Ha tutte le dosi di vaccino, ma viene multata

Alessandra Basso, europarlamentare della Lega, pur avendo il green pass e tutti i booster previsti viene inserita nella lista degli over 50 no vax

Ha tutte le dosi di vaccino, ma viene multata

Ha tutte le dosi di vaccino e il green pass, ma viene multata. È quanto è accaduto all’europarlamentare della Lega Alessandra Basso. La 55enne è stata inserita nella lista degli over 50 no vax stilata dal ministero della Salute.

Per tale ragione, l’Agenzia delle Entrate le ha chiesto di pagare una sanzione da 100 euro perché non immunizzata. L'attuale normativa prevede il booster obbligatorio per tutte le persone che hanno superato i cinquanta anni di età. La deputata, pertanto, dovrà scrivere all’Asl di competenza per spiegare di essere in regola e dichiarare di non avere alcuna particolare esenzione. Altrimenti riceverà la cartella esattoriale.

Sorpresa, intanto, per l’accaduto la leghista. “Ho fatto – dichiara Basso in un’intervista al quotidiano Il Tempo – la prima dose ad aprile dell’anno scorso. La seconda a giugno. Entrambe a Bruxelles. Per questo motivo ho ricevuto un green pass belga, valido in tutta Europa e quindi anche in Italia”. Secondo quanto riferito dall’europarlamentare, il certificato verde ha sempre funzionato su tutto il territorio nazionale, avendolo utilizzato per andare al ristorante, in aereo e per fare shopping.

Stesso discorso vale per quello ricevuto in Francia dopo la terza dose, effettuata a Strasburgo. Il problema consisterebbe proprio nella difficoltà che l’Agenzia delle Entrate ha nell'acquisire documentazione internazionale. Per la leghista, il suo caso non sarebbe isolato. Diversi i cittadini che dopo essersi vaccinati all’estero sono stati inseriti negli elenchi no vax. Analoga situazione è stata vissuta da alcune persone decedute, in cui parenti si sono ritrovati nella cassetta della posta la sanzione dell’Agenzia delle Entrate.

Ecco perché Basso ha intenzione di avviare una vera e propria battaglia contro errori, a suo parere, "inaccettabili". Pur essendo possibile evitare il pagamento, non è affatto semplice la procedura per annullare la multa. Oltre a comunicare le date delle dosi all’Asl, serve scrivere una missiva nell'area riservata dell’Agenzia delle Entrate, a cui è possibile accedere solo con lo Spid. Un iter complesso anche per chi ha a che fare tutti i giorni con la pubblica amministrazione. “Penso a tutte quelle persone – conclude la salviniana – dell’età di mia madre che non sarebbero state in grado di farlo da sole”.

Commenti