Ecco il piano Salvini-Orban ​per rimpatriare gli immigrati

I due leader preparano "la nuova Europa". Il ministro dell'Interno: "In Italia o Ungheria si entra solo col permesso"

Salvini e Orban ne sono sicuri: dal prossimo 27 maggio, non appena gli elettori europei avranno indicato le loro preferenze, la "nuova Europa" proteggerà "le sue frontiere esterne". Una rivoluzione, assicurano, che prenderà forma dal progetto italo-unghrese per il Vecchio Continente e da due parole d'ordine: zero ingressi e incremento dei rimpatri.

I due leader sovranisti si sono incontrati oggi in Ungheria per un faccia a faccia dal sapore elettorale, oltre che politico. Entrambi sono in prima linea da tempo per "evitare che arrivino altre migliaia" di immigrati in Ue ed ora che si avvicina l'apertura delle urne si preparano a delineare il (loro) progetto di riforma per la politica migratoria europea.

Non è un caso se il ministro dell'Interno e il premier ungherese sono volati al confine a pochi metri dal "muro anti migranti". Lì Orban ha "mostrato" a Salvini come l'Ungheria difende nella pratica le frontiere. Una visita simbolica, indubbiamente. "Si entra solo con il permesso", ha scritto su Twitter il leghista mentre osservava "con gli occhi" l'"efficacia" con cui il governo locale contrasta l'immigrazione clandestina. "Mi complimento per come in poco tempo, in modo rapido e incisivo, l'Ungheria ha presidiato 600 chilometri di confini chiudendoli". Nel pomeriggio il titolare del Viminale ha poi incontrato per "un proficuo bilaterale" l'omologo Sándor Pintér. Ed è proprio in occasione della conferenza stampa che è emerso quello che sembra essere il "piano" italiano e ungherese per trasformare dal prossimo giugno le politiche migratorie dell'Unione Europea.

L'idea dei due Paesi è quella di trasportare a Bruxelles quanto fatto da Roma in mare (con i porti chiusi) e da Budapest via terra (con il filo spinato). Certo, in passato Italia e Ungheria sono entrate in conflitto sulla questione della redistribuzione degli stranieri: il Belpaese chiede di ricollocare in altre capitali i richiedenti asilo ospitati nelle strutture d'accoglienza, soluzione però respinta dal blocco di Visegrad. Ma i dissidi sembrano ormai roba del passato. Roma e Budapest guardano all'Europa di domani e se la linea generale dell'Ue dovesse cambiare, allora anche le distanze tra i due Stati potrebbero appianarsi. In che modo? Abbatendo drasticamente gli ingressi in Europa: se non entreranno più immigrati né dal mare né dalla rotta balcanica, allora non ci sarà più bisogno di redistribuirli. "Le nostre posizioni sono identiche", ha assicurato il leader del Carroccio che sottolinea la comune "necessità di proteggere le frontiere europee e bloccare il traffico di esseri umani". Dunque addio presunti dissapori: "Il problema non è redistribuire i migranti, ma impedire che ne arrivino altri".

L'altra sfida sarà poi quella di ridurre il numero di clandestini. Salvini e Orban guardano ai "rimpatri", parola fulcro del piano migratorio del duo sovranista. C'è però un problema: sono pochi i Paesi extra Ue che si mostrano disponibili a (ri)accogliere i propri concittadini espulsi dall'Europa. Trovare accordi bilaterali è difficoltoso, i voli di rientro in tutto il Vecchio Continente sono fermi al palo e l'Ue non ha "una politica rivolta a tutti i Paesi di provenienza". L'idea del premier ungherese e del leghista è dunque quello di "rivedere gli accordi commerciali e finanziari" con chi "non agevola i rimpatri dei connazionali". Tradotto: una sorta di pressione economica per costringere i governi a migliorare le procedure di rimpatrio.

I due leader hanno infine un'altra idea in mente: ovvero individuare "luoghi di transito e identificazione fuori dalle frontiere Ue" per i migranti che tentano di entrare nell'Unione europea. Sono due progetti con un unico scopo: costruire un'"Europa sicura, di pace, identità, lavoro e famiglia". Solo il voto dirà se hanno avuto ragione. Ma intanto Salvini ha già aperto uno spiraglio: "Se fosse prevalente la visione di Viktor Orban", allora "l'allenza" tra Ppe e sovranisti "sarebbe nelle cose".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di £iTaGlianoV€ro..

