Caso Palamara, spunta il "salvagente" per le toghe

Non utilizzabili le intercettazioni compiute per altre inchieste. Appiglio pure per Maroni

Una svolta che potrebbe salvare Roberto Maroni, l'ex presidente della Regione Lombardia recentemente condannato anche in appello per induzione indebita. Ma che sullo sfondo ha anche un'altra vicenda, e di rilevanza ancora maggiore: lo scandalo che ha investito il Consiglio superiore della magistratura, le cui manovre sottobanco sono state messe in luce da una serie di intercettazioni che hanno portato a incriminazioni eccellenti e dimissioni. A partire da quelle del giudice Luca Palamara, leader della corrente di Unicost, e del procuratore generale della Cassazione, Riccardo Fuzio.

A unire le due vicende (ma anche molte altre di minor rilievo) è la sentenza, per alcuni aspetti rivoluzionaria, emessa il 2 gennaio dalle Sezioni Unite della Cassazione. Tema cruciale: la utilizzabilità in un'inchiesta e in un processo di intercettazioni compiute in un'altra indagine. È il sistema invalso da anni, con verbali che rimbalzano da una inchiesta all'altra. Finora la Cassazione aveva lasciato le briglie sciolte alle Procure: bastava che il contesto fosse più o meno uguale, che uno o più indagati comparissero in entrambi i filoni, e tutto si poteva utilizzare. Il caso più recente e lampante era stato proprio quello di Maroni: intercettato in una costola dell'indagine sugli appalti in India di Finmeccanica, finita in nulla, ma poi inquisito e condannato per i favori fatti in Lombardia a una collaboratrice del suo staff. La motivazione della condanna in appello, depositata l'altro ieri, dice che le intercettazioni erano utilizzabili essendoci «connessione soggettiva e probatoria tra i due procedimenti», «siccome erano evidenti le necessità di approfondire i rapporti tra Maroni e i suoi più stretti collaboratori».

Macché, dicono ora le Sezioni Unite della Cassazione: le intercettazioni possono transitare da un indagine all'altra solo nei casi previsti dall'articolo 12, cioè se i reati sono commessi «con una sola azione» o con un «unico disegno criminoso», o il secondo reato per coprire il primo.

Maroni, quando il suo caso approderà in Cassazione, potrà giovarsi della svolta. Ma lo stesso potranno fare esponenti di spicco della magistratura coinvolti dall'inchiesta sul Csm, e intercettati insieme a Palamara. Dovrebbero salvarsi l'ex procuratore generale della Cassazione, Fuzio, e l'ex membro del Csm Luigi Spina, accusati di avere rivelato a Palamara l'esistenza dell'inchiesta a suo carico. L'inutilizzabilità delle intercettazioni in sede penale potrebbe essere fatta valere anche in sede disciplinare dai numerosi ex membri del Csm finiti sotto procedimento. Per non parlare di cosa accadrebbe se la Corte Costituzionale desse ragione a Cosimo Ferri, senatore di Italia viva, che accusa la Procura di Perugia di averlo intercettato abusivamente mentre parlava con i membri del Csm.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Duka

Ven, 10/01/2020 - 09:25

E già L'HUMMA HUMMA si mette in moto. Questo lo stile questo lo "stato", si fa per dire, italiano.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Ven, 10/01/2020 - 11:38

"L'ottimo tonno che si chiama Palamara", ebbe a dire un noto esponente DC negli ultimi giorni della Prima Repubblica.

BOSS

Ven, 10/01/2020 - 12:11

No Duka lo stato siamo NOI ! questi sono i dipendenti dello stato...e noi cittadini i loro padroni!

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Ven, 10/01/2020 - 12:25

Magistratura che salva magistrati? Speriamo di no, perché se non si dovesse più avere fiducia nella Magistratura sarebbe la fine della Repubblica.

agosvac

Ven, 10/01/2020 - 12:36

Forse sarebbe ora di dare una legislatura seria sulle intercettazioni. Non esiste che si cambino le carte in tavola solo per "salvare" alcuni magistrati. Ci deve essere un regolamento tassativo per consentire o impedire le intercettazioni.

francoilfranco

Gio, 27/02/2020 - 17:28

Troppo potere alla magistratura. Sono una setta. Al di sopra delle istituzioni. Nessuno li controlla e loro fanno il bello e cattivo tempo. Chiamano fascisti quelli che non si adeguano, ma se veramente ci fosse il fascismo sarebbero tutti in fila a prendersi calci nel c...o!!!