La Corte Ue bacchetta l'Italia: "Faccia pagare l'Ici alla Chiesa"

La sentenza della Corte di giustizia Ue annulla la decisione della Commissione nel 2012 e la sentenza del tribunale del 2016. Per l'Ici l'Italia dovrebbe recuperare dalla Chiesa 5 miliardi di euro

La Corte Ue bacchetta l'Italia: "Faccia pagare l'Ici alla Chiesa"

"Anche la Chiesa deve pagare l'Ici". Lo ha stabilito la Corte di Giustizia dell'Unione europea che ha annullato le sentenze precedenti che esentavano gli immobili del Vaticano a versare l'imposta.

È stato accolto, infatti, il ricorso della scuola elementare Montessori di Roma, mentre è stato respiti quello che chiedeva di far pagare anche l'Imu. In passato prima la Commissione europea (2012) e poi il tribunale dell'Ue (2016) avevano sancito "l'assuluta impossibilità" di recuperare per "oggettive difficoltà" le tasse non versate nel periodo 2006-2011 da parte enti non commerciali (sia religiosi che no profit), come scuole, cliniche e alberghi. Ma per i giudici della Corte di Giustiza queste circostanze sono mere "difficoltà interne all'Italia".

Secondo le stime dell'Anci, con il recupero dell'Ici non versata nelle casse dello Stato entrerebbero tra i 4 e i 5 miliardi di euro.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti