I tedeschi ora smontano Conte: "Perché non ha un programma"

Duro il giudizio del quotidiano tedesco "Handelsblatt", secondo il quale il successo del premier deriva prevalentemente dalla crisi sanitaria che ha travolto il Paese. Adesso però Conte "deve presentare un programma concreto”

I tedeschi ora smontano Conte: "Perché non ha un programma"

Con un occhio sempre puntato sulla situazione italiana, la stampa tedesca fa un'analisi dell'attuale esecutivo che governa il nostro Paese e sul presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ritenuto un vero "fenomeno politico".

A soffermarsi sulla figura del premier è il quotidiano di economia e finanza "Handelsblatt", il quale dopo aver analizzato le ragioni che hanno portato ad un suo incremento di fama dinanzi all'opinione pubblica, lancia però un avvertimento al sedicente avvocato del popolo, consigliandogli di trovare adesso un vero programma politico. "In Italia il giudizio su Conte è positivo", spiega il quotidiano tedesco. "Un professore di diritto senza esperienza politica, che ora guida il secondo governo di coalizione, e che, nonostante il Coronavirus e la grave crisi economica, resta di gran lunga il politico più popolare del Paese". Il successo di Conte, tuttavia, deriverebbe unicamente dall'emergenza sanitaria, aggiunge "Handelsblatt", che non manca di muovere pesanti critiche nei confronti del presidente del Consiglio, bacchettato sia per essere ricorso troppe volte agli annunci sulla propria pagina Facebook che per il comportamento da lui tenuto nei confronti del Parlamento italiano.

Descritto come inizialmente insicuro, Conte viene ora definito come fiducioso ed a tratti arrogante. "Ha da tempo messo da parte l'incertezza iniziale, oggi appare fiducioso e talvolta arrogante, dice il quotidiano, che attacca ancora:“A gennaio ha imposto lo stato di emergenza in Italia, che è ancora in vigore. Tutti sono stati soggetti ad un coprifuoco rigorosamente controllato, più lungo e più duro rispetto agli altri paesi europei. Infine l'arresto della produzione. Questioni come la politica industriale o il problema dei rifugiati sono rimaste indietro”.

Oltre al Coronavirus, l'unica altra questione che sembra interessare all'attuale governo è la lotta contro il leader della Lega. “Prevenire la vittoria elettorale di Salvini è il collante che tiene unita la coalizione”, sentenzia infatti "Handelsblatt". Di questo passo, tuttavia, la maggioranza non potrà andare avanti a lungo, anche perché da ora in poi Conte “non sarà più giudicato per il suo modo di gestire la crisi, ma per la sua capacità di risolvere o meno la drammatica situazione economica”. Soltanto nel secondo trimestre l'economia italiana ha subito una contrazione pari al -12,4%, con 500mila posti di lavoro persi da inizio febbraio. I provvedimenti messi a punto dall'esecutivo per sostenere aziende e famiglie sono stati giudicati poco incisivi: “Finora il governo ha deciso tre pacchetti di aiuti, che però hanno un volume ridotto rispetto ad altri paesi”.

“Conte è stato festeggiato come un eroe in Italia dopo l'accordo al vertice Ue sul fondo per la ricostruzione. Perché il Paese riceve 209 miliardi di euro, 127 miliardi di euro in prestiti, 81 miliardi di euro in sovvenzioni, che il Paese non deve rimborsare”, spiega "Handelsblatt". “Da allora a Roma imperversa la lotta per la distribuzione”. “Il tempo è essenziale per Conte”, prosegue il quotidiano tedesco, che lancia un avvertimento al premier. “Allo stesso tempo, tuttavia, dovrà anche tenere insieme i membri della coalizione che sono già tornati in modalità campagna elettorale e vogliono lasciare il segno alle elezioni regionali tra due settimane”. Resta poi la questione Fondo salva-Stati. “Se Conte chiede i fondi Mes, vuol dire che vuole guidare l'Italia, dice Renzi. Per Giuseppe Conte si tratta del prossimo test della sua strepitosa carriera”.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti