Conte difende la Paladino in tv. Meloni lo fulmina: "Vergogna"

Il premier ha replicato alle accuse mosse nei suoi confronti: "Io e la mia compagna non eravamo a cena la sera del 31 ottobre. Uso improprio scorta? Falso"

Conte difende la Paladino in tv. Meloni lo fulmina: "Vergogna"

In merito alla presunta cena che Giuseppe Conte avrebbe avuto la sera del 31 ottobre, in pieno coprifuoco, assieme alla sua compagnia Olivia Paladino, il premier ha ribadito quanto già espresso da Palazzo Chigi: si tratta di voci false e diffamatorie.

La difesa del premier

"Ho subito per la prima volta attacchi personali, hanno coinvolto la mia compagna Olivia Paladino e questo dispiace molto", ha esordito Conte, rispondendo a una domanda in conferenza stampa nella serata della presentazione del nuovo Dpcm. "Hanno detto che siamo stati a cena il 31 ottobre, il giorno dopo un Dpcm: sarebbe stato molto scorretto e infatti non è vero, è falso e diffamatorio. L'ultima volta che siamo stati al ristorante è stato il 25 settembre"", ha proseguito il premier.

Per quanto riguarda l'ipotetico utilizzo improprio della scorta da parte del presidente del Consiglio, Conte ha così risposto all'esposto di un deputato di FdI: "Non è vero. La scorta non era lì per la mia compagna, era lì per me, ero lì a venti metri e aspettava che scendessi. Voglio aggiungere che l'uomo della scorta che è intervenuto lo ha fatto perché c'era trambusto".

La vicenda, l'accusa e la smentita

Riavvolgiamo il nastro per spiegare l'intera vicenda. Secondo quanto riportato in una registrazione audio dall'amica di una presunta testimone, la sera di Halloween, verso le ore 20:30, il presidente del Consiglio sarebbe stato visto "sicuramente con la sua compagna e forse con altre persone" in zona piazza Montecitorio, nei pressi di una enoteca "con all'interno un ristorante stellatomolto famoso". Insomma, secondo questa misteriosa donna Conte avrebbe violato una regola contenuta nel Dpcm approvato da lui stesso.

Secca la replica di Palazzo Chigi. Le suddette voci sono "notizie false, destituite di ogni fondamento, a carattere gravemente diffamatorio". L'ufficio stampa ha inoltre precisato che l’ultima volta che il premier ha cenato nel ristorante indicato dalla presunta testimone risale alla fine di settembre. "Anche le altre notizie riferite nella comunicazione audio sono completamente false e diffamatorie. È falso che la sera del 31 ottobre la scorta del presidente Conte stazionasse davanti al detto ristorante ed è falso che l’auto del presidente Conte sia un’Audi elettrica", si legge ancora nel comunicato. Ma sulle parole pronunciate in tv dal premier è intervenuta Giorgia Meloni che ha fulminato Conte: "Chiedo ufficialmente a Mattarella cosa pensa di questo uso delle nostre istituzioni. Conte vuole difendersi sull’uso della sua scorta? Lo deve fare nelle sedi competenti, non approfittando di milioni di italiani che aspettano di sapere se possono festeggiare il Natale. Vergogna".

Commenti