Il Colle striglia Conte: non mettetemi in mezzo E boccia i porti chiusi

Mattarella riceve il premier e si lamenta per essere usato da parafulmine da Lega e M5s

Roma All'una e mezzo, a tavola con il capo dello Stato, Giuseppe Conte fa il disinvolto: «Io sono sereno, presidente, il governo non cadrà, riusciremo a sistemare anche questo problema». Sergio Mattarella invece è un po' meno tranquillo. Già l'hanno usato, sia Lega che Cinque stelle, come parafulmine, ora da lui vorrebbero pure la ricetta magica per sanare l'ultimo braccio di ferro, dando il via libera ai due decreti elettorali. Impossibile. Il dl Famiglia non ha proprio la copertura finanziaria, servirebbe un miliardo, Di Maio se ne farà una ragione. Quello sulla sicurezza tanto caro a Salvini invece ha ancora troppi profili di incostituzionalità: gli aggiustamenti «sono insufficienti», così com'è il Colle non lo firmerà mai. Risultato, niente correzioni, niente Consiglio dei ministri, tutto rimandato.

«Non potete continuare a scaricare sul Quirinale i vostri conflitti - è il senso del discorso del capo dello Stato -, dovete imparare ad assumervi qualche responsabilità». Il premier prende atto e promette che si darà da fare. Il colloquio è «sereno», il clima «disteso». Mattarella apprezza «lo spirito costruttivo» di Conte e gli elenca nel dettaglio che cosa dovrebbe cambiare nel testo sulla sicurezza. Il primo punto critico sta nel tentativo di Salvini di costruire un sistema di porti chiusi. E questo, spiega, non si può far perché urta contro diversi accordi e convenzioni: dallo statuto per l'assistenza ai rifugiati ai patti internazionali, fino alla legge del mare. Per non parlare del conflitto di competenza tra il Viminale e gli altri ministeri interessati, a partire dai Trasporti.

Il secondo aspetto rilevato dagli uffici giuridici del Colle riguarda il meccanismo di pene che accompagna il decreto. Che sono state ridotte ma non rimosse. Ad esempio, il testo originario prevedeva multe da 10 a 50mila euro per le navi che soccorrono i migranti. Nella nuova versione si parla solo di sanzioni per le imbarcazioni che violano un divieto di ingresso nelle acque territoriali italiane. O ancora, sono sparite le contravvenzioni per «sbarco di immigranti».

Insomma, è stato fatto un passo avanti, ma non basta. «Sono pronto, ho fatto i compiti a casa», aveva detto Salvini l'altra sera a proposito dei rilievi del Quirinale. Evidentemente non abbastanza per strappare la sufficienza.

Il punto dolente sta nell'articolo 6, che prevede da uno a tre anni di galera «per chi ostacola un pubblico ufficiale nel corso di una manifestazione». Finirebbe dentro pure chi pratica la resistenza passiva, alla Gandhi, e questo alle orecchie del presidente suona troppo da Stato di polizia.

Se il governo non cambierà le due criticità», non otterrà quindi la firma di Mattarella sotto il decreto. E a questo punto il problema è: Salvini si accontenterà di una scatola semivuota o alzerà il livello dello scontro? Basterà un «Sicurezza bis» depotenziato per usarlo come arma propagandistica? Infine, i tempi. Oggi e domani sono le ultime due date utili per convocare un Consiglio dei ministri e approvare il decreto corretto. Ma in serata Conte chiude i giochi: se ne riparla dopo il voto.

Commenti

ziobeppe1951

Gio, 23/05/2019 - 09:40

Quando scade il mandato di questa risorsa?

