Gasparri a giudizio per un tweet

Il senatore di Forza Italia dovrà camparire davanti al giudice di pace di Pavia: è il primo processo per un tweet in Italia

Gasparri a giudizio per un tweet

A processo per un tweet, alla faccia della libertà di espressione. Maurizio Gasparri è stato, infatti, rinviato a giudizio per ingiuria via Twitter. Come riporta il Corriere della Sera, il prossimo 21 settembre il senatore di Forza Italia dovrà camparire davanti al giudice di pace di Pavia per alcune parole scritte sul popolare social network in una discussione con Riccardo Puglisi, ricercatore di economia dell’ateneo pavese e responsabile delle politiche economiche del movimento di Corrado Passera Italia Unica.

Si tratta del primo processo per un tweet in Italia. Finora la Cassazione si era espressa soltanto per i casi di diffamazione via Facebook. La lite tra i due riguardava il ruolo dell’ex presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, sull'economia e sulla lotta alla mafia. "Ignorante presuntuoso fai vomitare", aveva twittato in privato Gasparri il 30 agosto del 2013 a Puglisi che difendeva Ciampi e il suo operato in economia e sulla lotta contro le cosche mafiose. L'esponente azzurro aveva, invece, ricordato al ricercatore che l’ex presidente aveva affossato la valuta italiana e cancellato il 41bis ai boss.

Commenti