Cambridge cede al Covid. I corsi saranno solo on line

L'università rivoluziona la didattica

L'università di Cambridge ha annunciato che i corsi del prossimo anno accademico saranno tenuti esclusivamente online, con le uniche eccezioni di seminari e lezioni riservati a gruppi ristretti di studenti. La decisione rappresenta una risposta alle incertezze organizzative e ai vincoli di distanziamento sociale imposti dall'esplosione del coronavirus.

Con la pandemia non ancora sotto controllo, almeno nel Regno Unito, e la possibilità di ulteriori fasi di ritorno del virus, la prestigiosa università ha deciso di rivoluzionare la sua didattica e abolire le classi: per tutto il prossimo anno le lezioni si faranno via internet. Secondo Reuters, Cambridge è una delle prime università al mondo a compiere questa scelta, la cui eccezionalità risiede in due elementi: l'online diviene la modalità didattica esclusiva e interesserà tutti i dipartimenti. L'obiettivo è quello di ripristinare il prima possibile il programma di insegnamento canonico, un mix di attività di classe e multimediali di eccellenza che però non può essere sostituito dai soli corsi online senza detrimento per la didattica. La quale, tuttavia, non è il solo aspetto per cui decine di migliaia di studenti ogni anno decidono di frequentare le aule di Cambridge: di importanza almeno uguale infatti è l'ambiente sociale, il magma relazionale in cui ci si muove durante gli anni accademici. Nuovi amici, nuovi contatti, costruirsi una rete interpersonale che sarà per molti il vero valore aggiunto da usare quando si entrerà nel mondo del lavoro. La retta annuale varia in funzione del corso: si va dalle 21mila sterline di economia, legge, filosofia, alle 32mila di ingegneria, informatica, management, fino alle oltre 55mila per medicina. Somme importanti, cui si devono aggiungere spese per vitto e alloggio e un sistema di borse di studio e agevolazioni per gli studenti più meritevoli. La didattica virtuale rischia di ridurre il peso del fattore networking-relazioni sociali, gli studenti si chiedono se non sia giusto ridurre le rette, il governo ha già fatto sapere che è sufficiente mantenere alti standard nell'insegnamento online. La scelta di Cambridge rappresenta un elemento di certezza nel panorama universitario. Gli studenti e i genitori che pagano hanno ora alcuni punti fermi su come si svolgerà il prossimo anno. Ed è una decisione che fa leva sul prestigio internazionale e sulla storia dell'università: Cambridge, come Oxford e Eton, è un brand, un marchio unico nel panorama universitario, che attira migliaia di studenti dall'estero. Convertirsi al digitale non comporta il rischio di competere con le università online già sulla piazza, alcune non sempre di illustre fama. È questa invece una valutazione strategica importante per le università italiane, molte delle quali sono già passate alla didattica online, ma devono ora decidere come proseguire.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Gio, 21/05/2020 - 10:21

Precisazione per l'articolista Zamberlan: Eton NON e` un'Universita`, ma una scuola superiore privata, la piu` cara del Paese. Alumni famosi, Cameron e Johnson. I due che hanno rovinato il Regno Unito.