Coronavirus, Berlusconi: "Bene Von Der Leyen. Ora azioni da Bce"

Silvio Berlusconi ha garantito che Fi sta lavorando senza sosta a Bruxelles per ottenere dall'Ue tutti gli interventi possibili per superare l’emergenza coronavirus

Le promesse di ingenti aiuti economici garantiti all’Italia, colpita duramente dall’epidemia di coronavirus, fatte dal presidente della Commissione Ue Ursula Von Der Leyen sono piaciute al leader di Forza Italia Silvio Berlusconi che considera l’impegno verbale una svolta delle politiche europee.

"Finalmente le nostre insistenze" sull'emergenza coronavirus "hanno avuto un esito positivo con la consultazione tra i ventisette capi di Stato e di governo che hanno dato il via a un coordinamento sugli aspetti sanitari, sulla fornitura di attrezzature mediche e sugli investimenti nella ricerca", ha dichiarato Berlusconi.

Il leader di Fi sottolinea come noi "abbiamo apprezzato le parole di amicizia della presidente Ursula von der Leyen". "Sin dall'inizio della diffusione del coronavirus – ha continuato - abbiamo chiesto all'Unione Europea una strategia continentale per mettere in campo misure eccezionali al fine di garantire il diritto più importante dei cittadini italiani ed europei, quello alla salute, attraverso azioni coordinate tra i 27 Paesi membri".

Berlusconi si dice certo che presto anche la Bce, "come sosteniamo da tempo si muoverà nella direzione di un supporto al nostro Paese e alle nostre imprese". Il leader azzurro ha garantito che Forza Italia sta lavorando senza sosta a Bruxelles per ottenere dall'Unione Europea tutti gli interventi possibili per superare l'attuale emergenza.

Le parole della Von der Leyen sembrano andare in questa direzione. Il presidente della Commissione Ue, in un videomessaggio pubblicato su internet, ha lanciato un pensiero di incoraggiamento per il nostro Paese."Cara Italia, cari italiani, in questo momento così difficile vorrei dire a tutti voi che lottate contro il virus che non siete soli", ha detto la Von Der Leyen

Il filmato, in cui Von der Leyen parla sia in italiano sia in inglese, è accompagnato su Twitter da un messaggio in cui si legge: "La Commissione europea canalizzerà diversi miliardi di euro verso l’Italia per aiutare Pmi, settore sanitario e persone".

Nel messaggio, il presidente della Commissione Ue non si è limitata al sostegno morale ma ha promesso all’Italia aiuti economici. Quelli che il nostro Paese necessita visti i danni che sta subendo la nostra economia per l’emergenza coronavirus. "La Commissione europea farà tutto il possibile per sostenervi. La crisi colpisce duramente il sistema sanitario, che è sotto pressione con un numero crescente di persone da curare. E ha un impatto su molti settori economici. Dobbiamo agire rapidamente, agire insieme e portare aiuto". Secondo la Von der Leyen, "in Europa è necessaria una maggiore solidarietà per garantire che medici e infermieri dispongano delle attrezzature di protezione di cui hanno bisogno e che i pazienti abbiano le cure necessarie".

Il presidente della Commissione Ue ha aggiunto che si adotteranno tutte le misure possibili per aiutare le persone, le imprese e i settori economici colpiti dalla crisi. “Le nostre economie europee hanno bisogno di maggiore flessibilità e maggiore liquidità. Pertanto la Commissione europea si avvarrà della piena flessibilità del Patto di stabilità e crescita. Allo stesso tempo, ci assicureremo che gli aiuti di Stato possano essere concessi più facilmente alle imprese in difficoltà”.

Von der Leyen, inoltre, assicura che la Commissione fornirà supporto anche tramite fondi. Il piano potrebbe prevedere investimenti per 25 miliardi di euro per l’intera Ue in tempi molto rapidi. “L’iniziativa convoglierà verso l’Italia diversi miliardi di euro a vantaggio del settore dell’assistenza sanitaria, delle Pmi colpite e, aspetto importante, aiuterà le persone a mantenere i loro posti di lavoro”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.