"Così faremo nascere un'Europa più forte"

Cari delegati e candidati,il vostro 33esimo Congresso è un appuntamento fondamentale nello scenario politico europeo e darà un contributo molto importante al futuro dell'Europa.

"Così faremo nascere un'Europa più forte"

Cari delegati e candidati,

il vostro 33esimo Congresso è un appuntamento fondamentale nello scenario politico europeo e darà un contributo molto importante al futuro dell'Europa. La pandemia e la crisi che dalla pandemia è derivata ci hanno dimostrato quanto le nostre economie e le nostre società siano legate fra loro. In questo contesto, gli egoismi nazionali certamente non sono la strada verso soluzioni. Serve una risposta comune: l'Europa funziona quando prevalgono solidarietà e responsabilità. Le decisioni che abbiamo preso a Bruxelles sono la base da cui ripartire per disegnare il nostro futuro.

Oggi, gli europei sono spaventati: la crisi sanitaria e la catastrofe economica creano un senso di incertezza e di timore nelle famiglie e nelle imprese. Dobbiamo saper offrire delle soluzioni, delle risposte concrete a tutti coloro che temono per il proprio futuro e per quello dei propri figli. Mai come in questa fase, i cittadini chiedono risposte rapide ed efficaci: serve un'Europa unita e forte. Un'Europa, quella alla quale io penso, capace di esercitare il suo ruolo nel mondo, con una efficace politica estera e di difesa comune, rafforzando le relazioni economiche e diplomatiche con gli Stati Uniti nel nome dei principi condivisi di libertà e democrazia. Dobbiamo anche tutelare i rapporti commerciali con il Regno Unito, difendere le nostre imprese dalla concorrenza sleale, garantire e valorizzare la libertà di impresa, evitare le distorsioni del mercato. Dobbiamo dare ai cittadini un'Europa di cui essere fieri. Questo è ciò che conta di più. Solo difendendo le nostre radici e i nostri valori cristiani sui quali si fondano le nostre società libere e aperte l'Europa potrà tornare ad essere protagonista nello scenario globale. Come europei condividiamo una cultura, una storia, uno stile di vita, dei principi di libertà che vengono molto prima delle differenze nazionali. In questo contesto, il legame storico fra Germania e Italia è molto forte in tutta la storia europea e la collaborazione fra i nostri partiti è esemplare per lealtà, sintonia ed efficacia. È davvero un piacere per me personalmente collaborare al Parlamento Europeo con i colleghi della CDU nell'ambito del gruppo del Partito Popolare Europeo. Del resto le nostre radici e i nostri modelli di riferimento sono comuni: i nomi di Konrad Adenauer e di Alcide De Gasperi sono all'origine della nostra stessa idea di Europa. Oggi, di fronte alle tante sfide che ci attendono, dobbiamo rafforzare il nostro lavoro comune: una nuova Europa nascerà grazie al Partito Popolare Europeo, unica forza politica che si fonda sui valori condivisi all'origine del sogno europeo, unica forza che ha dimostrato di saper dare risposte vere ai problemi dei cittadini. Sono certo che, insieme, sapremo vincere anche questa sfida e che, come sempre in passato, saranno gli ideali dei Popolari europei a dare ai nostri figli e ai nostri nipoti il grande futuro che meritano. È con questi sentimenti che desidero rivolgere a tutti Voi i più cordiali auguri di buon lavoro, nella certezza che continueremo a lavorare insieme con amicizia e in modo sempre più proficuo.

Commenti