaggio, attestandosi al 45% delle indicazioni di voto, ma l'esponente leghista lo sta ormai tallonando da vicini, anzi vicinissimo, con il 44% delle preferenze, come riportato da Libero.

Il trend è ormai chiaro. Così come è chiaro il fatto che la contesa tra i due sarà un vero e proprio testa a testa e chi la spunterà, con tutta probabilità, lo farà per una manciata di voti.

L'importanza del risultato in Emilia Romagna è enorme e non a caso, in vista della chiamate alle urne, nel cuore della regione, nel capoluogo Bologna, è nato quel movimento di piazza (tutto fuorché spontaneo…) delle sardine – fondate da Mattia Santori, Giulia Trappoloni, Andrea Garreffa e Roberto Moroni – per dare, guarda il caso, contro Matteo Salvini, e per sostenere la corsa del dem Bonaccini.

Qualora domenica 26 gennaio dovesse vincere il centrodestra a trazione leghista, per il Partito Democratico e tutta la sinistra italiana sarebbe il tracollo forse definitivo. Un tonfo clamoroso che porterebbe con sé – molto probabilmente – la caduta della maggioranza giallorossa. Insomma, non resta che attendere una quarantina di giorni per sapere come andrà a finire. E quali saranno gli effetti della decisione degli emiliani e dei romagnoli a inizio anno venturo.

Gli ultimi sondaggi

Nella scorsa settimana, l'analisi di Noto Sondaggi ha fotografato plasticamente il duello elettorale tra l’esponente del Pd e quella della Lega: secondo il sondaggio, 45-49% per il presidente uscente, contro il 41-45% della leghista. Simili, molto simili, i numeri del sondaggio di Emg Acqua di Fabrizio Masia: 44% per la candidata del centrodestra e il governatore a un passo, dato al 46,5%.

Commenti