Un caffè lungo (un anno) celebra gli "eroi della terra"

Tredici scatti del 26enne fotografo canadese Joey L. immortalano giovani che promuovono il cambiamento partendo dalla tradizione

Gli «eroi della terra». Giovani, depositari di antiche tradizioni ma aperti al cambiamento. C'è Anderson Ricardo, che fa l'imprenditore del caffè e ha il sogno di «creare un processo completo di produzione a conduzione familiare» che lo conduca ad avere presto «un mio marchio di caffè e una mia società». E c'è Dali Nolasco Cruz, che a 27 anni fa parte di un'associazione di produttrici «in rosa» di peperoncini serrano che cerca non tanto il profitto quanto il risactto sociale delle donne messicane.

Sono Anderson e Dali, ma anche Anayibe, Edinson, Antonia ed Edulis i protagonisti dell'edizione 2016 del Calendario Lavazza, presentato ieri alla Cascina Cuccagna di Milano. «From Fathers to Son» il titolo del progetto realizzato con la direzione creativa di Armando Testa, che si riassume in tredici scatti del giovane fotografo canadese Joey L., uno per ogni mese più la copertina, che saranno visibili all'Expo nel padiglione Italia fino al prossimo 7 ottobre.

Immagini vibranti e vagamente cinematografiche, in cui però non c'è fiction: immortalano i riti e i costumi della nuova generazione di Earth Defenders («difensori della terra»), che nel Centro e nel Sud America attraverso il rapporto con i propri genitori e con la terra difendono la biodiversità e l'integrità delle comunità locali con un occhio anche a evitare di sprecare risorse spesso molto limitate.

«Abbiamo voluto dare di loro un'immagine epica, ma anche intima - spiegato il fotografo - che restituisse il legame tra padri e figli, madri e figlie. Il viaggio fotografico in Centro e Sud America mi ha permesso di capire che il valore di un luogo è dato dalle persone che per generazioni vi hanno lavorato. La mia speranza è che ogni immagine riesca a trasmettere almeno in parte le emozioni e il vissuto di questi eroi contemporanei dei padri e dei figli: nei loro volti e nei loro gesti c'è la storia di un passato lontano e il sogno di un futuro migliore». «Volevamo un occhio fresco e autentico. Ecco perché abbiamo scelto Joey L., un fotografo straordinario, con attenzione e profondità uniche - spiega il direttore corporate image dell'azienda Francesca Lavazza - . Scegliere un nuovo fotografo è stato difficile ma nonostante abbia solo 26 anni Joey L. ha dimostrato grande profondità e maturità» nel ritrarre quelli che lei definisce «i veri eroi del nostro tempo, molto più delle celebrità, molto più delle star del cinema».

Il calendario Lavazza 2016 è in vendita in edizione limitata. Chi lo acquisterà contribuirà al progetto Terra Madre Giovani - We Feed the Planet, evento organizzato da Slow Food dal 3 al 6 ottobre prossimi a cui prenderanno parte 2mila giovani contadini provenienti da 120 Paesi del mondo, ospiti di oltre 500 famiglie lombarde. «Lo scopo di Terra Madre Giovani - spiega Carlo Petrini, presidente e fondatore di Slow Food - è di fare interagire i saperi che queste persone hanno appreso dai padri con la tecnologia moderna». Già, perché «chi si aspetta di vedere arrivare contadini che fanno tanto folklore, non ha capito niente. Queste persone sono capaci di interagire con la tecnologia. È questa la novità bella che fa sperare in un futuro dell'agricoltura». Il progetto si può sostenere anche sui social network attraverso l'hashtag #EarthDefenders.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.