Chef Rubio al veleno: adesso attacca Giletti. ​"Me trovavi su'r cesso"

Scontro a distanza sulla sparatoria di Trieste. Il cuoco attacca a testa bassa il giornalista: "Non sparare cazzate in diretta"

Chef Rubio al veleno: adesso attacca Giletti. ​"Me trovavi su'r cesso"

"Fate ride li mortacci vostra e de chi ve paga". Chef Rubio torna a riversare insulti e odio in rete. Questa volta lo fa contro Massimo Giletti che, ieri sera a Non è l'Arena, lo ha duramente criticato per le parole violente contro i due agenti ammazzati a Trieste dal domenicano. Le parole della star di Uniti e bisunti sono state postate su Instagram questa mattina e hanno immediatamente scatenato una violenta rissa tra follower che si sono divisi per i toni usati dal cuoco.

A scatenare tutto è stato, come al solito, Chef Rubio. A poche ore dal brutale omicidio dei due poliziotti, Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, per mano di Alejandrio Augusto Stephan Meran se ne è uscito con un tweet violentissimo che ha scatenato l'ira di tutti. "Inammissibile che un ladro riesca a disarmare un agente - ha scritto - le colpe di questa ennesima tragedia evitabile risiedono nei vertici di un sistema stantio che manda a morire giovani impreparati fisicamente e psicologicamente. Io - ha, poi, concluso - non mi sento sicuro in mano vostra". Tra i tanti che si sono indignati per questo post c'è anche Giletti che ieri, in trasmissione, ha duramente criticato il cuoco. "Viviamo in una società dove appena succede qualcosa - ha detto a Non è l'Arena - uno non sente altro che la necessità impellente di scrivere la prima stronzata che vuole dire. In certi casi sarebbe meglio evitare".

Durante la puntata di ieri Giletti si è rivolto direttamente a Chef Rubio. "Questi ragazzi non li hai mai visti, non li hai mai conosciuti - gli ha fatto notare - allora prima di scrivere, prima di parlare, bisognerebbe conoscere la realtà dei fatti". Pur premettendo che "certamente qualcosa non è andato come sarebbe dovuto andare", il conduttore di Non è l'Arena ha invitato il cuoco a "pensarci non una, ma cento volte" prima di scrivere determinate cose. Quindi ha dedicato un applauso "a chi ogni giorno fa il proprio lavoro, a cui tutti noi dobbiamo dire grazie, al di là della retorica. Ricordiamoci chi sono e cosa fanno. Ogni anno ci sono circa 4 milioni di controlli".

L'indomani Chef Rubio è passato al contrattacco. Con un altro post di fuoco: "Amore mio, il numero non ce l’hai quindi non sparare cazzate in diretta dicendo che mi stai chiamando, che poi gli analfabeti funzionali ce credono e me riempiono la posta de stronzate". E ancora: "La prossima volta evita ( o chiedi alla redazione il numero vero ). Che poi te poteva pure dì male ( o bene, dipende dai punti de vista) e me trovavi su’r cesso e allora sai quanto me tajavo".

Commenti