I sondaggi del dopo crisi: M5S sale per effetto Conte Lega in calo

Nei giorni della crisi i grillini passano da 17,4 a 24,2%, grazie all'effetto Conte. La Lega invece perde punti, ma rimane sopra il 30%. Pd recupera e raggiunge il 22,3%

I sondaggi del dopo crisi: M5S sale per effetto Conte Lega in calo

I primi sondaggi dopo la crisi di governo mostrano un panorama politico diverso rispetto alle intenzioni di voto rilevate a metà luglio. E ad oscillare maggiormente sono, in primo luogo, i due ex alleati dell'esecutivo, secondo quanto riporta il Corriere della Sera.

La Lega, infatti, rispetto a luglio scende di poco più di 4 punti, ma si mantiene ancora sopra il 30% e rimanendo il partito con più sostenitori in Italia. Oggi, il Carroccio è accreditato al 31,8% dei consensi, mentre il mese scorso raggiungeva il 36%: un calo sensibile, ma contenuto, soprattutto alla luce della perdita di fiducia in Salvini da parte degli elettori, passata dal 51 al 36% in poche settimane. Il partito, però, resta in testa.

Il Movimento 5 Stelle, al contrario, registra una crescita non indifferente, passando dal 17,4% al 24,2%. Il merito sembra essere, in gran parte, dell'effetto Conte: il premier, infatti, aveva attraversato la crisi senza quasi perdere la fiducia e ora che è visto come un esponente dei 5Stelle, i grillini ne traggono tutti i benefici. Inoltre, il Movimento, staccatosi da Salvini, è tornato a mettere in campo valori, che erano stati lasciati da parte, riconquistando l'elettorato che si era allontanato dopo il patto con la Lega.

In crescita, anche se lieve, il Pd, che passa dal 21,6 al 22,3%. Un timido aumento, che rispecchia la poca convinzione di Zingaretti al governo con i pentastellati, soluzione che ha lasciato nel dubbio anche diversi elettori.

Per quanto riguarda le altre forze in campo, si registra un calo di Forza Italia (dall'8,2% al 6%), una crescita per Fratelli d'Italia, che raggiunge il 7,8% (rispetto al 6% di luglio) e un lieve aumento (un punto) di Leu.

La crisi, quindi, sembra aver scombinato gli equilibri politici, facendo variare in poche settimane le preferenze e il sostegno degli elettori ai diversi partiti.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento