Il comandante De Falco contro Salvini: "Non si possono chiudere i porti"

Il senatore del MoVimento Cinque Stelle si allinea alle posizioni di Roberto Fico ed entra a gamba tesa sulle politiche di tolleranza zero di Matteo Salvini

Il comandante De Falco contro Salvini: "Non si possono chiudere i porti"

Nella sua lotta per lasciare i porti aperti alle navi delle ong che salvano i migranti, il presidente della Camera Roberto Fico trova un alleato inatteso: il comandante Gregorio De Falco, senatore a Cinque Stelle e già noto alle cronache per essere stato l'uomo che durante le ore drammatiche del naufragio della Costa Concordia ordinò perentoriamente al capitano Francesco Schettino di tornare a bordo della nave e coordinare le operazioni di soccorso.

Il comandante eletto a Palazzo Madama tra le fila dei grillini non rinuncia a dire la propria su un argomento che, per evidenti ragioni, non può non stargli a cuore: il salvataggio dei naufraghi in mare.

"C'è una differenza fra migrazione e naufragio - spiega De Falco - La prima è burocrazia, il secondo implica un soccorso umanitario. Non si possono chiudere i porti. Il problema è la vita di queste persone."

"Ora dobbiamo capire se in Libia sono in grado di gestire e coordinare autonomamente le operazioni in mare meglio delle Ong e della Guardia costiera. Il Movimento non deve lasciare campo libero", prosegue.

La responsabilità della decisione di un'eventuale chiusura dei porti è contesa fra il ministro dell'Interno Matteo Salvini e quello delle Infrastrutture Danilo Toninelli, del M5s. E nonostante per ora i due si siano attestati sulla medesima linea, nelle scorse ore fra i due ministeri si è registrato qualche attrito: dal palco della festa di Pontida il leader leghista ha rivendicato a sè questa prerogativa ma dal collega pentastellato è arrivata a stretto giro una smentita. Ed ora le dichiarazioni di De Falco rischiano di scavare ulteriormente il solco che già esiste fra leghisti e stellati.