£iTaGlianoV€ro..

Gio, 02/05/2019 - 17:50

il piano è UNO, RISPEDIRLI TUTTI ALLE LORO CAPANNE, PALAFITTE, e quant'altro

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Gio, 02/05/2019 - 17:55

Ma potevano chiamare me. Ho diverse idee risolutive in merito.

schiacciarayban

Gio, 02/05/2019 - 17:55

Salvini, cosa ti fa pensare che i paesi civili europei vogliano seguire Italie e Ungheria? Magari sono un po' più evoulti di Salvini e Orban, non ti passa per la testa? O pensi di essere un genio?

mzee3

Gio, 02/05/2019 - 17:56

Ammesso e concesso che sia umano fare una politica di questo genere… felpini parla di 8oo km… ma l'Italia di frontiere ne ha 10 volte tanto e quasi tutte sul mare. I rimpatri sono sempre determinati dai paesi di origine dei migranti e salvini sa che non li può rimpatriare senza l'assenso dei paesi di origine. Tutta propaganda per mandare amici degli amici a Strasburgo a spese del popolo italiano. Lui non si è presentato una sola volta su sei in commissione. Tutto questo lavoro di salvini è per mantenersi il posto e dane altri agli amici a spese nostre.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 02/05/2019 - 17:57

Quale che sia questo piano,cambia poco:quello che conta è che Salvini è il piede sinistro,Orban quello destro. Il sedere è lo stesso e 2 ka.l.ci is meglio che one.

mzee3

Gio, 02/05/2019 - 17:58

£iTaGlianoV€ro.. fatti spiegare da salvini perché seicentomila migranti sono ancora sul suolo italiano! Ti risponderà che non può perché i paesi di origine non glielo permette. Ma cosa avete in quella testa? Le api? I ragni?

Mauro23

Gio, 02/05/2019 - 18:03

26 May 2019 i will write in my voting paper none Europe no one Eur or i will voting Home Pound. In the Italy do not welcome refugees

Robdx

Gio, 02/05/2019 - 18:07

In qualsiasi paese si entra con un documento di identità, permesso di soggiorno, contratto di lavoro e un contratto di locazione non vedo per quale motivo le regole non devono essere uguali per tutti

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Gio, 02/05/2019 - 18:11

«Senza accordi con i Paesi d’origine, di rimpatri non se ne fa neppure uno!». Roberto Maroni….«Fu l'accordo con la Libia a evitarci l’emergenza sbarchi».. sottolineando che l’intesa con Gheddafi fu sottoscritta dal suo predeces sore ovvero Giuliano Amato nell’ultimo governo Prodi. «Io dovevo attuarlo ma all’inizio i libici non collaboravano…..Poi arrivarono le primavere arabe, la morte del rais libico e gli sbarchi si moltiplicarono. «Non c’è una soluzione facile», insiste Maroni, «Minniti?, Sì ha provato a fare l’accordo con i libici, ma è un paese in guerra ***DOMANDA E PERCHÉ I PAESI di provenienza dei migranti DOVREBBERO FIRMARE DEGLI ACCORDI di Rimpatrio senza nulla in cambio, visto che dalle rimesse dei loro connazionali dipende una parte della loro economia. E vista la nostra denatalità ci conviene?

steluc

Gio, 02/05/2019 - 18:14

@mzee3 , potrei concordare, per S. resta impresa titanica. Aspettiamo quello che , alle brutte, c’è la farà. Poi però non frignate.

