Forteto, la Corte d'Appello riduce condanne per Fiesoli e Goffredi

Per Fiesoli condannato per violenza sessuale a 15 anni e 10 mesi (era 17 anni e 6 mesi in primo grado), mentre la pena di Goffredi, accusato di maltrattamenti, passa da 8 a 6 anni. Donzelli (FdI): "l'impianto accusatorio ha retto"

Forteto, la Corte d'Appello riduce condanne per Fiesoli e Goffredi

Forteto, secondo atto. Con un giorno di ritardo arrivano le sentenze della corte d’appello per Rodolfo Fiesoli, Luigi Goffredi e per gli altri fedelissimi della setta del Forteto, la struttura a cui il tribunale dei Minori di Firenze ha affidato per una trentina di anni minorenni appartenenti a famiglie con forti disagi sociali che avrebbe subito maltrattamenti e abusi sessuali. Nel processo di primo grado Fiesoli era stato condannato a 17 anni e 6 mesi per violenza sessuale, maltrattamenti e violenza di gruppo, ma oggi la corte d’appello ha ridotto la sua pena a 15 anni e 10 mesi di carcere. La pena per Goffredi, accusato solo di maltrattamenti si è ridotta da 8 a 6 anni.

"L'impianto accusatorio della Procura ha retto: la corte d'appello ha confermato oggi in via definitiva nel merito che il Forteto è stato una setta dove per anni, nella copertura delle istituzioni, si sono perpetrati abusi e maltrattamenti gravissimi”, ha dichiarato il capogruppo di Fratelli d'Italia in Consiglio regionale della Toscana, Giovanni Donzelli, che si è occupato a lungo di questa vicenda. “In questo contesto – conclude Donzelli - è assurdo che i responsabili di questa vicenda, che ha distrutto la vita di centinaia di persone, siano ancora a piede libero. Su tutti Rodolfo Fiesoli, che nonostante la condanna probabilmente non andrà mai in carcere".