GioZ

Gio, 23/05/2019 - 10:01

Come al solito, Matttarella ed altri sono sempre pronti a citare il "Diritto Internazionale" come fosse una legge realmente scritta ed adottata da tutti gli stati in comune accordo. Non è così. Fatto salvo ciò che è Diritto Marittimo, che prevede il soccorso dei naufragi - (naufrago: barca affondata o in affondamento, pericolo di vita immediato), ma certo non l'automatico trasporto ed ospitalità in Italia - il diritto degli immigrati, rifugiati, e richiedenti asilo politico (tre cose ben distinte e separate) è codificato in leggi per lo più nazionali e in alcune direttive dell'ONU, tra l'altro non vincolanti per le singole nazioni. Per cui sarebbe meglio evitare di sparare le paroline magiche "diritto universale" o "diritti umani", se si parla di clandestini, e questo vale per il Presidente della Repubblica e per gli altri politici che confondono Bruxelles con il mondo.

Mborsa

Gio, 23/05/2019 - 10:03

Il punto sulla immigrazione è politico: se le navi che raccolgono "naufraghi" sono in transito nelle acque SAR libiche, vale il diritto del mare; se le navi stazionano nelle acque SAR libiche in attesa di "naufraghi" e vengono solo in Italia, allora deve prevalere il diritto di tutelare i confini nazionali. Fintanto non si norma questa distinzione, avremo sempre un uso strumentale della legge del mare, dei diritti umanitari da coloro che vogliono favorire gli ingressi in Italia.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Gio, 23/05/2019 - 10:03

I porti rimangono chiusi caro comunista.

schiacciarayban

Gio, 23/05/2019 - 10:12

Per fortunas che c'è Mattarella, forse l'unico che ha il potere per far ragionare questa massa di inconcludenti.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 23/05/2019 - 10:19

A parte la sotterranea e sospetta incapacità politica di mattarella di risolvere i guai politici di questo malnato governo e della sua appartenenza ideologica alla sinistra, si notano due fondamentali somiglianze: berlusconi e mattarella parlano di responsabilità che questo governo gialloverde si devono assumere! E altra cosa: che mattarella forse è anche pentito di aver consegnato l’italia ai gialloverdi (per questo parlo anche di questa sospetta incapacità)!

acam

Gio, 23/05/2019 - 10:20

vedete lui deve andare sulla linea gia suggerita rendere tuttel le bache di salvataggio inidonee al trasporto di dei migranti con norme stringenti come dicevo alcuni mesi fa a quel entrano e no escono piu... allora la cosa si spegne quando si saranno stufati di comprare nuove barche/navi/natanti che siano. NB.: le leggi del mare erano adatte quando naufragava un titanich una volta ogni morte di papa ma gente che prende il mare su noci di cocco tanto per farsi mantenere è un'altra cosa essendoci idioti. che non lo capiscono per esempio all'onu dove la gra parte sono mussulmani che hanno petrolio a non finire.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Gio, 23/05/2019 - 10:20

Niente va bene in questo paese. Tutte le istituzioni sono allo sbando ed ognuno fa ciò che le pare annullando quello che dice l'altro come fosse un gioco da ragazzini. Abbiamo un governo anomalo e pure farlocco, una magistratura giustizialista e politicizzata che si è sostituita al potere esecutivo, un PDR che ha poco coraggio mentre dovrebbe intervenire pesantemente sulla stessa magistratura e non lo fa. Il dl Famiglia risulta senza copertura e allora si rischia l'aumento dell'IVA dopo aver attinto dai pensionati per il rdc. Siamo allo sbando...

leopard73

Gio, 23/05/2019 - 10:26

Corvo bianco vuole i porti aperti per fortuna che non spetta lui decidere!!!!

FedericoMarini

Gio, 23/05/2019 - 10:39

Io direi che lo strigliato. e’ Salvini, che non vedra’ mai firmato un decreto sicurezza, al quale tiene molto perche’ e’ il suo unico acchiappa voti.. Bene o male Di Maio comincia a capire ed ad imparare, anche se la strada e’ lunga e deve imparare molto,ma Salvini insiste nel suo becero razzismo . In definitiva anche se ambedue hanno contribuito al nostro effettivo bando dall’Europa, il peso di Salvini e’ stato maggiore.

