Caso Gregoretti, Ghisleri: ''Voto Senato su Salvini influirà su elezioni Emilia-Romagna''

Per la direttrice di Euromedia Research, il voto del Senato su Salvini per la vicenda Gregoretti avrà conseguenze nelle prossime tornate elettorali

Caso Gregoretti, Ghisleri: ''Voto Senato su Salvini influirà su elezioni Emilia-Romagna''

Il voto del Senato sull'autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini sul caso Gregoretti potrebbe avere riflessi di non poco conto anche sulle elezioni regionali dell’Emilia-Romagna in programma il prossimo 26 gennaio.

Di questo ne è certa Alessandra Ghisleri che, in collegamento con Tiziana Panella a Tagadà, su La7, ha spiegato che il centro-destra potrebbe usufruire di un aiuto indiretto ed inaspettato che potrebbe spingerlo alla clamorosa vittoria nella storica roccaforte rossa.

Secondo la direttrice di Euromedia Research, quanto accadrà a Palazzo Madama"potrà essere decisivo nelle prossime tornate elettorali. L'elettorato si mobilita e si muove a seconda di chi gli offre qualcosa". E in questo modo, ha affermato la Ghisleri, "si offre un fianco importantissimo a Matteo Salvini una settimana prima di un altro importantissimo voto. In queste condizioni ci si muove a zona. Seguendo l'attualità. La politica fa poca politica".

Salvini crede fermamente nella vittoria nella Regione da sempre rossa tanto che sta girando il territorio in lungo e in largo. Ieri, insieme alla candidata alla Regione Emilia-Romagna, Lucia Borgonzoni, ha visitato a sorpresa Bologna fermandosi in Piazza Maggiore, un luogo che il senatore adora ''anche perché fui protagonista di una delle più belle manifestazioni della Lega quando eravamo al 4-5%''.

Per l’ex ministro dell’Interno, un’affermazione alle urne del centrodestra è più che possibile: “Andate a rivedervi tutti gli ultimi sondaggi ma anche quelli dell'Umbria che davano un testa a testa che è finito con 20 punti di distacco. Ho chiara la sensazione che ci sia tanta voglia di cambiamento e che si vinca. Poi ripeto, il percorso impegnativo comincia il 27 gennaio perché dopo 50 anni, ovviamente, ci saranno diverse cose da cambiare e altre da tenere".

Quanto agli indecisi che, secondo i sondaggi sfiorano il 25%, il leader del Carroccio si è limitato ad osservare che "spero partecipi tantissima gente: come in Umbria tantissima gente è tornata a votare per il cambiamento. Ricordo che 5 anni fa in Emilia-Romagna sostanzialmente votò un cittadino su tre. Quindi spero che in tanti vengano a votare stavolta perché per la prima volta dopo 50 anni c'è una possibilità vera di cambiamento. Questa volta la partita è assolutamente aperta e sono convinto che Lucia con il centrodestra arriveranno avanti".

L’arrivo improvviso e non pubblicizzato a Bologna non è legato a timori per la possibile presenza delle ''sardine''. ''Stasera ho una cena con 1.200 persone a Parma - dice - si passa per Bologna e quando sotto Natale si è drammaticamente indietro con i regali, un'oretta in città bisogna farla''.

Autore

Commenti

Caricamento...