La figuraccia "mondiale" di Riotta: beccato a spacciare bufale anti Putin

«A rischio chi critica il Cremlino». Ma l'ambasciata russa lo ridicolizza

La figuraccia "mondiale" di Riotta: beccato a spacciare bufale anti Putin

Gianni Riotta è un grande esperto di Usa, Russia, politica estera in generale, politica italiana, politica europea, letteratura, economia (ha diretto IlSole24Ore), costume e società, varie, e anche calcio. Avendo allenato per quattro anni la squadretta dei Blue Lions a New York, dove giocava il figlio, ha tutti i titoli per fare l'inviato ai Mondiali di Russia, dove la Stampa lo ha mandato per raccontare le partite da par suo. E lui così lo sta facendo, alla Riotta. Da «palermitano siciliano italiano europeo del West Side di Manhattan newyorkese» considera la Russia di Putin una minaccia globale insieme ai sovranisti filorussi di casa nostra, e quindi non gli è parso vero quando ha letto sul sito del Moscow Times che «la Corte Suprema russa concede alla polizia di sequestrare i cellulari a chiunque, russo o no, se posta sui social media critiche al governo #Putin». Questa però è la libera traduzione di Riotta di un articolo del giornale russo, che non dice esattamente questo ma riporta una decisione della Corte Suprema secondo cui la polizia può confiscare smartphone e computer di chi è accusato di crimini di carattere «estremistico o terroristico» anche senza l'avallo di un giudice terzo. Una sentenza controversa, ma che certo non legittima il sequestro di cellulari e computer a chi osi criticare Putin o il governo russo sui social network, come invece fa credere il tweet di Riotta. Che, ad essere pignoli, ha dunque pubblicato una fake news, materia di cui peraltro grande esperto (come di molte altre cose, non ultima il calcio) addirittura nominato dalla Commissione Ue nel «Gruppo di alto livello di 39 esperti per la lotta alle notizie false e alla disinformazione online».

A far notare la cosa a Riotta è stata l'ambasciata italiana di Russia, con cui il giornalista ha subito intrapreso un avvincente botta e risposta mettendo in copia anche l'Fbi americano, magari arriva un agente a dargli una mano. L'ambasciata russa gli scrive: «Egregio Dott. Riotta, Le chiediamo gentilmente di fornirci il fonte ufficiale del Suo messaggio. Preferibilmente sul sito della Corte Suprema della Federazione Russa. Altrimenti è una provocazione e #fakenews. Grazie». Riotta non si demoralizza e ribatte pubblicando l'articolo del Moscow Times, rimediando una seconda risposta dall'ambasciata, articolata in tre punti: «1) Il Moscow Times non è una fonte ufficiale 2) Nell'ordinanza si parla del sequestro di materiale a potenziali terroristi, non certo a chi critica Putin, come Lei ha scritto 3) Speriamo che si trovi bene nel nostro Paese, buon lavoro!». A quel punto Riotta si è messo a seguire Brasile-Costa Rica e non ha più avuto modo di rispondere ai russi. Ogni tanto gli capitano queste svarioni, come ai portieri dei Mondiali. In tv rimproverò un economista perché nell'articolo 1 della Costituzione italiana, rivista da Riotta, non si parla affatto della sovranità che appartiene al popolo (invece sì). Un'altra volta ha fatto infuriare il premio Pulitzer americano Glenn Greenwald che lo ha definito «l'opposto del giornalismo». Farsi smentire da americani e russi, record da campioni del mondo.

Commenti

Grazie per il tuo commento