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 02/05/2019 - 18:16

Detta così è un'ottima linea di azione, ma il problema è convincere la ue a "fare pressioni" su certi paesi africani perché riprendano i loro transdfughi. Non bisogna dimenticare che la maggior parte di questi paesi è dominata a livello economico e quasi colonialistico dai francesi, che non hanno alcun interesse a convincerli.

schiacciarayban

Gio, 02/05/2019 - 18:18

mzee3 - Certo che non può rispedirli a casa, però la palla l'ha raccontata in campagna elettorale, e qualche fesso ci ha anche creduto!

ziobeppe1951

Gio, 02/05/2019 - 18:21

mzee3....avete trasformato l’Italia in una cloaca..abbi almeno la decenza di stare muto

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 02/05/2019 - 18:22

#mzee3- 17:58 Domandina semplice semplice. Chi li ha fatti entrare, con la massima voluttà, quei 600.000? Cos'hai negli involucri meningei? Deiezioni organiche?

lappola

Gio, 02/05/2019 - 18:25

Intanto cominciate a riempire il mediterraneo di motosiluranti e affondate qualche barcone poi il resto sarà tutto più facile.

Ritratto di pigielle

pigielle

Gio, 02/05/2019 - 18:29

UuuuuuHHH ...come godo .....leggere i commenti dei "rosiconi" sinistrati è una vera goduria ...vero schiaccia ...maroni ???

Pigi

Gio, 02/05/2019 - 18:30

Questo è il punto più spinoso. Questi paesi hanno aperto carceri, manicomi e ospedali, e favorito la loro partenza verso l'Italia. Sfortunatamente per noi, hanno trovato Enrico Letta, Renzi e Gentiloni, che li hanno accolti a braccia aperte e ora è difficile che se li riprendano con le buone. Allora bisogna farglieli riprendere con le cattive: se sono paesi marittimi, si caricano su una nave militare e si lasciano in prossimità delle loro coste, se non lo sono si fanno accordi con paesi marittimi confinanti per riportarli al loro paese. Tutto questo prescinde dai cavilli giuridici: chi entra violando le regole non può invocare nessuna regola per restare.

nunavut

Gio, 02/05/2019 - 18:36

@ mzee 3 questo vale per ambo i tuoi commenti.Se tu entri con documenti nel mio territorio e io non ti voglio ritorni da dove sei partito e nessuno ripeto nessuno mi può obbligare a riceverti,detto questo i paesi che si rifiutano di accettare i ritorni lo fanno in base a l'assenza di documenti i quli provino la loro nazionalità e cittadinanza,i quali furbescamente li gettano in mare prima del "salvataggio" Chi da la dritta?

maurizio-macold

Gio, 02/05/2019 - 18:38

Voglio dire a Salvini che invece di sommergerci di utopistici slogan su come regolera' i flussi dei nuovi immigrati deve risolvere urgentemente la situazione di emergenza che riguarda le centinaia di migliaia di irregolari che abbiamo nel nostro paese.

scorpione2

Gio, 02/05/2019 - 18:40

salvini presagista, ragazzuoli avete studiato a scuola la prima guerra mondiale? non vi dicono niente gli austroungarici e l'italia? dai dai una bella guerra tra europei non ci starebbe male,america e russia da una parte e dall'altra italungheria contro il resto d'europa, sai che figata, guerrra,guerra,guerra.

Ritratto di ichhatteinenKam.

ichhatteinenKam.

Gio, 02/05/2019 - 18:51

sembra di essere al milionario 50/50 aiuto da casa aiuto del pubblico

Ritratto di babbeipersempre

babbeipersempre

Gio, 02/05/2019 - 18:53

In effetti 600 km di confini su terra piatta sono la stessa situazione che abbiamo in italia ahahaha

vince50

Gio, 02/05/2019 - 18:53

Beh,da alcuni commenti è chiaro che per risolvere molti problemi in modo definitivo,bisogna far fuori Salvini dalla politica.Tutti saggi e"so tutto io",difatti i risultati si vedono.Prima si è fatto entrare tutta la mxxxa del pianeta e adesso ci si lamenta della loro presenza.Uno contro una un'orda di venduti al miglio offerente.

