La fase due dei 5 Stelle: marcare a uomo i democrat

Di Maio piazza i fedelissimi a fare da "mastini" ai dem. Ma è già rivolta interna: "Ci voleva più discontinuità"

Lo schema è sempre lo stesso, da quando è cominciata la crisi di governo aperta da Matteo Salvini e chiusa con la formazione di un Conte-bis. Luigi Di Maio contro Giuseppe Conte e quella parte di Movimento che voleva sfruttare l'occasione del cambio di esecutivo per indebolire la leadership del capo politico. A sorpresa, con la formazione della squadra dei sottosegretari, per il momento l'ha spuntata Di Maio. Il «ricambio» invocato dai parlamentari che erano stati tenuti fuori dalla spartizione delle poltrone gialloverdi, è rimasto sostanzialmente lettera morta. E ciò ha già provocato i primi malumori di «fichiani» e battitori liberi contro le troppe riconferme nella truppa del sottogoverno, quasi esclusivamente provenienti dall'ala che ha sempre sostenuto la politica di Di Maio. Mal di pancia a cui si va a sommare la delusione dei ministri uscenti che non sono stati confermati nemmeno nella posizione di sottosegretario. Da Barbara Lezzi a Elisabetta Trenta, fino al discusso Danilo Toninelli e a Giulia Grillo. In particolare dei primi due che, nelle ore precedenti alla svolta sulle nomine, erano dati per certi nella squadra di governo, seppure ridimensionati.

Così il M5s è tornato a fare quadrato intorno al capo politico Di Maio. Con l'obiettivo di non farsi fagocitare dal Pd e provare a mantenere quello smalto «anticasta» e movimentista che in passato ha fatto la fortuna elettorale dei grillini. E quindi i vertici pentastellati si sono affrettati a blindare subito la posizione di Giancarlo Cancelleri, luogotenente del leader in Sicilia e parlamentare regionale all'Ars. Cancelleri nella giornata di ieri è stato nel mirino di attivisti e al centro delle polemiche nelle chat dei parlamentari perché, con la nomina a sottosegretario alle Infrastrutture, ha accumulato due cariche, contravvenendo a una regola aurea del M5s. Risultato: dimissioni dall'Ars in serata. Un parlamentare da sempre critico nei confronti di Di Maio ammette: «È vero, avremmo preferito più discontinuità e si poteva evitare questo cumulo di incarichi». Ma tant'è. Ed è arrivata subito la reazione dello stato maggiore vicino al capo politico: «Cancelleri è un mastino, sarà cane da guardia sulle concessioni». Che rappresentano uno dei tanti fronti su cui potrebbe aprirsi una faglia tra M5s e Pd. Stessi apprezzamenti per Mario Turco, docente universitario e sottosegretario a Palazzo Chigi con delega su investimenti e programmazione economica. «Farà da contraltare economico», dicono i vertici. Cruciale, secondo Di Maio, anche la nomina di Giuseppe L'Abbate all'Agricoltura per marcare la ministra Teresa Bellanova su Ceta e Ogm.

E poi c'è il premier Giuseppe Conte. Sempre più garante, sempre meno grillino. In visita ad Accumoli, comune colpito dal sisma del Centro Italia del 24 agosto 2016, Conte si è detto «soddisfatto della squadra di governo, da lunedì saremo completamente operativi», ha spiegato. Sui sottosegretari ha sottolineato: «L'accelerazione era importante perché il paese attende risposte». Infine Conte ha ribadito di presiedere un governo che non è «contro qualcuno», in riferimento a Salvini, e ha concluso: «Ho accettato perché c'era un progetto politico».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 14/09/2019 - 09:29

Il nuovo politichese in salsa giallo-rossa ... come non ci mancasse da tanto tempo quello doc autentico "liberal-democristiano".

antipifferaio

Sab, 14/09/2019 - 09:57

Marcare a uomo chi?... Ahahah... ma se Di Miao non riesce nemmeno a stare dietro ai suoi, vorrebbe "controllare" il Piddì?? Poveraccio, non si capacita che la festa è finita e che, o si sottomettono ai PaDroni, oppure tornano a casa a lavorare (forse qualcuno).

Papilla47

Sab, 14/09/2019 - 10:00

Ho accettato perchè c'era un progetto politico; si l'unico progetto era far fuori Salvini e lo hanno detto in tanti. Però lui è sempre li e dall'altra parte della barricata non vi darà vita facile.

Popi46

Sab, 14/09/2019 - 10:01

Si,si,facciano pure la fase due,quella tre e anche la quattro, tanto saranno divorati dagli alleati, quelli sono i nipotini dei laureati alle Frattocchie, mica di comici e nocciolinari....

Calmapiatta

Sab, 14/09/2019 - 10:46

Ma di che andate cianciando...il PD si è messo in tasca il M5s intero intero...se li sono rosicchiato come un cane spolpa un osso. Il M5s è cosa ridicola, ormai.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Sab, 14/09/2019 - 10:48

la fase tre è la scomparsa dei grillini

bernardo47

Sab, 14/09/2019 - 11:34

I grillini si marcano anche da soli!fanno solo pasticci!