Franceschini ha paura per la sua libertà. Di scrittore

Dario Franceschini è preoccupato. Non si sa bene se come lettore, scrittore o ministro della Cultura

Dario Franceschini è preoccupato. Non si sa bene se come lettore, scrittore o ministro della Cultura. Anzi, a dirla tutta, è «molto preoccupato». Lo dice in giro, ai suoi collaboratori, alle agenzie di stampa, a chi gli capita a tiro. Quello che lo turba non è la Barcaccia del Bernini stuprata dagli hooligans di Rotterdam. No, non è la fontana di Piazza di Spagna. È la notizia che forse la Mondadori potrebbe acquistare Rcs Libri. La tragedia delle tragedie e pazienza se in tutto il mondo le case editrici si sposano per sopravvivere. «Ci sono - dice - organi e Autorità che valuteranno in base alle norme tutti i profili dell'operazione. Ma non c'è settore più delicato e sensibile per la libertà di pensiero e di creazione del mercato dei libri». A quanto pare, insomma, Franceschini non si fida di una Mondadori troppo forte. Mondadori infatti per il ministro ha il cognome sbagliato. È di Berlusconi. Berlusconi il censore? Deve essere un altro. Forse Franceschini non sa che Mondadori ha pubblicato di tutto, rispettando tutti. Una breve lista: da D'Alema a una grande fetta della redazione di «Repubblica», gente come Scalfari, Concita De Gregorio, Rampini, non certo amici di Berlusconi. Ha scoperto e pubblicato Saviano. Ma non è questo il punto. Il ministro dovrebbe sapere che non c'è libertà di pensiero senza libertà di mercato. E non ci sono libri senza editori in grado di pubblicarli. Il sospetto è un altro. Forse il ministro, che ha pubblicato cinque libri per Bompiani, proprietà della Rcs, teme per la sua carriera di scrittore. E se gli editor di Segrate poi mi bocciano?

 

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di semovente

semovente

Ven, 20/02/2015 - 15:53

A me sembra che abbia solo paura di dimettersi per i continui crolli a Pompei.

krgferr

Ven, 20/02/2015 - 16:48

Beh...ho difficoltà a pensare che si possa ulteriormente "limitare"la "sua" libertà di "pensiero". Saluti. Piero

GABBIANO51

Ven, 20/02/2015 - 17:35

Ministro si preoccupi dei crolli di Pompei, della devastata "barcaccia" e di tante altre utili cose. Se non è capace si dimetta!

MEFEL68

Ven, 20/02/2015 - 18:14

Più che per l'editore, dovrebbe preoccuparsi per la mancanza di lettori.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Ven, 20/02/2015 - 18:38

...Ministro! Meno scrive e meno...!

angelomaria

Ven, 20/02/2015 - 19:03

SE SCRIVE COME FA POLITICA MEGLIO CHE LO CENSURINO DALL'INIZIO!!

swiller

Sab, 21/02/2015 - 15:01

Ma perchè franceschini sa scrivere? o imiei dubbi.

Ritratto di franco_DE

franco_DE

Sab, 21/02/2015 - 15:09

io personalmente lo manderei a pulire i cessi.