SAMING

Gio, 23/05/2019 - 10:45

@SCHIACCIARAYBAN: Per fortuna ? Matterella, se ha un certo potere non lo ha mai usato bene. E' una persona insicura, brava solo a fare discorsi che non sevono a niente. Oltre a tutto è anche uno spendaccione. Osserva di più caro lettore !

Tip74Tap

Gio, 23/05/2019 - 10:46

Qualcuno mi sa spiegare in quale articolo del "diritto internazionale e marittimo" si obbliga chi salva dei profughi a mantenerli con vitto, alloggio e istruzione? no perché a me questa sembra sempre più una pagliacciata veramente troppo costosa per far ridere. Mi sapete anche spiegare in quale articolo nel mondo delle leggi terrestri permette a un individuo di potersi inventare a piacimento le proprie generalità e di potersi rifiutare di dare impronte digitali o foto? ... mi sapete dire in quale paese del mondo un individuo puo' girare senza documenti senza essere fermato e trattenuto fino a esibizione degli stessi? ... la sinistra in Italia dovrebbe essere bandita al pari del Fascismo..

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 23/05/2019 - 10:47

La famigghia. A che serve, visto che girano tutti con gli smartphon! I più poveri hanno anche i tatuaggi, allora, i soldi li hanno da spendere in cavolate più che per dar da mangiare ai propri figli.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 23/05/2019 - 10:49

La famigghia si aggiusti come si sono aggiustati tante famigghie che sono usciti da una guerra e non li ha aiutati nessuno, nemmeno con molti figli a testa.

Gilgamesh1000

Gio, 23/05/2019 - 11:01

Anche il colle boccia i porti chiusi. Io mi domando chi gliela fa fare a Salvini di mettersi li a combattere contro i titani. Ma fate entrare chiunque, anche quelli dell'isis, Aprite i porti e chi se ne frega. Il Colle, i Patronaggio, i centri sociali: questa è l'Italia e nulla potrà cambiarla. Nemmeno i soldati morti per difendere il ns. territorio ormai in mano ai comunisti.

Ritratto di Walhall

Walhall

Gio, 23/05/2019 - 11:16

Quando leggo alcuni utenti in questo forum, senza amor di Patria, accusare Salvini di razzismo e fascismo, mi viene la nausea. Salvini è da circa 1 anno in Parlamento e ha tutti contro, affannati ad ostacolare le sue promesse elettorali, con un clima spregevole di violenza e antidemocazia. Napolitano, Monti, Letta, Renzi hanno avuto anni per sistemare l'Italia dal loro nemico Berlusconi e invece l'hanno rovinosamente degradata e fatto del disordine il loro unico programma politico. I porti chiusi inoltre sono sinonimo di buon senso per la nostra Nazione e amore verso il prossimo, per quelle vite non più sepolte dal Mediterraneo.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Gio, 23/05/2019 - 11:17

schiacciarayban è proprio convinto di quel che dice?

Galeno2016

Gio, 23/05/2019 - 11:33

Chiusi o aperti. In Italia sono importanti solo gli aggettivi. Che diventano anche titoli infantili di manifestazioni. Siamo un Paese di una incoerenza surreale. Perché tutti gli altri no e l'Italia sì? Strigliare, criticare, tacciare di incompetenze, snobbare è da ipocriti. Nessuno finora qui ha saputo metter mano ad un fenomeno epocale e multifattoriale come l'immigrazione. Ma un problema complesso non equivale tout court ad abbassare la guardia, a rifiutarsi di risolverlo. Come si è fatto nell'ultimo decennio. Chi fa, sbaglia sempre. Si è bravi solo quando non lo si fa. E non ha importanza il non saperlo fare.