Ritratto di babbeipersempre

babbeipersempre

Gio, 02/05/2019 - 18:54

schiacciarayban l infame sa benissimo di non essere un genio ma confida sui babbei che lo seguono ahahah

Ritratto di babbeipersempre

babbeipersempre

Gio, 02/05/2019 - 18:56

Bla bla bla ma é vero che i 600 mila della campagna elettorale son diventati 90 mila dopo averne rimpatriati 3000? Ahahaha

Ritratto di saggezza

saggezza

Gio, 02/05/2019 - 19:05

Salvini sei divenuto ministro dell'interno troppo tardi . Chi ha fatto questo disastro ha la faccia da c...lo e ti sfotte pure. I sinistri altro che poltrone che qualcuno dice che vai a cercarti in Europa. I sepolcri imbiancati le poltrone e gli alberghi ed il mantenimento gratis lo hanno dato a tutti tranne che agli italiani. Dire di voler aiutare i propri figli l’hanno fatta diventare una frase fascista e razzista. Come se loro non raccomandavano prima i loro iscritti… Però nonostante tutto ammiro il coraggio di non volerti arrendere. I bla bla lasciamoli ai deficienti… e speriamo bene.

pastello

Gio, 02/05/2019 - 19:14

Smettila di fare il parolaio. Tante promesse e di fatti neanche uno

pastello

Gio, 02/05/2019 - 19:14

Smettila di fare il parolaio. Tante promesse e di fatti neanche uno

Algenor

Gio, 02/05/2019 - 19:38

@schiacciarayban, l'Austria, la Polonia, l'Ungheria, la Repubblica Ceca e la Slovacchia la pensano come Salvini e pure la Danimarca. Quanto a Francia, Germania, Olanda, Belgio, Spagna, Svezia ecc... i loro partiti destra in forte crescita la pensano come Lega e Fidesz e li aiuteranno a promuovere queste politiche giuste, sacrosante ed a difesa della civiltá, nel nuovo parlamento europeo...

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Gio, 02/05/2019 - 19:51

....C'è però un problema: sono pochi i Paesi extra Ue che si mostrano disponibili a (ri)accogliere i propri concittadini espulsi dall'Europa. Non li rivogliono? Allora basterebbe imbarcarli sui loro stessi barconi o canotti, se non ci sono più glieli possiamo anche fornire regalandoglieli, poi farli trainare in acque extraterritoriali dalle motovedette, fornirli di bussola e di carta nautica e indicar loro il paese da cui sono partiti e ciao oppure come dice qualcuno ciaone!

Algenor

Gio, 02/05/2019 - 19:51

@mzee3,soffri di analfabetismo funzionale per caso? L'articolo dice che Salvini ed Orban vogliono promuovere politiche europee punitive contro i paesi che non rimpatriano i propri clandestini: questo significa fine degli aiuti, sanzioni, congelamento dei conti bancari ai loro politici, blocco dell'invio delle rimesse dei loro immigrati, blocco delle loro esportazioni, embargo di generi di prima necrssitá. La UE é la seconda economia mondiale dopo gli USA e può fare molto male ai paesi africani e mediorientali se non collaborano con i rimpatri.

cardellino

Gio, 02/05/2019 - 20:00

Pensi a far dimettere il mafioso e truffatore Siri e a restituire i 49 milioni rubati. Lui non vuole che si guardi la luna. Fa vedere il dito e gli allocchi lo applaudono

barnaby

Gio, 02/05/2019 - 20:04

mzee3. Salvini secondo te farebbe propaganda sui migranti per mandare gli amici a Strasburgo a spese del popolo italiano, mentre i sinistri a Strasburgo ci vanno rinunciando agli stipendi, ci vanno da missionari, vero? L'immigrazione alla sinistra ed ai prelati atei del vaticano fa comodo perché sopra ci hanno fondato una industria che "rende più della droga" e a spese del popolo italiano, altro che buonismo! I seicentomila migranti sono ancora sul suolo italiano perché voi comunisti, gli atei del vaticano, i media,la magistratura rossa, pseudo intellettuali radical chic remate contro agendo a discapito del popolo italiano che vorreste sostituire coi nuovi arrivati pensando da poveri illusi di poterli dominare in futuro. Otterrete l'effetto contrario.

ziobeppe1951

Gio, 02/05/2019 - 21:04

cardellina...quando parli di mafiosi...pensa al vatiano e al suo leader

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Gio, 02/05/2019 - 21:16

Nel Veneto mancano 1.295 ospedalieri e la situazione rischia di aggravarsi per altri 501 che dovrebbero andare in pensione con Quota 100. «L’Italia conta 80 mila tra medici, infermieri, operatori sociosanitari e fisioterapisti di altri Paesi — continua Aodi — di questi, 18 mila sono i camici bianchi. CHE SI FA'? SI ASSUMONO 400 MEDICI STRANIERI...NEL LEGHISSIMO VENETO AH AH AH

giancristi

Gio, 02/05/2019 - 22:01

Basta soldi ai paesi africani che si rifiutano di riaccogliere i propri cittadini! Azzerare gli aiuti all'Africa. Quando non avranno più da mangiare, gli passerà la voglia di sc***re e fare figli a iosa!

jekill

Gio, 02/05/2019 - 22:12

Nxxxi, islamici, putretudine simile via dall'Italia altrimenti trattarli come facevano loro scuoiati vivi! Bragadin docet

carpa1

Gio, 02/05/2019 - 22:26

E' ora di finirla con la storia dei ricollocamenti! Il problema si risolve bloccando gli ingressi, PUNTO. Ora rimane solo il tempo per i rimpatri e ... poi si potrà pensare a degli ingressi secondo regole (documenti validi, capacità e voglia di lavorare, comportamento civile, ecc.) e, se non va bene, è finito anche questo secondo tempo.

Ritratto di pumpernickel

pumpernickel

Gio, 02/05/2019 - 22:34

Con i Paesi che non accettano i rimpatri di quelli ben volentieri han fatto emigrare per tanti buoni motivi, bisogna arrivare a drastiche sanzioni. Sono loro figli e, delinquenti o no, se li devono gestire loro. Noi non li vogliamo. Qui non si tratta di redistribuire ma di espellere dall'Europa.

nopolcorrect

Gio, 02/05/2019 - 22:36

urrà per Salvini e per Orban!Ottima l'idea d penalizzare i Paesi che non si riprendono i loro cittadini e di aiutare quelli che se li riprendono.

Ritratto di pumpernickel

pumpernickel

Gio, 02/05/2019 - 22:38

@Demetra-ecc. Voglio vedere se tra i clandestini immigrati di medici c'è ne è qualcuno. I clandestini immigrati sono nella quasi totalità incolti, ignoranti, e nullafacenti di indole.

chiara63

Gio, 02/05/2019 - 22:56

Spero proprio che l'alleanza Ppe e sovranisti non avvenga mai e che qualcuno dia un bel calcio nel di dietro a Salvini non voglio credere che tutti i leghisti siano così cxxxxxxi da credere a tutte le falsità del felpato

me.so.rotto....

Gio, 02/05/2019 - 23:53

Solo minacciando i paesi di provenienza di non mandare piu` aiuti e ne` cooperazione, solo allora si potra` ottenere qualcosa da questi africani. E si puo` fare anche senza l'aiuto della UE ( del PD e del Papa) che sicuramente ostacoleranno l'azione di pressione a questi furboni.

pastello

Ven, 03/05/2019 - 01:21

Anche quelli che ci porti tu in aereo? Bla bla bla

Dordolio

Ven, 03/05/2019 - 07:10

Dovrebbero spiegare all'Europa - e spero lo faranno - che siamo ancora in tempo a salvare in termini "umani" e "civili" la situazione. Forse... Poi il tutto inevitabilmente precipiterà. E le porte di Vienna seicentesche verranno replicate fin nel dettaglio. Pali acuminati compresi. Documentarsi, prego.

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Ven, 03/05/2019 - 07:48

@pumpernichel UN EDEMPIO TRA NON POCHI...“Non sono venuto in Italia per chiedere l’elemosina o per mettermi in ginocchio, sono venuto per lavorare, essere competitivo e mettermi in gioco”. Ibrahim Thiam è un senegalese di 50 anni, laureato in Fisica e Chimica nel 1993 all’Università Cheikh Anta Diop di Dakar e diplomatosi come “Operatore Legale Specializzato in materia di Protezione Internazionale” con il massimo dei voti tramite il Corso di Alta Formazione organizzato dalla Scuola Superiore di Scienze dell’Amministrazione Pubblica dell’Università della Calabria. Vive da sei anni in Italia, lavora come bracciante agricolo a Rosarno e venditore ambulante e ha due figli. “Può darsi che questa estate ci incontreremo in spiaggia, venderò bonghi e collanine”

acam

Ven, 03/05/2019 - 07:58

schiacciarayban Gio, 02/05/2019 - 17:55 non credo al genio di salvini ma alla sua ragionevole mediocrità. i genio di Einstein ha portato a Hiroschima, la mediocrita di Volta e Marconi all'elettricità e alla Radio. non so se mi sono spiegato...

