Falegname rumeno di 52 anni uccide la moglie dopo una lite

Femminicidio nella notte. Lui accusato di omicidio volontario: «Non l'ho uccisa, si è sentita male»

Vanni Zagnoli

Ennesimo femminicidio nella notte, fra venerdì e sabato, a Imola.

Il marito nega, si dichiara estraneo alla morte della moglie («Si è sentita male, ho solo chiamato i soccorsi»), per gli inquirenti tuttavia non ci sono dubbi, al punto che l'hanno arrestato per omicidio volontario.

Quando una persona muore in famiglia, se non è malore o malattia, se non è rapina degenerata, il pensiero va immediatamente ai congiunti, magari per gelosia.

Il movente della tragedia bolognese è da chiarire, la signora Cornelia aveva 46 anni, era romena e saltuariamente faceva la badante.

Le prime notizie riportano del corpo senza vita ritrovato dal marito nella loro abitazione, in via Caterina Sforza, nel centro del paese sul fiume Santerno, noto per il Gran Premio di Formula Uno, dal 1981 al 2006.

È proprio Ioan Pascalau a chiamare il 118 e presto diventa l'unico sospettato e perciò interrogato al comando dei carabinieri di Imola, dal pm di turno Massimiliano Rossi, insieme ai militari del nucleo investigativo di Bologna. È falegname, dipendente di un'azienda a Imola, racconta della moglie.

«Erano le 4,30 - spiega -, ho sentito che non stava bene, ho telefonato perchè venissero a prenderla, non respirava più».

Probabilmente dopo che l'aveva uccisa lui, a mani nude: non sono stati ritrovati corpi contundenti con cui l'abbia colpita.

Al piano superiore abita una signora, agli inquirenti riferisce di avere udito urla e rumori forti provenire dall'appartamento sottostante, nelle prime ore della mattinata: «E non era la prima volta».

All'ennesima lite, dunque, nel complesso residenziale che fa parte dell'ex convento dell'Annunziata, Ioan ha probabilmente perso la testa e l'ha ammazzata. Magari la situazione economica non era florida, si può solo ipotizzare che lui le abbia rinfacciato di non impegnarsi abbastanza per trovare un lavoro stabile, anche perchè la coppia ha due figli maggiorenni in Romania, comunque ogni mese invia denari per contribuire a mantenerli.

La difesa del marito è debole, il medico arrivato sul posto constata il decesso della donna, il corpo presenta numerose ecchimosi.

Il pm e il medico legale pensano subito all'omicidio, l'interrogatorio dura un'ora e al termine il magistrato fa accompagnare il falegname in carcere alla Dozza, con l'accusa di uxoricidio.

«Si è dichiarato estraneo alla morte - dice l'avvocato Ercole Cavarretta -, avrebbe pure potuto avvalersi della facoltà di non rispondere, invece ha tenuto a parlare. Potrebbe essere stato un malore a procurare i segni sulla donna, neanche le urla sono così significative. L'autopsia offrirà il quadro più attendibile». Domani è prevista l'udienza di convalida. E una svolta all'indagine potrebbe venire dall'esame sul corpo della vittima.

Cornelia e Ioan erano in Italia da una decina d'anni, si erano voluti bene, non avevano abbastanza soldi per essere felici.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.