Un errore nella lettera. E un sindaco beffa Renzi

Sulla lettera agli italiani all'estero spunta un sito sbagliato. E il comitato per il No ne approfitta per convincere i cittadini a votare contro il premier

Un errore nella lettera. E un sindaco beffa Renzi

La lettera (con errore) inviata da Matteo Renzi agli italiani all'estero non si è rivelata solo fonte di polemiche - oltre che di una figuraccia per il clamoroso refuso nell'indirizzo del portale del comitato Basta un Sì (guarda la foto) -. Ma è diventata anche un incredibile boomerang.

Sulla missiva, infatti, i cittadini vengono rimandati al sito "bastausi.it" e non all'indirizzo "bastaunsi.it". Una "n" in meno che cambia totalmente le carte in tavola.

L'errore era infatti troppo ghiotto perché nessuno - con un minimo di competenze sul web - non ne approfittasse. Come ci ha segnalato un nostro lettore già venerdì scorso e come è possibile verificare sui portali specifici, alle 17,11 (cioè nemmeno un'ora dopo che avevamo svelato il refuso), il dominio è stato registrato da Ruggero Barbetti, sindaco elbano di Capoliveri (Livorno), eletto con una lista di Forza Italia.

A che pro? Ma è ovvio: per rimandare chi visita il sito sul portale di uno dei tanti comitati per il No, quello intitolato Costituzione Bene Comune. "Io con internet mi diverto da tempo: non so come questa idea non sia venuta a chi ha fatto l’errore", dice Barbetti al Corriere della Sera. Così ora chi cerca informazioni per votare Sì al referendum costituzionale del 4 dicembre, rischia di convincersi a votare No.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento