"Decreto? Qui vale l'ordinanza". È lite tra Lombardia e governo

Scontro duro tra il governatore Fontana e l'esecutivo: "I lombardi seguano le regole della mia ordinanza". Alta tensione

Ormai lo scontro non si spegne. Il decreto approvato dall’esecutivo che va a definire la nuova stretta sulle attività produttive del Paese di fatto apre una crepa nel rapporto tra l’esecutivo e la regione Lombardia. Il premier Conte ha firmato il documento che nella sostanza lascia ancora aperte almeno 80 tipologie di attività. Su questo punto, subito dopo la firma di Conte sul decreto sono arrivate le parole del ministro Boccia: “Il provvedimento del governo è molto più dell'ordinanza della Lombardia”, ha affermato il ministro a Stasera Italia su Rete4 aggiungendo che il governo non ha “inseguito” la Lombardia e che anzi "sarebbe stato meglio che Fontana aspettasse" le misure dell'esecutivo. Alle parole di Boccia sono però seguite quelle dure della Lega che con Romeo e Calderoli ha chiesto le dimissioni del ministro già finito nel mirino dopo il caso dell’ironia con la mascherina sul volto in conferenza stampa con Borrelli, capo della Protezione Civile. Ma ad accendere definitivamente la serata sono state le parole dure e chiare del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

Il governatore ha affermato che sul territorio lombardo vale la sua ordinanza che come è noto è stata emanata prima delle comunicazioni di Conte di ieri sera con la sua diretta Facebook. Fontana non ha usato giri di parole e ha affermato: “Rivolgendomi a tutti i lombardi, dico loro di considerare valida e efficace l'ordinanza che ho firmato ed emanato per tutta la nostra regione. Nella stessa sono contenuti elementi certi e chiari, sia dal punto di vista delle prescrizioni, sia per quanto riguarda le tempistiche”. Si apre dunque un conflitto istituzionale tra la Regione Lombardia e l’esecutivo. A questo vanno aggiunte anche le tensioni tra i sindacati e Confindustria per la chiusura delle aziende come richiesta dall’ordinanza lombarda e in parte dal decreto del governo giallorosso. Le sigle sindacali hanno contestato la lista delle attività produttive lasciate aperte da Conte e hanno minacciato uno sciopero generale. Tensioni su tensioni che di fatto non fanno bene ad un Paese già provato da una emergenza senza precedenti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di draff61

draff61

Lun, 23/03/2020 - 10:12

Stamattina accendo la tv e chi vedo??? Franceschini!!! E' proprio vero: non esiste fondo al peggio!!! Qel personaggio rappresenta la più bieca faziosità e porta in testa la corona da "re dei perdenti". Eppure è li, parla e pontifica!! Il suo capo (Giuseppi alias Winston Churchill) non è da meno. Si è messo in testa di decidere da solo, ignorando l' opposizione, come potrebbe (tentare) di fare fosse stato investito dal consenso popolare. No è il suo caso. Giuseppi non ha un voto che sia uno da parte nostra. DITEGLIELO!! PER PIETA'!!!

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Lun, 23/03/2020 - 10:13

Fontana: "Il coronavirus è poco più di una normale influenza" (25 febbraio). Questo personaggio infausto di Fontana ha causato un disastro dando a credere ai lombardi che il Covid fosse una banale influenza stagionale e quindi incoraggiando comportamenti rischiosi per giorni e giorni. Adesso fa la voce grossa, insulta il governo, provoca e diffama per far dimenticare le sue dirette responsabilità. Il minimo che potrebbe fare è collaborare lealmente con il governo e smetterla con le polemiche ogni santo giorno.

jaguar

Lun, 23/03/2020 - 10:30

ConteRaffaelloM, Fontana ha solamente ripetuto le parole di illustri virologi. Il massacro è solo responsabilità del governo e dei sinistri, ti ricordi che per combattere il virus per prima cosa serviva un libro? Parole vostre cari compagni.

Gibulca

Lun, 23/03/2020 - 10:33

Veramente Fontana aveva chiesto già da gennaio la quarantena per chi provenisse dalla Cina. Segno che aveva capito come comportarsi.

toby111197

Lun, 23/03/2020 - 10:33

Ma perché in questo governo c'è qualcuno all'altezza e vedrete quando ci sarà da fare rialzare l'Italia .La faranno fallire definitivamente

gigi0000

Lun, 23/03/2020 - 10:34

"Tensioni su tensioni che di fatto non fanno bene ad un Paese già provato da una emergenza senza precedenti." Certamente se non vi fossero le virate a 180° di Fontana. malrasato e donzelletta, oltre tutti i tuttologi politici e giornalisti, a cui ora s'aggiungono anche i sindacati (e ti pareva) forse il Paese si muoverebbe meglio.

Nick2

Lun, 23/03/2020 - 10:38

Fontana, parliamo di Alzano Lombardo? Il 23 febbraio si sono presentati al Pronto Soccorso 2 anziani con febbre alta e polmonite. Prima che ci si rendesse conto che avevano il coronavirus, sono stati bellamente messi in reparto, dove hanno contagiato pazienti, medici e infermieri. Si è pensato immediatamente di fare di Alzano zona rossa, come Codogno. Ma Alzano non è Codogno, ci sono industrie importanti per l’economia della regione. Quindi, ecco la famosa frase “E’ poco più di una normale influenza” che ha decretato che gli interessi economici della regione venivano prima della salvaguardia della salute della popolazione. Risultato: 2000 morti (per ora) nelle province di Bergamo e Brescia.

McGeorge

Lun, 23/03/2020 - 10:39

Era stato lo stesso Conte a dire che se i Governatori avessero voluto altre chiusure avrebbero dovuto adottare le relative ordinanze. Ora perché ci si lamenta? La tutela della salute è materia di legislazione concorrente, per la quale "spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la determinazione dei princìpi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato". Il decentramento amministrativo di cui all'art. 5 Cost. e l'autonomia delle Regioni di cui all'art. 114 Cost. legittimano la contestata azione legislativa e normativa della Regione Lombardia. I poteri sostitutivi del governo devono essere "esercitati nel rispetto del principio di sussidiarietà e del principio di leale collaborazione" (art. 120 Cost.): il governo può collaborare con le Regioni, ma senza adottare quelle misure che possono essere adottate dalle Regioni stesse. Se ne facciano una ragione al governo, nella Costituzione ci sono anche le Regioni, a fianco dello Stato e dei cittadini.

27Adriano

Lun, 23/03/2020 - 10:50

Penso che Fontana, come i Governatori di Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna conoscano la reale situazione dei propri territori. Conte e gli inutili colleghi suoi al governo..boccia compreso, fanno meglio a tacere e nascondersi!!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 23/03/2020 - 10:57

@ConteRaffaelloM..bello fare il Re, come recitava in un film. Praticamente pretendi che Fontana non parli e si metta a 90° verso il Governo. Non deve valere una sua decisione o meglio dire un suo parere. Praticamente dici di sottomettersi e stare zitto, come nelle peggiori dittature. Ti farebbe comodo! Ma allora a cosa serve un Governatore, li mandiamo tutti a casa, tanto decide il Governo. Però se succede qualcosa allora Fontana ne è responsabile che non ha fatto quello che lui poteva fare anche andando contro le decisioni di Conte e tutta la sua truppa al Governo. Comandiamo noi, ma se succede qualcosa la colpa è tua. E' questo il senso? Certo che sei un bel furbastro sai giocare bene con le parole, l'importante che portino a farti avere ragione. Ma ormai ti hanno capito tutti, da quel che noto.

cecco61

Lun, 23/03/2020 - 11:03

@ nick2: seguendo il tuo pensiero che dire del Governo e delle sinistre che andavano ad abbracciare e baciare tutti i cinesi accusando di razzismo chi chiedeva i controlli. Ad ogni modo se Fontana il 23 febbraio parlava di influenza, fidandosi dei virologi del Governo, già ai primi di marzo, visto l'evolversi della situazione (e quando il Governo ancora sosteneva che le mascherine non erano necessarie neppure per medici e infermieri), chiedeva la zona rossa per i paesi della Val Seriana. Il Governicchio che a te piace tanto aspettò però 10 giorni, ossia l'11 marzo. Informati meglio prima di scrivere scemenze.

buonaparte

Lun, 23/03/2020 - 11:11

gigi e conte-vi informate solo sui media rossi rai3 e la7 corsera repub espresso ecc-quel pezzetto di frase che voi avete estrapolato per propaganda faceva parte di un discorso con il quale chiedeva la quarantena di tutte le persone che venivano dalla cina-i media di sx hanno scritto migliaia di articoli e programmi su rai 3 e la7 parlando di razzisti e delle leggi razziali come con gli ebrei-fu fatto talmente tanto casino che scrisse addirittura l'onu, amntesty e ecc per il PERICOLO razzismo in italia-SE FOSSE STATO ASCOLTATO TUTTO QUESTO NON CI SAREBBE STATO-PER NON FAR FARE LA QUARANTENA AD UN MIGLIAIA DI CINESI E NON PROVENIENTI DALLA CINA ORA IN QUARANTENA CI SIAMO TUTTI ED CON IL DISASTRO ECONOMICO-ALLA FINE VOGLIAMO UN TRIBUNALE INTERNAZIONALE CHE GIUDICHI IL GOVERNO,PRESIDENTE E MEDIA DI SINISTRA SU QUESTA STRAGE

maurizio-macold

Lun, 23/03/2020 - 11:16

Ci sono delle regole precise nel rapporto fra stato e regioni e nelle rispettive responsabilita'. Ad esempi, la sanita' è di responsabilita' delle regioni, quindi dei vari Fontana, Zaia, ecc. E dato che vogliono essere Fontana/Zaia a decidere cosa fare e cosa non fare non dovrebbero chiedere aiuto al governo e cavarsela da soli, o no? Ma e' ovvio che in una situazione di emergenza come questa bisogna cooperare e mettere da parte la politica, ed allora e' fondamentale che CALDEROLI e soci tornino a far bisboccia nelle taverne di via Bellerio e si tolgano dai .... Signori dell'opposizione, almeno in questa occasione collaborate seriamente poi, una volta finita questa emergenza, avrete tutto il tempo di ritornare a fare gli sciacalli.

Nick2

Lun, 23/03/2020 - 11:30

Cecco, in molti hanno sbagliato e non sto di certo a difendere questo o quello. Bisogna però ammettere che i cinesi, tornati dal loro capodanno si sono tutti ritirati in quarantena, mostrando un senso civico enormemente superiore al nostro. Ma Alzano e comuni limitrofi DOVEVANO da subito diventare zona rossa, perché erano nelle stesse condizioni di Codogno. Si è VOLUTAMENTE fatto finta di niente per salvaguardare l'economia a danno della salute della popolazione. Se ci fai caso, in quei giorni anche Salvini si batteva per tenere tutto aperto...

Gibulca

Lun, 23/03/2020 - 12:43

Sentire uno del PD che fa la morale su come ci si doveva comportare per prevenire il contagio è veramente segno dell'abisso mentale e intellettuale - oltre che morale - degli elettori di sinistra. A voi che avete votato PD andrebbe tolto il diritto di voto

buonaparte

Lun, 23/03/2020 - 14:11

METTETE TUTTI LE MASCHERINE E GUANTI QUANDO ANDATE NEI MARKET O ALTRI NEGOZI O FARMACIA O DOTTORE O GIORNALAIO ECC.. MANTENETE IL METRO DI DISTANZA ..NON è QUANTO USCIRE IL PROBLEMA ,MA AVERE CONTATI CON GLI ALTRI ANCHE AD UN METRO -CHE è POCO COME DETTO ANCHE DAI TEDESCHI IERI-SENZA NESSUNA MASCHERINA CHE IMPEDISCA AL VOSTRO FIATO O A QUELLO ALTRUI DI MISCHIARSI E POI ESSERE ASPIRATO CON L'EVENTUALE VIRUS.. ORA SI STA ASSISTENDO AI CONTAGI FAMIGLIARI ,CONDOMINIALI E PARENTALI PERCHè IN QUESTI GIORNI SI FREQUENTANDO QUESTE PERSONE SENZA MASCHERINA. IL GOVERNO DOVREBBE SOLLECITARE L'USO ANCHE IN CASA.. SE NON LE AVETE COME ME POTETE FARVELE CON DEL BUON COTONE ANCHE A FANTASIA PERSONALIZZATA CON 4 LACCETTI..LE POTETE LAVARE E DISINFETTARE QUANTE VOLTE VOLETE