Conte nel mirino dei genitori di disabili: "Ci prende in giro, riceviamo solo briciole"

Il premier sotto accusa nella giornata internazionale delle persone con disabilità: "In televisione spara grandi cifre, ma poi la realtà è un'altra. Si diverte a giocare con le nostre emozioni"

Conte nel mirino dei genitori di disabili: "Ci prende in giro, riceviamo solo briciole"

Oggi si celebra la giornata internazionale delle persone con disabilità, istituita nel 1992 per sostenere la totale inclusione di coloro che presentano handicap e dunque per cercare di allontanare tutte le forme di discriminazione. Un'occasione che dovrebbe servire per ricordare quanto sia importante tutelare e garantire i diritti e il benessere dei disabili, che più di tutti sono stati penalizzati dalle limitazioni imposte dall'emergenza Coronavirus. Lo dovrebbe sapere benissimo il premier Giuseppe Conte, a cui è stata indirizzata una lettera per sottolineare come questo mondo sia stato abbandonato in una ingiustificata indifferenza.

Si tratta di una giornata normalmente caratterizzata dalle attenzioni di circostanza, destinate a esaurirsi allo scoccare della mezzanotte. Sarebbe invece auspicabile che venisse ricordata per qualcosa di più concreto: "Le attenzioni passeggere vanno benissimo ma, se per una volta, ci si spostasse anche sui fatti, sarebbe un bel segnale di discontinuità". A scrivere al presidente del Consiglio (che ha le deleghe sulla disabilità) è stato Andrea Buragina, padre di un ragazzo autistico, che non ha usato giri di parole per denunciare ciò che sta subendo da diversi mesi: "In qualità di primo ministro, referente per la disabilità, vorrei che diventasse, oltre che più in generale l'avvocato degli italiani, anche quello della popolazione disabile diretta ed indiretta". Magari adeguando la dotazione del Fondo nazionale per la non autosufficienza - attualmente pari a circa 573,2 milioni di euro - a una situazione più reale in cui disabilità come l'autismo o la demenza senile mostrano dei trend di crescita disarmanti. E questo dovrebbe essere un naturale atto di civiltà, non qualcosa di sollecitato ed elemosinato.

Conte finisce sotto accusa

"Si preferisce, invece, annunciare numeri che, in termini assoluti, sembrano importanti ma che guardando alla popolazione dei destinatari si traducono in briciole", ha dichiarato Buragina in esclusiva a ilGiornale.it. Il riferimento è ai 75 milioni di euro che la deputata del Movimento 5 Stelle Simona Nocerino a maggio ha annunciato con la relativa possibilità di essere conferiti al fondo careviger, una popolazione "che, depurata dalla categoria delle badanti, arriva a circa 7,60 milioni di persone e che avrebbe da questa misura benefici pro-capite di qualche manciata di euro".

Il socio dell'Angsa Lombardia (Associazione nazionale genitori soggetti autistici) ci ha inoltre raccontato di essere molto deluso dall'operato del governo giallorosso, che evidentemente preferisce fare spot televisivi piuttosto che fornire sostegni economici concreti: "Così giocano sulle emozioni, organizzando delle giornate dove magari ci si limita a dare un morso a una pizza o ad assaggiare i tortellini prodotti da ragazzi disabili e dare poi una bella rullata di tamburi". Buragina allude ovviamente alla giornata trascorsa a Montecitorio il 30 luglio scorso da Conte e alcuni ministri in compagnia del Tortellante, la banda Rulli Frulli e Pizza Aut.

L'invito al premier è quindi quello di "evitare di sparare grosse cifre in televisione" se poi invece "la realtà è un'altra". "Tutto molto bello, tutto molto emozionante, come anche i proposti, ma il tutto sarebbe ancora più bello se a queste cose seguissero poi dei fatti concreti. Il mondo della disabilità non si può e non si deve accontentare di attenzioni ed emozioni", ha aggiunto il socio dell'Angsa Lombardia. Già nei mesi scorsi era stata lanciata una petizione indirizzata al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e intitolata "Ridateci il ministro della Disabilità!" che mira proprio a reintrodurre questa figura, scomparsa nell'autunno del 2019 quando si è passati dal governo M5S-Lega a quello M5S-Pd.

Commenti