Calabria, il capitano Ultimo entra nella giunta di centrodestra

Il colonnello De Caprio accetta l'incarico proposto dalla governatrice Santelli. Si occuperà di ambiente. “Dovrà valere il concetto di autodeterminazione, senza interferenze mafiose”

Il capitano Ultimo, l'ufficiale dei carabinieri che nel '93 strinse le manette ai polsi a Totò Riina, sarà l'assessore all'Ambiente della nuova giunta regionale della forzista Jole Santelli.
La legislatura calabrese inizia dunque con un colpo a sorpresa della governatrice del centrodestra, che ha annunciato e poi firmato la nomina del colonnello Sergio De Caprio alla Camera dei deputati.
Il capitano Ultimo, 58 anni, è stato a capo dell'unità Crimor oltre che vice comandante del Comando carabinieri per la Tutela dell'Ambiente a Roma.

Molto sintetico il suo intervento dopo l'accettazione del nuovo incarico. “I temi sono tanti e li concorderemo con la presidente”, ha detto Ultimo, secondo cui dovrà valere “il concetto di autodeterminazione delle comunità senza interferenze o manipolazioni mafiose. Le scelte vanno condivise: un conto è servire, altro è praticare il dominio”.

Il colonnello dell'Arma è dunque il primo assessore del nuovo esecutivo regionale. Santelli ha deciso di affidargli la delega all'Ambiente anche in considerazione della sua lunga esperienza in materia. Dal maggio 2018, infatti, gli è stato affidato l'incarico di direttore attività convenzionali del Comando per la tutela della biodiversità e dei parchi dei Carabinieri Forestale (Cutfaa).

Il nuovo incarico sarà effettivo non appena De Caprio riceverà il nulla osta dell'Arma.

Di recente il capitano Ultimo era stato al centro delle cronache perché privato della scorta dall'Ufficio centrale interforze per la sicurezza personale. Decisione poi ribaltata da una sentenza del Tar.

“Ci sarà un cambiamento netto in Calabria”, ha sottolineato Santelli. “Lo faremo noi, tutti insieme, come squadra. La Regione si amministra soprattutto da Roma, attraverso i rapporti quotidiani con i ministeri. E, spero, con tutto il centrodestra e con i colleghi calabrese”.

Di sicuro la neo presidente ha colto tutti di sorpresa, schierando un nome di peso e dando seguito alla volontà già espressa di nominare almeno due assessori esterni slegati dai partiti e dalle riconosciute doti professionali.

Il primo è il capitano Ultimo, ed è probabile che Santelli, già dai prossimi giorni, piazzi qualche altro colpo a effetto, in attesa di ricevere indicazioni dagli altri alleati del centrodestra.

La governatrice, nei prossimi giorni, dovrebbe incontrare Matteo Salvini e Giorgia Meloni, che dovranno avanzare le loro richieste sugli assessorati e proporre i primi nomi.

Santelli, da quel che trapela, sarebbe intenzionata a presentare la sua giunta in occasione della seduta del consiglio regionale della Calabria, che dovrebbe svolgersi entro i primi dieci giorni di marzo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

dagoleo

Mar, 18/02/2020 - 15:50

ottima scelta per la Calabria. persona di assoluta serietà e competenza.

ST6

Mar, 18/02/2020 - 16:26

Vai con la svolta contro abusi e illegalità che rovinano il fantastico territorio calabrese. Speriamo bene

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 18/02/2020 - 16:29

evvaiiiiii XD

gjallahorn

Mar, 18/02/2020 - 16:35

Viva la "ribellanza" di Ultimo!

PassatorCorteseFVG

Mar, 18/02/2020 - 16:39

un esempio di leale e onesto servitore dello stato, poi accusato ,non ho capito mai di che cosa, o forse ho capito troppo bene,poi assolto,alla fine nessuno si è mai pensato di valorizzare questo signore fino a questo momento. vedremo di che cosa lo accuseranno adesso solo per screditare una giunta di un colore sgradito ai moralmente superiori, i quali si dimenticano con troppa facilità del valore di questo signore e della volontà del popolo .ciao a tutti.

donzaucker

Mar, 18/02/2020 - 16:59

Mai capito perché gira mascherato, si sa nome, cognome, data di nascita e ci sono pure delle foto su internet senza maschera.

Ritratto di coviD-EL.pd.

coviD-EL.pd.

Mar, 18/02/2020 - 17:57

ancora con la maschera? ah,ah,ah,ah...

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 18/02/2020 - 18:29

PassatorCorteseFVG 16:39 - Volevo scrivere esattamente quanto da lei riportato.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 18/02/2020 - 18:57

Attento, vogliono farti uscire allo scoperto per poi accopparti! Non ti fidar.

Libertà75

Mar, 18/02/2020 - 19:08

duro colpo al previgente sistema mafioso difeso a spron battuto anche su queste pagine

Ritratto di Thorfigliodiodino

Thorfigliodiodino

Mar, 18/02/2020 - 21:51

E basta con le pagliacciate! Saviano a sinistra che fa il buffone, questo a destra che arriva come Pecos Bill. Sei un Petrosino? Allora tanto di cappello, ma se sei ancora vivo e millanti ciò che si va dicendo, stai facendo il classico italiota pagliaccio.

Ritratto di antomuz

antomuz

Mer, 19/02/2020 - 03:50

Brava Iole Santelli ed auguri al colonnello De Caprio.

gjallahorn

Mer, 19/02/2020 - 06:20

E' un ufficiale dei carabinieri, scomodo per il suo modo di agire, scomodo perché era un sottoposto del Generale Mori, scomodo alla sn perché Mori rappresenta un Generale vincente e vivo nella lotta alla mafia e al terrorismo di sinistra, scomodo per i politici perché rubava la scena ai ministri. Borsellino si definiva "un uomo morto che cammina" perché aveva toccato gli interessi mafiosi, Riina e Provenzano ne avevano decretato la morte, la Crimor e il Gen. Mori con metodi inusuali riuscirono a debellare i corleonesi. La nuova mafia ritorna ad essere nascosta e sorniona, rinuncia agli atti eclatanti e destabilizzanti, ma non va sottovalutata.

PassatorCorteseFVG

Mer, 19/02/2020 - 08:22

signor abj 14, nel ringraziarla per il suo commento, mi congratulo con lei perchè credo lei metta il valore della democrazia e il valore dell" uomo prima di tutte le ideologie di parte, mi creda se si vuole progredire come stato e società , non ci sono altre vie.ciao a tutti.