I soldi dell'Ue per il Sud? "Per assumere più dipendenti pubblici"

Adesso il Mezzogiorno vuole aumentare gli organici: "Vanno bene anche i contratti a termine". E chiede pure una bella fetta di soldi

I soldi dell'Ue per il Sud? "Per assumere più dipendenti pubblici"

La partita relativa alla ripartizione degli aiuti economici che arriveranno dall'Unione europea è tutt'altro che chiusa: fino a quando il piano di rilancio nazionale non verrà presentato a Bruxelles, si continueranno a limare tutti i dettagli dei progetti per 209 miliardi di euro. Ed è proprio la tempistica che fa gola a molti soggetti politici e amministrativi. Soprattutto al Sud dove i cittadini devono fare i conti non solo con una "debolezza finanziaria" rilevante, ma anche con una ridotta capacità fiscale "aggravata da un inefficace sistema di riscossione dei tributi locali". Lo sa benissimo Leoluca Orlando, che ha proposto un piano ben preciso per rilanciare il Mezzogiorno: incrementare le assunzioni nella pubblica amministrazione.

Il sindaco di Palermo vorrebbe rimpolpare gli organici della macchina del pubblico impiego poiché sostiene che per far ripartire il sistema produttivo e far ripartire l'economia del Sud Italia sia necessario "investire su una maggiore presenza di professionalità, anche con contratti a termine, nei nostri Comuni". I comuni dell'isola vivono ormai in una condizione di assoluta paralisi istituzionale, "frutto di piante organiche inadeguate". A ciò si aggiunge un serio pericolo: il decreto Crescita potrebbe trasformare le preesistenti problematiche, relative alle difficoltà di assunzione di nuovo personale, "in permanente impossibilità di assumere e conseguente paralisi dell'attività amministrativa per i prossimi anni".

"Ai Comuni 20 miliardi"

L'intento del Sud è chiaro: cogliere l'occasione del piano nazionale di rilancio per intercettare una buona perta dei fondi del Recovery Fund. Non a caso Antonio Decaro, presidente dei sindaci italiani, ha chiesto pubblicamente al governo una buona fetta di soldi: "Ai Comuni 20 miliardi per far ripartire l'Italia". Recentemente lo stesso primo cittadino di Bari ha presentato a Enzo Amendola, ministro degli Affari Europei e titolare della cabina di regia del governo sui fondi Ue, il documento "Città-Italia" sottoscritto dai sindaci italiani. Rispetto ai 200 miliardi del Recovery Fund, la richiesta dei Comuni è il 10% come per tutti i fondi europei: "Quindi non stiamo chiedendo la luna".

Come riportato dall'edizione odierna di Libero, il piano dei Comuni prevede 10 punti: efficientamento energetico ed energia verde; mobilità sostenibile; recupero e riuso dei rifiuti; reti digitali; piano scuola; edilizia abitativa per contrastare le povertà; recupero periferie; beni e culturali ambientali; patto con le città metropolitane; creazione di una scuola nazionale per la formazione di una classe dirigente della Pubblica amministrazione. Decaro contestualmente ha chiesto - nel corso del vertice via web tra enti locali e governo - una norma sulle assunzioni e 200 milioni di euro aggiuntivi per il trasporto scolastico al fine di evitare il caos con la riapertura delle scuole.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti