E i ministeri non pagano i contributi

L'Inps bacchetta Difesa e Istruzione per gli arretrati mai versati

Roma La pubblica amministrazione resta un pessimo datore di lavoro, soprattutto dal punto di vista dell'Inps. La fusione tra il vecchio istituto di previdenza pubblica, l'Inpdap, e l'istituto che gestisce quella privata ha dato diversi problemi. Primo fa tutti un rosso patrimoniale che l'Inps si porta ancora dietro. Alla base di tutto, il mancato versamento dei contributi da parte delle amministrazioni pubbliche a causa di un vecchio vizio della Pa che consiste nel quantificare la pensione a fine carriera dei dipendenti.

È di ieri la notizia che l'istituto guidato da Tito Boeri ha dovuto tirare di nuovo le orecchie a un pezzo importante di pubblica amministrazione, in particolare al ministero della Difesa, a causa di mancati versamenti per il personale militare.

Una circolare del novembre scorso - ha riportato ieri il Messaggero - intima i ministeri a fornire all'istituto i dati dei contributi versati in passato entro la fine di gennaio.

Mancano molti dati relativi alla Difesa, ma anche del ministero dell'Istruzione. Per chiudere la partita e acquisire tutte le informazioni necessarie l'istituto potrebbe essere costretto ad assumere altro personale e formare una task force. Resta il trattamento di favore per il datore pubblico inadempiente, rispetto a quelli riservato ai privati.

Sulle pensioni continua a tenere banco l'anticipo pensionistico. Boeri ieri assicurato che saranno pagati gli arretrati dell'Ape sociale entro Natale: «Lavorando anche sabato domenica e festivi riusciremo a liquidare il primo lotto di arretrati». Rassicurazioni insufficienti secondo il presidente della Commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano: «Quest'anno, grazie ai ritardi, alle interpretazioni restrittive date dall'Inps e alle regole troppo stringenti volute, come al solito, dalla Ragioneria, forse non verrà pagato un solo assegno. C'è il rischio che una misura positiva venga vissuta come un flop». Un rischio soprattutto per il Pd di Matteo Renzi.

Commenti

donald2017

Lun, 11/12/2017 - 09:13

la scoperta dell'acqua calda, non lo sapete che questi cialtroni rossi vogliono che tutti paghino le tasse,tranne loro

unosolo

Lun, 11/12/2017 - 10:26

sarebbe bello sapere quanti miliardi devono ancora versare alla INPS e da quando in modo da mandare in galera chi gestisce certi ministeri o enti , il privato paga altrimenti deve anche metterci interessi mentre le istituzioni ? possibile che i revisori dei conti non vedono che in questo modo si falsano i bilanci ? forse sbaglio ma cavolo se non versano alla INPS verranno divisi tra dirigenti per quadrare i conti. sappiamo che esistono premi , ebbene vuoi vedere che se li creano appositamente .....

Garganella

Lun, 11/12/2017 - 11:13

unosolo: non meravigliarti, sono tuitti comunisti! Pensano solo alle proprie tasche e poltrone a scapito del cittadino onesto!

venco

Lun, 11/12/2017 - 11:15

Anche tanti enti locali non pagano i contributi Inps, l'obbligo di pagarli è solo delle aziende private, percui i contributi dei privati pagano le ricche pensioni degli statali. Si sappi che la pensione media nel privato è di 1022 euro, quella dello statale è di 1760 euro

exsinistra50

Lun, 11/12/2017 - 11:39

Condivido il commento di venco

silvano45

Lun, 11/12/2017 - 11:45

in tv sono i paladini dei cittadini contro gli evasori fiscali e i primi evasori o peggio sono questi disprezzabili politici!

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Lun, 11/12/2017 - 12:24

"La legge è uguale per tutti" Se fosse vero ciò sarebbe un aggravio per lo stato, perché non solo dovrebbe rispettare le leggi come qualunque cittadino, ma dovrebbe agire con solerzia maggiore per dare il buon esempio. "Per fortuna" siamo in una finta repubblica gestita da komunisti incapaci e lo stato buffone non è obbligato a fare e seguire alcunché, le leggi sono per i sudditi.

luna serra

Lun, 11/12/2017 - 12:42

i soldi che trattengono in busta paga che fine fanno su questo bisognerebbe indagare Boeri come fatte con i privati manda una bella denuncia lla Magistratura

mariod6

Lun, 11/12/2017 - 14:03

Il Partito Unico (PCI/DS/Ulivo/PD) è sempre puntuale a far pagare gli altri e ad accusarli di evasione fiscale. Sono loro al governo abusivamente ma i contributi non si pagano per poter poi sperperare miliardi in favore delle loro coop rosse e dei loro progetti faraonici gestiti dagli archistar farlocchi e scrocconi.

unosolo

Lun, 11/12/2017 - 14:55

non meravigliamoci dei non pagamenti in quanto il PD ha chiesto soldi non versati ai ex che si sono spostati in altri partiti , il problema è che oltre a licenziare dipendenti sono le uscite a superare le entrate , il treno che serve al loro segretario chi lo paga ? vuoi vedere che è un regalo come tanti altri messo a disposizione da compagni o da gigliati magari a spese di qualche ministero per esempio quello dello sport , pensare male ma a volte i conti in rosso ,,,,,,,