Ira dei docenti sulla Azzolina: "Una vergogna e uno schifo..."

L'ira dei docenti contro il nuovo ministro della Scuola: "Ora scendiamo in piazza, siamo inca***** neri". Nel mirino finisce il Movimento 5 Stelle: "È peggio degli altri, non lo voteremo più"

Sono passate poche ore dalla nomina a ministro della Scuola e Lucia Azzolina è finita già al centro di una bufera. La grillina ha collezionato diversi flop in "pagella", dallo 0 preso in Informatica al concorso da preside fino al voto di 5/12 sulla conoscenza della lingua inglese. Un passato scomodo e imbarazzante che però si riflette anche sul presente. Lo sanno bene i docenti esiliati vittime della legge 107 di cui vi abbiamo già parlato, spediti da una parte all'altra dell'Italia e che si sentono considerati “numeri” e “non persone”. Loro non hanno preso affatto bene la nomina della Azzolina e, dopo aver sperato in Nicola Morra, hanno appreso la notizia: un colpo al cuore.

Come appreso in esclusiva da ilGiornale.it, è scattato il malcontento generale. Dopo pochi secondi dall'annuncio da parte del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i professori hanno espresso la loro rabbia: "Così ci hanno rovinato le vacanze"; "Chiunque arriva sale al podio, ma sulla base di quali meriti? A sto punto che facciano ministro un docente comune, così mi sentirei più rappresentata"; "Gli improvvisati della politica bramano solo potere e poltrone. Fanno politica per ottenere ciò che normalmente non avrebbero. Ma la cosa peggiore è che si ergono a salvatori del Paese, a unti da signore, a immacolati e profeti. Che nausea. Al peggio non c'è limite. Siamo inca***** neri".

"Che schifo, vergogna"

Diversi sono stati gli sfoghi, indirizzati anche e soprattutto al Movimento 5 Stelle: "Anche loro hanno stradeluso". In molti hanno annunciato che non voteranno più i grillini: "Sono peggio degli altri, non rispettano la volontà popolare. Fanno proprio schifo. Sono senza parole, è una vergogna"; "L'ho sempre detto: ultimamente da 5 Stelle a 5 stalle"; "A questo punto io voto Silvio Berlusconi". I pentastellati hanno dunque disatteso le promesse fatte: "In campagna elettorale prevalentemente li abbiamo votati per dissenso contro il Pd. Loro promettevano di aiutarci e invece hanno messo al Miur proprio la persona che non ci rispetta e non ne vuole sapere di noi". Una delle accuse riguarda pure l'opportunismo a causa del matrimonio con il Partito democratico: "Hanno diviso la torta con costi aggiuntivi per un nuovo ministero. Due ministri al posto di uno. Hanno sdoppiato il ministero. C'è anche Gaetano Manfredi fratello di un parlamentare del Pd all'Istruzione. Ora i profeti del 5S sono sazi e non parlano più né di fratellopoli né di costi e spesa pubblica".

Una situazione davvero incontenibile, tanto che c'è chi ha minacciato di scendere in piazza: "Serve una manifestazione immediata da concordare con ogni pezzo della scuola. Nessuno è contento, nessuno è soddisfatto di questa nomina". Anche perché sono molteplici i docenti che rimarcano dubbi sulla persona della Azzolina: "Beh, la scalata l'ha fatta: da docente a parlamentare; nel frattempo - mentre era alla commissione cultura - ha superato il concorso a preside (cui pende un ricorso al Tar); poi sottosegretaria, ora ministro. Brava, riesce a conciliare studio ed incarichi politici. Cosa vogliamo di più dai 5 Stelle?!".

A destare perplessità anche il suo modus operandi: "Non è rispettoso dell'articolo 3 della Costituzione. Non mi pare poi tanto normale che lei abbia partecipato al concorso DS da membro della commissione cultura". Ma sarebbero emersi fatti ancora più gravi: "Ci sono un sacco di sentenze del Consiglio di Stato a favore di noi docenti esiliati che non vengono prese in considerazione, non vengono ottemperate dal Miur. E c'è una deputata del Movimento 5 Stelle che ha chiesto di votare per salvare il concorso DS. Non mi sembra corretto...".

Recentemente si è fiondata contro di lei anche quella che viene definita una "magagna" utilizzando Quota 100: "Si è fatta garante del fatto che tutti i posti andassero alle nuove assunzioni. Così non va bene: i posti in organico - soprattutto quelli di diritto - si devono sempre dividere tra assunzioni e trasferimenti. Perciò dico che lei non è rispettosa dell'articolo 3".

Commenti
Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Sab, 28/12/2019 - 15:04

La stragrande maggioranza dei professori è di sinistra, ignorando che il miglior ministro dell'istruzione fu Giovanni Gentile, ucciso dalla zecca rossa Fanciullaccinel 1944. Quindi adesso di che si lamentano? Dopo aver avallato le peggiori schifezze della sinistra?

scurzone

Sab, 28/12/2019 - 15:30

Unonessunacentomila: Tu te ne intendi di professori! Sono di sinistra? Ma.…….. Quando andavo a scuola io avevo la prof. di Italiano e Latino di ideologia vicina al fascismo, la prof. di scienze di Comunione e Liberazione, gli altri lontani da qualsiasi apparente appartenenza politica. La scuola ha conglobato le peggior schifezze di entrambi gli schieramenti: dall'introduzione dell'Insegnante di ruolo di Religione, con contratto privilegiato ( voluto dalla Destra), alle assunzioni di professori inutili 8gli insegnanti del potenziamento) introdotto dal Governo Renzi. Mi sembra che l'unico che aveva le idee chiare (e anche l'unica personalità di spicco messa all'Istruzione) fu Berlinguer che nel 1998 propose il differenziamento degli stipendi in base ad un esame di merito e l'eliminazione della inutile e dispendiosa scuola media, conglobandola nella scuola primaria.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 28/12/2019 - 15:45

Ormai il Governo degli Ignoranti ha fatto il suo tempo. Non lo sopporta più nessuno, neppure fra quelli che ci hanno guadagnato sopra, magari con il "reddito di cittadinanza", da molti orma qualificato come reddito "di imbroglianza" (neologismo). BASTA! VADANO A CASA LORO, MA POSSIBILMENTE LONTANO.

michettone

Sab, 28/12/2019 - 16:02

E' verissimo che la maggior parte del corpo insegnante, viene dalla corrente sinistra e non mi stancherò mai di denunciare l'incapacità della maggior parte di essa, vista la situazione culturale dei nostri poveri ragazzi. Però, occorre dire che la levata di scudi, effettuata contro questa nomina, E' GIUSTA, poiché l'Azzolina assolutamente inadatta per le caratteristiche essenziali che avrebbe dovuto possedere, non lo merita, come non meritano gli ignoranti ragazzi, di diventare sempre più ignoranti.

jacaree1

Sab, 28/12/2019 - 16:35

beh, abbiamo avuto la Fedeli all'istruzione e questa sembra avere tutte le caratteristiche per continuarne l'opera;

tiromancino

Sab, 28/12/2019 - 20:17

Lo scettro del RE degli ignoranti, Adriano Celentano,deve passare di mano e il più accreditato e quel vaffagrillo da pensionamento anticipato,da quota 100!!

giottin

Sab, 28/12/2019 - 20:51

Con costei all'istruzione la scuola non potrà che peggiorare lo schifo che regna già ora. E' fautrice della scuola senza libri, senza quaderni, senza voti e poi... tutti promossi . IUH UH!!!

Divoll

Sab, 28/12/2019 - 21:41

Ignorante e non qualificata? Perfetta, dunque, per fare il ministro della scuola (secondo i progetti del Potere). La scuola che vogliono deve creare una popolazione di ignoranti facilmente manipolabili.

tifoso61

Sab, 28/12/2019 - 21:59

Il tutto avallato dal PD pur di stare al potere e piazzare i propri uomini in posti chiave dell'amministrazioni pubbliche.

Ritratto di Leon2015

Leon2015

Sab, 28/12/2019 - 21:59

sembrano drogati, non ne fanno una che sia una, giusta. giggino o masochista... lo chiameremo.

anna.53

Sab, 28/12/2019 - 21:59

Giù le mani inesperte e ignoranti dalla Scuola! Il Sig Scurzone forse non ricorda il libro datato 1998 'segmenti e bastoncini' di Lucio Russo, scienziato non di destra, che a proposito dei mali della scuola italiana in generale inclusa quella di Berlinguer tratteggiava spietatamente le modalità semplicistico e inadatte di insegnamento della scienza per esempio e elencava una serie di segnali dell 'ignoranza diffusa' con esempi del livello basso raggiunto . Inoltre dimostrava che la' nuova scuola'si abbassava sempre più a standard americani e non era all'altezza di una corretta trasmissione del sapere... E altro. Si è visto, ora molti soggetti all'università dimostrano analfabetismo e ignoranza ecc. La nuova ministra nn è all'altezza, molto chiaro

fifaus

Sab, 28/12/2019 - 22:01

beh, vediamola all'opera prima di condannarla

Ritratto di Arminius

Arminius

Sab, 28/12/2019 - 22:15

Scuola privata subito! E tutti a casa per demeritocrazia. Scuola pubblica comunista e studenti asini: basta!

specchiato

Sab, 28/12/2019 - 22:19

Articolo farlocco. Tutto inventato dalla fantasia del titolista e dell’articolista. Manfredi è un valido tecnico e la Azzolina era già sottosegretaria del ministro precedente. Quindi due scelte molto rispettabili, ma la disonestà e la faziosità porta a rosicare. Non c’è un solo nome a cui attribuire le frasi virgolettate, quindi inventate.

Boxster65

Sab, 28/12/2019 - 22:22

Tira più un pelo di ....

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Sab, 28/12/2019 - 22:33

Scurzone, non vorrei smentirti ma le pagelle agli insegnanti seguono lo stesso criterio che vige nel resto del paese: la simpatia e l'amicizia. Il merito non c'entra nulla. Dovesti leggere qualche linea guida che fissa i criteri di valutazione per capire quanto essi siano astrusamente ridicoli. Berlinguer. Parliamone. Se non avesse avuto quel cognome, sarebbe mai diventato ministro? Il problema è un altro. La scuola è prigioniera del pedagogismo, dello strutturalismo, della burocrazia avulsa dalla realtà, del corporativismo, dei sindacati che difendono solo i fannulloni a danno degli insegnanti validi e preparati, che sono molti. E dei genitori. Da quando sono entrati nelle aule scolastiche, insieme ai docenti figli del '68, la scuola è scesa vertiginosamente di qualità. Come, puntualmente e impietosamente,l'Ocse sottolinea.

Ilsabbatico

Sab, 28/12/2019 - 22:33

...beh tutti i forti non lo hanno questi docenti

ulio1974

Sab, 28/12/2019 - 22:39

….almeno sembra gnocca, chi se ne frega poi se è una capra, tanto non se ne accorge nessuno.

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Sab, 28/12/2019 - 22:43

Veramente ci sarebbero da fare molti "riesami" in tutto il mondo dell'insegnamento. Quante cattedre vuote che rimarrebbero.

specchiato

Sab, 28/12/2019 - 22:43

Vorrei infierire: Luca Sablone, classe 2000, dove ha trovato la sera del 28 dicembre lo stuolo di docenti incaxxxxi neri? Giornalista non lo è di certo, sarà un pubblicista con funzione killer contro avversari politici. La correttezza è un’altra cosa. Signori del blog non abboccate

Maura S.

Sab, 28/12/2019 - 22:46

specchiato da chi sei pagato?////

Ritratto di nestore55

nestore55

Sab, 28/12/2019 - 22:46

specchiato Sab, 28/12/2019 - 22:19...Si faccia vedere, ma con urgenza: magari non é ancora tardi...E.A.

Tergestinus.

Sab, 28/12/2019 - 22:51

Per me è sufficiente il fatto che abbia sostenuto il concorso per diventare preside. Basta questo a condannarla preventivamente. Un docente serio non farebbe mai e poi mai il concorso a preside. Diventare preside significa snaturarsi del tutto, smettere per sempre di studiare e trasformarsi da uomo di cultura in un burocrate che ha in testa solo circolari e bilanci e ha delle responsabilità enormi rispetto allo stipendio percepito. Tanto valeva studiare economia fin da subito e fare il commercialista, visto che anche il più scalzacane tra i commercialisti guadagna comunque almeno il doppio rispetto a un preside.

Trinky

Sab, 28/12/2019 - 23:07

specchiato....la dimostrazione di chi voialtri ritenete sia capace di fare il ministro: tutta gente che a squola (come scrivete voi) ha avuto voti altissimi.... o forse altissimi mica tanto? o forse nemmeno alti?

specchiato

Sab, 28/12/2019 - 23:34

Nestore e Maura non avete avuto il coraggio di affrontare con lucidità l’argomento. La denigrazione è un’arma ignobile. Siete così ingenui da credere ad ogni fesseria pubblicata? L’articolo è stato segnalato all’Ordine dei Giornalisti di Roma. Contrasta con la deontologia .... forse non lo capite, povera Patria!

MOSTARDELLIS

Sab, 28/12/2019 - 23:39

"...In molti hanno annunciato che non voteranno più i grillini...", cioè a dire che gli insegnanti dal PD sono passati ai 5 stelle. Cose da pazzi! PD e 5 stelle due schifezze politiche. Li avete votati? ora ve li tenete.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 29/12/2019 - 05:18

A me mi hanno rimandato e bocciato perchè non sapevo la storia ma ero il primo della casse in matematica. Mi dite nella mia vita, in tutti i miei lavori, a cosa mi è servita la storia, se non per un fatto culturale? Cioè ho perso un anno e ne stavo perdendo altri solo perchè non mi ricordavo le date ed i nomi, pur se famosi o non riuscivo a spiegarla bene? A voi vi è servita sul lavoro, che avete e state svolgendo?

gianf54

Dom, 29/12/2019 - 06:39

Un'altra potente ignorante, raccomandata, messa dove non doveva stare. Di Maio : vattenn!!!

Popi46

Dom, 29/12/2019 - 07:02

Viene da piangere di fronte alla realtà delle sue condizioni,dato che la Scuola è grande parte dell’oro di un popolo

hectorre

Dom, 29/12/2019 - 08:44

fifaus.....pretendere che sia almeno competente è il minimo sindacale e da quel che si dice(carta canta) è un disastro!!....se non sono scarsi non li vogliamo??....eh no!!!...basta!!!!!!

fifaus

Dom, 29/12/2019 - 09:58

Hectorre:le competenze non possono essere genenriche, devono essere messe in relazione al contesto nel quale si opera e agli obiettivi prefissati. Aspettiamo a valutare il neo ministro Azzolina.

mbrambilla

Dom, 29/12/2019 - 10:25

Veramente è laureata e ex preside, magari qualcosa saprà della scuola.

Anticomunista75

Dom, 29/12/2019 - 11:05

poi le femministe s'inalberano se qualcuno sostiene che una per fare carriera deve...questa asina per quale motivo l'hanno sbattuta all'istruzione, oltre che per il fatto che è femmina?

Duka

Dom, 29/12/2019 - 11:46

Il partito degli ignoranti mette sul mercato ciò che ha. L'equazione è semplice.