Angelo664

Ven, 03/05/2019 - 08:02

Io prevederei anche di mettere fuorilegge l'islam in quanto incompatibile con a civiltà' europea.

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Ven, 03/05/2019 - 08:03

@pumpernichel Badanti e braccianti agricoli laureati, l'Italia non valorizza gli immigrati con alto grado di istruzione: eppure «hanno una marcia in più» Paolo Ribichini PAOLO RIBICHINI Scritto il 08 Set 2016 in APPROFONDIMENTI immigrati immigrati laureati mercato del lavoro migranti L’Italia non è un paese per laureati, tantomeno per quelli stranieri. Il nostro Paese non è in grado di attrarre immigrati qualificati e, quando lo fa, offre loro impieghi al di sotto del loro grado di istruzione. È quanto emerge dai dati del nuovo Rapporto annuale “I migranti nel mercato del lavoro in Italia”, realizzato dal Ministero del Lavoro. L’8,4% dei laureati extracomunitari residenti in Italia svolge la mansione di operaio non specializzato. Una percentuale decisamente superiore a quella degli italiani, pari all’1,3%

01Claude45

Ven, 03/05/2019 - 09:26

E "far pagare un tassa" a tutti quei paesi che hanno chiuso i confini interni ma godendo del blocco dei clandestini nel loro paese, NO? TASSA DI SOLIDARIETÀ ai paesi dei confini esterni dell'Europa. Ai paesi d'origine dei clandestini che non li ricevono "chiedi in cambio lo sfruttamento condiviso delle risorse del paese stesso". Col lavoro colà creato saranno i "clandestini stessi" a chiedere i rimpatrio a spese loro perfino.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 03/05/2019 - 09:48

schiacciarayban,mzee3,DemetraAtenaAngerona, A VOI ZEKKE ROSSE NON STA BENE...... a NOI Italiani sta benissimo la soluzione del MURO o dei PORTI CHIUSI. solo per Ricordarvi zekke rosse che siamo in ITALIA....... se non vi piace.... ci sono altri 100 e passa paesi dove EMIGRARE !!!!!!

PerQuelCheServe

Ven, 03/05/2019 - 10:59

@DemetraAtenaAngerona: "l'Italia non valorizza gli immigrati con alto grado di istruzione". Seè per questo, l'Italia non valorizza nemmeno gli ITALIANI con alto grado di istruzione, costringendo anche i propri connazionali a migrare. I più "fortunati" lasciano famiglia e amici per altre regioni italiane, gli altri lasciano proprio il paese, favorendo l'aumento di passeggeri delle compagnie aeree che tanto bene fa alle compagnie e all'economia, e tanto male fa ai cuori delle famiglie e degli amici costretti a strazianti separazioni e a preoccupazione una settimana sì e l'altra pure.

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Ven, 03/05/2019 - 14:01

@i vari miei gentili confestatori... i dati ISTAT parlano chiaro i 55enni italiani sono il doppio dei 15enni e circa 1/5 e' straniero, non credo che nessuna politica incentivante alla natalità italiana possa pareggiare la differenza, mi auguro e credo sia possibile trovare dei rimedi ai lavori precari, saltuari e malpagati, sta di fatto che tra 10 anni i 55enni saranno dei 65enni in pensione (con basse pensioni che vorranno arrotondare affittando le loro 2° case a italiani inesistenti quindi si accontenteranno di neri esistenti e gli immobili vuoti dati ISTAT sono 7milioni) e i 15enni dei 25enni. Serviranno dei giovani per reggere il peso dei 65enni. In Europa la situazione è simile e anche in Russia, in Africa NO...