Gianni11

Gio, 23/05/2019 - 11:51

Chi non pensa a salvare l'Italia e proteggere il popolo italiano ma invece si mette di traverso e parla solo di "diritti internazionali" a nostre spese e svantaggio e' solo un traditore.

acam

Gio, 23/05/2019 - 12:11

tanto pe parlà che palanno me se apre er core... ho parlato tanto ma nun se vede er sole, passato er ventisei ce risentimo amore... la gioia de ntignà ce fa passà llore... tanto pe parlà e pensà ar primo amore... ciaooooo...

rawlivic

Gio, 23/05/2019 - 12:46

ovvio che la mummia e gli altri globalist-collusi cercano di inertizzare il decreto sicurezza-bis perche' intralcerebbe l'invasione programmata. Non esiste una logica valida per cui qualcuno si possa opporre a pene severe contro gli ingress clandestini ... a meno di esserne collusi e volerli rendere ancora possibili.

rudyger

Gio, 23/05/2019 - 12:48

questa è una Repubblica Presidenziale. Anzi, direi una dittatura. E parlano ancora di fascismo ! questo è comunismo puro.

rawlivic

Gio, 23/05/2019 - 12:48

ma il diritto internazionale vale sul diritto di in popolo sovrano a non essere invaso, depredato e minacciato da lobby internazionali ed eccedenze demografiche sottosviluppate? Domanda molto semplice...

agosvac

Gio, 23/05/2019 - 12:57

Mi sembra più che giusto rimandare tutto a dopo le elezioni europee. L'importante è che, dopo le elezioni, si prenda atto degli eventuali risultati. E' vero che le prossime elezioni non sono politiche nel senso che non riguardano l'Italia, però sono politiche perché danno indicazioni politiche sulle nuove forze in atto in Italia. Indicazioni, peraltro, già date da diverse elezioni amministrative.

Ritratto di C.L.N.

C.L.N.

Gio, 23/05/2019 - 12:58

Beh, per questa volta tifo per il Capo dello Stato (e lo scrivo correttamente maiuscolo)! I 5 stelle, da collaudati impostori e vigliacchi quali sono, cercano sempre una nicchia in cui nascondersi ma il CdS non si può prendere in giro o tirare per la giacca.

Ritratto di ichhatteinenKam.

ichhatteinenKam.

Gio, 23/05/2019 - 13:01

ma chi lo ha eletto?

rudyger

Gio, 23/05/2019 - 13:05

Salvini, vuoi un consiglio di un amici ? dai le dimissioni. Vinci le elezioni europee e fregate di noi italiani. Entreranno a frotte, ci invaderanno, le nostre compagne komuniste avranno di che sollazzarsi, l'Italia andrà in rovina e chissenefrega. Muoia Sansone con tutti li gli italioti.

Nonmimandanessuno

Gio, 23/05/2019 - 13:14

Pensavo che dopo Scalfaro si potesse solo risalire...

carlottacharlie

Gio, 23/05/2019 - 13:50

Il Mattarella ha espresso il suo pensiero, parla di rifugiati. Presidente, li vede solo lei i rifugiati tra questi africani a migliaia che sono arrivati e arriveranno se non si mette un freno. Lei non si accorge ed è normale per uno che non deve sopportare il degrado, meno normale è il non capire, essere lungimirante, riflettere da persona almeno poco poco intelligente non ha mai fatto male alla collettività ed a chi usa il cervello. Dove ti giri trovi bolsi, menefreghisti a cui gli italiani fanno schifo: preferiscono i neri, guarda te che balordi.

Giorgio Colomba

Gio, 23/05/2019 - 13:58

Però quando si è trattato di bocciare un governo Lega-Fi-Fdi, in mezzo ci si è trovato benissimo.

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Gio, 23/05/2019 - 14:11

la vera opposizione a questo governo e Mattarella

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Gio, 23/05/2019 - 14:33

Il parruccone fa il tifo per gli africani, come se non si fosse capito fin dall'inizio che è soltanto un servo del piddì e della massoneria che lo controlla.