Caso Siri e crisi in vista Quei ricatti incrociati tra Lega e Cinque stelle

Conte: se riterrò che deve lasciare lo farà... Fuoco amico da Maroni: la grana è Giorgetti

Caso Siri e crisi in vista Quei ricatti incrociati tra Lega e Cinque stelle

Il braccio di ferro continua tra gli ultimatum dei Cinquestelle, la resistenza della Lega, le indiscrezioni fatte filtrare dalle procure e il ruolo di arbitro della contesa politica affidato a Giuseppe Conte.

La questione Siri è sempre più intricata, la bufera non cala di intensità e ora, in attesa che si faccia chiarezza su un impianto accusatorio costellato di ipotesi e punti interrogativi e da poche certezze, dal fronte dei Cinquestelle si fa capire di essere pronti a salire di livello e spostare il fuoco sulla prima linea della dirigenza della Lega.

La nuova scintilla questa volta viene accesa da Roberto Maroni che alla Stampa dice che «il vero problema non è Siri ma Giorgetti», con riferimento all'assunzione del figlio di Paolo Arata a Palazzo Chigi. I Cinquestelle decidono subito di cavalcare la vicenda. «Visto che Maroni indica il braccio destro di Salvini, Giorgetti, come il vero problema, allora gli chiediamo di andare in Procura, se sa qualcosa. Depositi tutto dai magistrati, lo faccia per il bene del Paese» dicono i grillini in una nota.

Chi dovrebbe essere chiamato a dirimere la questione è Giuseppe Conte, al netto del fatto che finora le carte giudiziarie non consentono affatto di fare chiarezza e si attendono sviluppi ed (eventuali) prove. «Non mi sento condizionato, francamente, dalla pressione di Lega e M5s» dice il presidente del Consiglio da Pechino. A chi gli domanda come, eventualmente, mettere fuori dalla squadra di governo il sottosegretario, se non fosse lui stesso a fare un passo indietro, Conte risponde con un «lo vedremo a tempo debito», rimarcando intanto che «se mi dovessi convincere in tal senso, non ci saranno alternative, per quanto mi riguarda».

I due vicepremier restano su posizioni opposte. Al Corriere Luigi Di Maio dichiara: «Certo che Conte dovrebbe spingerlo alle dimissioni. E lo farà». Matteo Salvini la pensa all'opposto e sui suoi rapporti con Paolo Arata puntualizza: «L'ho incontrato soltanto una volta, quante volte lo devo dire. Pensiamo a lavorare tutti». Giancarlo Giorgetti, invece, replica a Maroni e invita alla cautela. «Maroni - dice Giorgetti - gufa un po' per la caduta del governo, magari vuole rientrare in gioco. Io penso che come a tutti anche a Siri deve essere dato il diritto di difendersi. Per adesso abbiamo fatto un processo sui giornali e in tv. Penso che Conte quando tornerà dalla Cina guarderà le carte e siccome è un avvocato saprà valutare».

Chi non ci sta a essere messo sulla graticola dagli alleati di governo è Gianmarco Centinaio, pronto anche a ricorrere alle carte bollate. «Su Siri stiamo facendo un ragionamento che è di alleanza di governo. I contraenti, visto che stiamo parlando di un contratto di governo, sono due: Lega e M5s. Se i Cinquestelle vanno per la loro strada vuol dire che mancano i presupposti per andare avanti» dice il ministro delle Politiche agricole. «Di conseguenza ritengo che qualsiasi operazione su Siri, ma su qualsiasi altro membro di governo a cui dovesse succedere una cosa del genere, dovrebbe essere almeno concordata fra i due leader: Salvini e Di Maio. Se così non fosse ci sarebbe un problema». Centinaio si dice anche pronto a fare «una denuncia contro ignoti Cinquestelle sulla vicenda Siri-biogas, a meno che non venga Gesù bambino a dirmi che non la devo fare. Stiamo preparando una querela nei confronti di chi va dai vostri colleghi senza metterci la faccia, dicendo che Centinaio durante la redazione del contratto di governo aveva deciso insieme a Siri di inserire la parte relativa al biogas perché c'era qualcuno che mi tirava la giacchetta. Se hanno le prove ci mettano la faccia».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti