Conte bersaglio della rabbia dei terremotati abbandonati

Contestato ad Amatrice in modo composto ma deciso. L'ex sindaco: segnali chiari. "Mea culpa" di Mattarella

Conte bersaglio della rabbia dei terremotati abbandonati

Contestato. Il quarto anniversario del sisma che sconvolse il centro Italia nell'estate 2016 non è una passerella per il premier Giuseppe Conte. Che, ad Amatrice, si presenta col fardello dei ritardi nella ricostruzione e tocca con mano dolore, rabbia (composta) e delusione di quanti aspettano ancora, da 1.461 giorni, che qualcosa cambi da quella notte terribile.

Le premesse alla triste celebrazione non erano incoraggianti. Il commissario straordinario per la ricostruzione, Giovanni Legnini, nel rapporto sui lavori già compiuti aveva ammesso i ritardi, imputandoli in buona parte alle lungaggini imposte dall'iter burocratico. L'ex sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, aveva chiesto alle istituzioni di limitarsi a chiedere scusa, per l'anniversario del terremoto. E ieri anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, scrivendo ai cittadini delle aree terremotate, ha fatto un mea culpa istituzionale: «Nonostante tanti sforzi impegnativi, l'opera di ricostruzione dei paesi distrutti è incompiuta e procede con fatica, tra molte difficoltà anche di natura burocratica». Così, quando Conte arriva per partecipare alla messa di commemorazione celebrata al campo sportivo dal vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili, si confronta con quel clima, con quella disillusione. Un gruppo di amatriciani lo accoglie all'ingresso nel campo di calcio indossando magliette con la scritta «Presidente Conte vogliamo parlare con te». Lui li accontenta. «Oggi è la nostra giornata vogliamo concretezza, siamo stanchi delle promesse», attacca Luciana, una donna, rivolta a Conte. «Dobbiamo anche ringraziare il premier che ha ascoltato le proposte di noi sindaci del cratere», la interrompe il sindaco di Amatrice, Antonio Fontanella, provando a mediare. Lei insiste: «Ho dovuto lasciare la mia terra, ho perso mio marito qua, siamo stanchi, voglio risposte dal presidente, a tu per tu, seduti a un tavolo a casa mia, una piccola casa, su ruote». «Dopo vengo a casa sua e parliamo. Comprendo la sua insoddisfazione», abbozza Conte, e la donna ribatte: «Certo che comprende, ho perso mio marito per lo shock post-traumatico, si è ucciso, si è impiccato dentro casa, e sono stata io a trovarlo quella notte». Mentre il sindaco insiste sul tasto delle accelerazioni previste per decreto nelle procedure per la ricostruzione, la musica sacra chiama alla messa, Conte «non vuole interrompere la cerimonia», chiude il confronto e raggiunge il segretario Pd Zingaretti nel settore riservato alle autorità, mentre tante sedie dei familiari delle vittime restano vuote. «Testimoniano compostezza ma anche un segnale chiaro», spiega Pirozzi, anche lui tra gli assenti. «Una protesta educata contro un premier che era già venuto qui a giugno 2018 e oggi, due anni dopo, ci dice che la colpa dei ritardi è della burocrazia. Io ho sempre rispettato le istituzioni, ma oggi non ce l'ho fatta», spiega al Giornale l'ex sindaco, ora consigliere regionale Fdi. Conte, prima di andarsene, sparge ottimismo, comprensione. E tanta, tanta prudenza. «Quando si perde una figlia e una nipote, si ha sempre ragione», spiega dopo aver parlato con un'altra donna, poi aggiunge che «i cittadini di Amatrice hanno perfettamente ragione» a lamentarsi dei ritardi, di quella promessa mancata di far risorgere il paese. La colpa, spiega però il premier, è della «normativa vigente», mentre le nuove norme permetteranno di accelerare. Ma non troppo. Perché, conclude il premier, «tra 6 mesi non cambierà molto, tra un anno neppure. Il processo di ricostruzione è molto lungo e complesso». Conte torna a casa, a quanto pare senza pausa caffè nella roulotte della vedova, e agli amatriciani restano promesse. O, come dice Paolo Trancassini, deputato Fdi, proclami che «comunque dicono che anche oggi cominceremo la ricostruzione domani».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti